Alimentazione

Km0: il Vicino Genuino della Porta Accanto

23 Aprile 2014 Scritto da probios
Pubblicato in Alimentazione

kmzero naturatoscana1I FOCUS DI PROBIOS - Articolo Promozionale

Il termine chilometro zero (km 0) – mutuato dal protocollo di Kyoto – indica una politica commerciale nella quale i prodotti vengono ottenuti, trasformati e venduti nella stessa zona di produzione. Quindi si predilige il prodotto locale garantito nella sua genuinità, in contrapposizione al prodotto globale spesso di origine non adeguatamente certificata.

In agricoltura un alimento definito a chilometro zero è quello così detto a "filiera corta" che, per giungere dal luogo di produzione a quello di vendita e consumo, ha percorso il minor numero di chilometri possibile (che tuttavia solo raramente sono davvero pari a zero), riducendo così l'impatto ambientale che il trasporto comporta, e in particolare l'emissione di anidride carbonica che incrementa il livello di inquinamento.

Km0: il Vicino Genuino della Porta Accanto - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Non solo Monsanto

16 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

La discussione sui semi geneticamente modificati è dominata dalle critiche rivolte alla MONSANTO. Sulla scia della MONSANTO la compagnia tedesca BAYER è diventata una delle più grandi multinazionali dell'agricoltura nel mondo. La BAYER è già oggi uno dei principali fornitori di pesticidi e di semi. Una recente indagine all'Ufficio Europeo dei Brevetti mostra che, in termini di numero di brevetti sugli OGM, la BAYER è addirittura la prima.
Logo Bayer Crop
Mais, frumento, riso, orzo, soia, cotone, barbabietola da zucchero, rape, patate, tabacco, pomodori, uva: la lista delle piante transgeniche di cui la BAYER CROPSCIENCE detiene il brevetto, è lunga. La multinazionale ha brevettato anche alberi geneticamente modificati, come per esempio, pioppi, pini ed eucalipti. Questo è il risultato di una recente indagine presso l'Ufficio Europeo dei Brevetti di Monaco, in Germania, condotta dalla Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (Germania) assieme a No Patents on Seeds! (No ai brevetti sui semi!). A questo scopo, l'iniziativa ha esaminato tutte le richieste di brevetto presentate dalla BAYER negli ultimi 20 anni. Secondo i risultati dell'indagine, la Compagnia possiede 206 dei 2000 brevetti concessi in totale in Europa su piante transgeniche. Questo mette la BAYER al primo posto, davanti a PIONEER (179), BASF (144), SYNGENTA (135) e MONSANTO (119).

Non solo Monsanto - 5.0 out of 5 based on 1 vote

LA FIBRA ALIMENTARE

26 Marzo 2014 Scritto da probios
Pubblicato in Alimentazione

I FOCUS DI PROBIOS - ARTICOLO PROMOZIONALE

Nonostante non sia da considerarsi una sostanza "nutriente", la fibra alimentare è da ritenersi un componente fondamentale nella dieta quotidiana di ognuno di noi.
Le fibre alimentari sono costituite principalmente dalle pareti cellulari delle piante e dei loro frutti; non possono essere digerite nell'intestino tenue poiché il nostro organismo è carente dell'enzima deputato a farlo e transitano quindi nell'intestino crasso, fino alla loro espulsione. A seconda che i loro principali costituenti siano o meno solubili in acqua, si distinguono in fibre solubili e insolubili. Ambedue i tipi si trovano in proporzioni differenti all'interno degli alimenti ed intervengono, con differenti effetti nei processi digestivi, intestinali e metabolici.
CRUSCA500g

LA FIBRA ALIMENTARE - 2.0 out of 5 based on 1 vote

Ogm e leucemia: la tossina Bt sotto accusa

17 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

OGM TossinaA rivelarlo è la rivista scientifica Journal of Hematology & Thromboembolic Diseases secondo cui la tossina Bt ingegnerizzata in gran parte dei cereali ogm per il consumo anche umano ha un potenziale "leucemogeno".

Ogm e leucemia: la tossina Bt sotto accusa - 3.3 out of 5 based on 3 votes

Perché la Coca cola fa male?

05 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

CocacolaTutti sanno che la Coca cola fa male ma in pochi sanno veramente il perché. Proviamo ad elencare i motivi per cui sarebbe meglio evitare questa bevanda e tutte le altre bibite gassate e zuccherine. Ecco cosa succede al nostro corpo quando beviamo Coca cola, Fanta, Sprite etc...

