Agricoltura

Cerchi terra da coltivare? Trovala così

16 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

CIR Terraxchange1Un anno e mezzo fa, su CIR, avevamo già diffuso la notizia della nascita di questa iniziativa. Vediamo a che punto sono arrivati da allora.

Sono già centinaia gli utenti di Terraxchange, un progetto di mappatura dei terreni disponibili da coltivare in Italia che mette in contatto chi questi terreni li concede e chi li cerca. L'idea, partita in sordina qualche anno fa, sta prendendo sempre più piede.

Cerchi terra da coltivare? Trovala così - 3.5 out of 5 based on 2 votes

Piante e pianeti

24 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

paolo pistisLe piante sono dei veri e propri catalizzatori di forze vitali. Possono veicolare nei campi, nel giardino e nell'orto vere e proprie energie vitali.
Queste forze vitali arricchiscono il luogo di benessere a favore di tutti gli esseri viventi inclusi gli esseri umani. Tra le piante sono in particolare gli alberi che svolgono il ruolo di antenne cosmiche capaci di attrarre verso la terra e il suolo luce e particelle cosmiche che vengono inglobate dai tessuti vegetali. Le piante da parte loro elargiscono piccole quantità di particelle nell'aria come ad esempio gli oli esseziali e le resine.

di Paolo Pistis (Docente e relatore in vari enti di formazione, convegni, università, Cia, Coldiretti, e associazioni culturali sull'agricoltura biodinamica da oltre 25 anni.)

Piante e pianeti - 4.0 out of 5 based on 5 votes

Torneremo tutti agricoltori, e sarà la nostra salvezza

27 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Agricoltura TorneremoForse ha ragione Nietzsche, forse la storia è davvero un eterno ritorno dell'eguale. Negli anni '50 eravamo una terra di agricoltori diventati operai. Nel giro di vent'anni gli operai sono diventati impiegati. Il problema sono i figli degli impiegati, cui era stata promessa la luna di un lavoro creativo, senza cravatte, gerarchie, noia. E che, complice la crisi economica, si sono ritrovati, molto più prosaicamente, senza un lavoro. Molti di loro ancora non si sono rassegnati a cercare il loro personale eldorado nella giungla del terziario avanzato. Altri, invece, sono tornati al punto di partenza, ai campi e alla terra: nel 2013, le iscrizioni ai dipartimenti di agraria in tutta Italia sono aumentate del 40% circa.

Torneremo tutti agricoltori, e sarà la nostra salvezza - 4.0 out of 5 based on 5 votes

L'ATTACCO DI REPORT AL BIO: NO ALL'ALLARMISMO!

17 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

L attacco di Report al bio no all allarmismoI biofurbi sono stati colti sul fatto. Il grande inganno è stato svelato. Grandi parole capaci di colpire l'opinione pubblica, ma quanto sono pertinenti? Nella puntata di Report andata in onda domenica 14 dicembre, in cui si è voluto informare i telespettatori, sulle possibili truffe nel bio, cosa che peraltro noi facciamo ogni mese sulla nostra rivista, si è parlato di riso biologico e di cosmesi naturale, accostando due tipologie di prodotto che hanno ben poco in comune. 

L'ATTACCO DI REPORT AL BIO: NO ALL'ALLARMISMO! - 2.5 out of 5 based on 4 votes

Ecco come l’agricoltura industriale sta facendo ammalare noi e la terra

18 Settembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

agricoltura intensivaI terreni trattati con prodotti chimici, sfiancati dallo sfruttamento intensivo e dall'agricoltura industriale causano un impoverimento del cibo che quindi non fornisce agli esseri umani i nutrienti di cui ha bisogno. E' la conclusione cui sono giunti numerosi studi di cui si parla anche nel libro appena uscito di Courtney White, "Grass, soil, hope". Ma la soluzione c'è.

Ecco come l’agricoltura industriale sta facendo ammalare noi e la terra - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Revocato il permesso alla soia ogm nello Yucatan

12 Agosto 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Le coltivazioni geneticamente modificate hanno ormai colonizzato il Messico, divenuto porto franco delle multinazionali del biotech. E ora questa nazione sta pagando un prezzo sempre più alto. E mentre il governo continua a dare l'ok a sempre nuove coltivazioni, i giudici del distretto federale hanno detto no, bloccando l'autorizzazione per la soia Monsanto nello Yucatan.
Monsanto Messico

Terra ai giovani: c'è il decreto

30 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Terra giovaniLo Stato ha sbloccato oltre 5.500 ettari di terreni agricoli del Demanio e del Corpo forestale, che verranno venduti o affittati a giovani che vogliono diventare imprenditori agricoli. Si tratta per lo più di terreni molto frazionati e spesso incolti: l'idea è quelli di dare una occasione di lavoro alle nuove generazioni. La legge, che risale al 2012, ha dovuto attendere fino al luglio 2014 per l'emanazione di un decreto attuativo firmato da Maurizio Martina, ministro delle politiche agricole.

Da settembre, l'equivalente di 7 mila campi di calcio saranno venduti o affittati preferibilmente a giovani che hanno già un'impresa agricola (secondo Coldiretti sono almeno 50 mila) o che intendono crearla e mantenerla per i prossimi 20 anni. Gli under 40, infatti, potranno godere del diritto di prelazione (la precedenza a parità di prezzo) e la concessione di maggiori agevolazioni, come mutui a tasso zero.

Terra ai giovani: c'è il decreto - 5.0 out of 5 based on 3 votes

La sull'altopiano, dove Emanuele e Alessandra producono formaggi biologici

09 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Emanuele2Ecco un altro splendido esempio dell'Italia che cambia in sordina, lontano dalle pagine dei giornali. Un esempio pratico di nuova economia, nuova ecologia e nuova concezione della vita.

Lui veterinario, lei laureata in Letteratura e un posto di lavoro all'Università. Dieci anni fa mollarono tutto per inseguire un sogno. Oggi gestiscono una fattoria modello.

Vicino alla città, ma distante quanto basta per far impazzire il navigatore satellitare. Per realizzare la fattoria Emanuele La Barbera e Alessandra Rabitti cercavano un posto così, "dove non si vedessero case, strade e non si sentissero rumori". Lo hanno trovato quassù, in località San Quirico, tra boschi e prati, un luogo ancora incontaminato a pochi chilometri da Orvieto. Era il 2006 e allora, oltre al terreno, c'era solo un rudere. Lo stesso che oggi, ristrutturato, è diventato la loro abitazione, mentre intorno è sorta l'azienda biologica specializzata nella produzione di formaggi caprini.

La sull'altopiano, dove Emanuele e Alessandra producono formaggi biologici - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Un piccolo orto che si irriga da solo. Realizzalo anche tu!

17 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

giardino auto-irriganteUna delle cose più impegnative dell'avere un orto è ricordare di irrigarlo regolarmente.
Un sistema di irrigazione automatico risolverebbe il problema ma può essere costoso realizzarlo.

 

Un piccolo orto che si irriga da solo. Realizzalo anche tu! - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Cotone Ogm: in India bandite le sementi Monsanto dopo i pessimi raccolti di BT Cotton

13 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

cotone ogm indiaIl Governo di Kamataka, uno Stato del sud-ovest dell'India, ha deciso di mettere al bando le sementi di cotone Ogm e ibride a seguito dei pessimi risultati dei raccolti. Le sementi vengono prodotte dalla Maharashtra Hybrid Seeds Company (Mahyco) in stretta collaborazione con Monsanto.

Kamataka è una delle regioni in cui avviene la maggiore produzione di cotone indiana. Le coltivazioni biotech non si sono rivelate valide né dal punto di vista della resistenza agli attacchi di insetti e parassiti, né per quanto riguarda le rese. Il fallimento dei raccolti ha causato gravi perdite economiche ai contadini di 7 distretti.

Cotone Ogm: in India bandite le sementi Monsanto dopo i pessimi raccolti di BT Cotton - 5.0 out of 5 based on 1 vote

I cittadini occupano la più grande azienda agricola del Lazio

07 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

CasteldiguidoRoma, 5 mag. - (Adnkronos) - Questa mattina il Coordinamento Romano per l'Accesso alla Terra ha simbolicamente occupato l'area dell'Azienda Agricola Castel di Guido per ribadire la richiesta al presidente Zingaretti, alla giunta regionale e al consiglio di ritirare l'immediatamente l'art. 20 della proposta di legge n 147 dove si prevede la vendita del patrimonio agricolo pubblico.

"Qualora la nostra richiesta di evitare la vendita delle terre pubbliche e il loro affidamento agli agricoltori non venisse accolta, proseguiremo nei prossimi giorni con altre azioni dimostrative coinvolgendo un numero ancora maggiore di aziende del territorio laziale. Annunciamo intanto una conferenza stampa presso il consiglio regionale della regione, a La Pisana, mercoledi 7 alle ore 12.00", fa sapere in una nota il coordinamento.

Vignaiolo rischia multa e detenzione per essersi rifiutato d'inquinare il suo campo con i pesticidi

10 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Flavescenza"Un produttore di vino da agricoltura biodinamica non esegue il trattamento sistematico contro gli insetti che causano la flavescenza dorata, e ora rischia una multa di 30.000 euro e 6 mesi di reclusione. Succede in Francia, a Beaune..." Così recita il pezzo italiano che riprende una notizia pubblicata da Decanter.com e la prima domanda che è sorta spontanea è stata: questo viticoltore ha causato danni ai vigneti dei propri vicini? La risposta è no. Emmanuel Giboulot rischia una multa ingente e la detenzione senza aver causato nessun danno, anzi, per non avere eseguito i dettami di una legge che prescrive un inquinamento preventivo da insetticidi anche in mancanza di un effettivo pericolo.