La pubblicità della coca cola ci dice: "Bevete coca cola, la bevanda della felicità!" Oggi "250 milligrammi in più di felicità nella nuova confezione, etc.." Ma dov'è la felicità nel dare una bella strizzata al pancreas con un incremento di insulina che crea grasso endogeno? E questo è niente: i problemi vengono dopo. Ma andiamo con ordine per spiegare perché la Coca cola fa male alla salute.

Perché la Coca cola fa male? - 4.1 out of 5 based on 88 votes

I FOCUS DI PROBIOS - ALIMENTAZIONE BIOLOGICA E SPORT: UN TEAM VINCENTE!

27 Febbraio 2014 Scritto da probios
Pubblicato in Alimentazione

manetti4ARTICOLO PROMOZIONALE 

L’avventura di Probios nel mondo dello sport ha radici lontane, quando nel 2005 avviò un progetto di collaborazione con l’allora neopromosso in serie A Palermo Calcio. Lo staff medico, i preparatori sportivi e l’allenatore di allora, Francesco Guidolin, avviarono assieme all’azienda fiorentina un progetto unico nel suo genere: alimentazione biologica per tutta la prima squadra.

La scintilla dell’idea nacque dal presupposto che non può esserci benessere senza una sana alimentazione. Partendo da questo concetto, il passo verso la scelta biologica fu breve.

Il Palermo ottenne ottimi risultati quell’anno, arrivò infatti al 6° posto in campionato e si qualificò agli ottavi di Coppa Italia, un risultato importante per una squadra al primo appuntamento con la maggiore competizione italiana.

 

IL SEME DELLA CONCORDIA

28 Gennaio 2014 Scritto da probios
Pubblicato in Alimentazione

Probios SEMI DI GIRASOLE

Il seme al suo interno racchiude tutto il codice genetico e i primi nutrienti per far crescere la nuova piantina, è la parte dove si concentrano i valori nutrizionali di una pianta.
Da millenni l'uomo nella sua alimentazione ha introdotto semi come quelli dei cereali: frumento, mais e riso e molti altri presenti praticamente in ogni pasto, ma anche legumi come piselli, soia, fagioli e simili che si trovano spesso in tavola. 

Quelli forse più trascurati e che per tradizione appartengono alle culture anglosassoni sono i semi oleosi come mandorle, noci, nocciole, semi di girasole, semi di sesamo e simili.

Le caratteristiche nutrizionali dei differenti "semi" sono diverse:
i cereali forniscono prevalentemente carboidrati; le leguminose apportano proteine a volontà e i semi oleosi, come capiamo dal nome, sono particolarmente ricchi di lipidi, in composizione e percentuale diversa.

IL SEME DELLA CONCORDIA - 5.0 out of 5 based on 3 votes

COMUNICATO DI PROBIOS A CHI E' INTOLLERANTE AL LATTE

24 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo avviso inviatoci da Probios.

Probios comunicato ritiro bis

10 modi per alcalinizzare il corpo

03 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Alcalinizzare il corpo è fondamentale. L'acidità del corpo condiziona le malattie, l'eccesso di peso e molti altri problemi di salute. Fortunatamente, rendendo il corpo più alcalino ( l'opposto di acido) è facile.
alcalinizzare-il-corpo

10 modi per alcalinizzare il corpo - 4.2 out of 5 based on 13 votes

Clowning Around With Charity, ovvero come McDonald's si serve della filantropia puntando l'attenzione sui bambini

02 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

MerdonaldsIn un dossier di trenta pagine, l'avvocatessa Michele Simon illustra le operazioni di marketing del colosso americano travestite da opere di beneficenza con l'obiettivo e la conseguenza di ottenere consenso e approvazione attraverso un messaggio distorto della carità.

L'attenta ricerca di Michele Simon sul modo in cui McDonald's utilizza la filantropia in riferimento ai bambini è puntuale, analitica e condotta con estremo rigore scientifico. Disarma o, al contrario, "arma" il lettore. Quel che è certo è che provoca sconcerto.

Carciofi esplosivi?

19 Dicembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

CIR Carciofo19-12-2013 Ad Olginate (Lecco), una donna ha denunciato ai Carabinieri che un carciofo facente parte di una confezione da lei acquistata in un supermercato, è esploso nella sua cucina, mentre lei cercava di tagliarlo. L'inspiegabile episodio potrebbe potrebbe essere stato causato da una reazione chimica legata a un fertilizzante usato nella coltivazione.