Vignaiolo rischia multa e detenzione per essersi rifiutato d'inquinare il suo campo con i pesticidi - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Fuori l'agricoltura dal Wto, fuori il Wto dall'agricoltura

10 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

L'iniziativa della Coldiretti di denunciare come nel nostro paese ogni giorno entrano migliaia di prodotti stranieri che poi vengono spacciati per italiani con un'etichettatura non veritiera, non è che la punta dell'iceberg di un sistema globalizzato che si è impossessato dell'agricoltura legandola a mere logiche di mercato e impoverendo negli ultimi decenni il grande patrimonio agroalimentare di cui disponiamo. E' possibile accettare che la maggior parte del nostro cibo può divenire malsano e intossicato, oltre che non più prodotto in Italia, solo per favorire il profitto dei colossi finanziari e delle multinazionali a questi legati?

Zaccagnini1

Fuori l'agricoltura dal Wto, fuori il Wto dall'agricoltura - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Genuino Clandestino a Firenze

24 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

genuino clandestino1Firenze, 31 ottobre- 3 novembre
Nell'autunno 2009 la rivendicazione del diritto dei contadini ad autoprodurre trasformati dalle proprie materie prime porta alla campagna per i prodotti "genuini clandestini". Questo tema suscita grande interesse e nasce la rete nazionale GENUINO CLANDESTINO per consentire il confronto tra le realtà di produttori e co-produttori che praticano l'agricoltura contadina e organizzano mercati autogestiti.

Genuino Clandestino a Firenze - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Coltivare terre abbandonate

19 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Terre abbandonateLa proposta di Marco Tacconi è semplice, ci sono tantissimi terreni agricoli incolti e abbandonati, perchè non sollecitare i proprietari che sono interessati a metterli a disposizione? Questi terreni potrebbero essere gestiti e utilizzati da qualsiasi persona o gruppo che voglia mantenerli produttivi. L'idea fondante è creare una rete di protezione verso aree degradate per arginare la perdita di terreni produttivi, ma anche l'incuria del proprio territorio, una delle cause principali di dissesti idrogeologici. Secondo i promotori del progetto non esistano terreni "improduttivi". Ogni spazio privato e libero ha un valore che va oltre le valutazioni economiche. Ogni terreno merita protezione e cura. Il portale terraxchange.it cerca di trovare un coltivatore per ogni spazio agricolo disponibile. Marco Tacconi ha risposto ad alcune domande.

 

Coltivare terre abbandonate - 4.7 out of 5 based on 16 votes

Il cibo non è una merce. In memoria dell'agricoltura siciliana

31 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

CiboAbbiamo abbandonato il nostro concetto di qualità per sostituirlo con dei parametri che vanno bene per le macchine e non per l'essere umano. È stato come vendere la nostra evoluzione per un piatto di lenticchie".

Il cibo non è una merce. In memoria dell'agricoltura siciliana - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna.

17 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

coldirettiQuasi un'impresa agricola italiana su tre è nata negli ultimi dieci anni a dimostrazione di un profondo processo di rinnovamento che si è verificato nell'agricoltura italiana
Non c'è solo il problema della disoccupazione, più di tre giovani sotto i 40 anni su quattro (77 per cento) una volta trovato il lavoro pensano di cambiarlo perché sono scontenti. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Swg presentata all'Assemblea nazionale della principale organizzazione agricola dove è stato aperto il primo Open Space "Mollo tutto, nuova vita in campagna" con le storie, il lavoro ed i curiosi prodotti di chi ha cambiato radicalmente vita per andare a fare l'agricoltore in campagna, realizzando il sogno di tanti italiani.

Secondo l'indagine Coldiretti/Swg, infatti, il 38 per cento dei giovani italiani oggi preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (28 per cento) o fare l'impiegato in banca (26 per cento).

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna. - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna.

17 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

coldirettiQuasi un'impresa agricola italiana su tre è nata negli ultimi dieci anni a dimostrazione di un profondo processo di rinnovamento che si è verificato nell'agricoltura italiana
Non c'è solo il problema della disoccupazione, più di tre giovani sotto i 40 anni su quattro (77 per cento) una volta trovato il lavoro pensano di cambiarlo perché sono scontenti. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Swg presentata all'Assemblea nazionale della principale organizzazione agricola dove è stato aperto il primo Open Space "Mollo tutto, nuova vita in campagna" con le storie, il lavoro ed i curiosi prodotti di chi ha cambiato radicalmente vita per andare a fare l'agricoltore in campagna, realizzando il sogno di tanti italiani.

Secondo l'indagine Coldiretti/Swg, infatti, il 38 per cento dei giovani italiani oggi preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (28 per cento) o fare l'impiegato in banca (26 per cento).

Pagina 2 di 3