Il supermercato, che riceve il prodotto già confezionato, lo ha ritirato dagli scaffali.  Sono partite le indagini da parte della ASL e dei Carabinieri.

Un episodio analogo era già successo ad una donna di Trieste, che fu ricoverata nel 2003 a seguito dell'esplosione del carciofo che stava pelando.

A quanto pare altri episodi simili sono accaduti anche in altre parti del mondo.

Occorre fare attenzione anche al riso.

13 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

gallette-di-risoArsenico, acrillamide e cadmio in quantità elevate. Il test di laboratorio effettuato in Germania è un vero shock: tutte le gallette di riso risultano contaminate. Comprese quelle biologiche...

Ma non solo le gallette. Secondo una ricerca della Food&Drugs Administration (FDA) americana, praticamente tutto il riso risulta contaminato da arsenico, e per quanto non spinga per l'abandono del consumo di riso (anche perchè sarebbe una bella botta ai mercati, verso cui la FDA ha sempre un occhio di riguardo), consiglia vivamente di variare molto la dieta, con grani e cereali diversi.

Occorre fare attenzione anche al riso. - 3.3 out of 5 based on 3 votes

Una app per boicottare Monsanto

25 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

buycottQuante volte ci siamo chiesti, nel momento in cui acquistiamo un prodotto apparentemente green o "naturale", quale sia in realtà la sua vera provenienza e se quanto riportato sull'etichetta corrisponda a verità... Certo, è spesso complicato risalire alla vera natura di un prodotto e ai suoi legami con aziende definite "non etiche" a causa delle loro pratiche non sostenibili.

Ma adesso abbiamo un aiuto in più per sapere cosa stiamo comprando: grazie ad una App, saremo in grado di passare allo scanner ogni nostro acquisto, per sapere se stiamo contribuendo ad alimentare aziende e multinazionali non etiche.

 

 

Una app per boicottare Monsanto - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Latte e Pus

18 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Latte Pus"Il latte fa bene", me lo ripetevano spesso i miei genitori, tanto che oltre a darmelo a colazione, me lo rifilavano anche la sera dopo cena, prima di andare a letto, insieme al cioccolato in polvere. In realtà però, molte nostre convinzioni su questo alimento destinato a vitelli che in pochi mesi crescono di mezzo quintale, è errato. Bere latte di mucca agli esseri umani non farebbe bene nemmeno se non contenesse gli additivi che ci finiscono: gli ormoni per fare crescere le mammelle alle mucche più del normale (e quindi aumentare la produzione) gli antibiotici che gli vengono somministrati, il PUS derivante dalla mastite che a causa della mungitura meccanica diventa cronica. Prima di lasciarvi alla lettura del seguente articolo, vi ricordo che l'Unione Europea, a 12 anni di distanza dalla "mucca pazza" ha deciso di permettere nuovamente l'utilizzo di farine animali per alimentare i bovini (Leggi tutto...) con tutte le conseguenze che ne derivano...

Latte e Pus - 3.9 out of 5 based on 14 votes

Vino, lo studio francese: “Pesticidi anche nelle bottiglie biologiche”

31 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Tempo di vendemmia. Un tempo in cui si potrebbe azzardare qualche osservazione sulla qualità delle uve raccolte, dei mosti e dei vini. Ma è troppo tardi: sui giornali e sulle riviste nazionali e internazionali sono già piovute, nelle ultime settimane, le ottimistiche previsioni annuali. Sicché, in questi giorni più consoni a delle osservazioni analitiche su un'annata che si presenta per niente favorevole, spunta invece la denuncia di una associazione francese di consumatori, la UFC-Que Choisir.

Vino Pesticidi

Come la spiritualità migliora il sapore dei buoni cibi.

29 Ottobre 2013 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

Spiritualità e ciboIl sapore dei cibi ci comunica le loro qualità. Un pasto mangiato in fretta non ci fa capire molto dei cibi che mangiamo. Ma se ci abituiamo a pensare e sentire con calma e attenzione a quello che stiamo masticando una serie di mondi si aprono. Dei quali non sospettavamo l'esistenza.

 

 

 

 

Come la spiritualità migliora il sapore dei buoni cibi. - 5.0 out of 5 based on 7 votes

Alimentazione, Nobel del cibo alle multinazionali OGM

23 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

monsantonobelIl World Food Prize 2013 è stato assegnato al vicepresidente esecutivo della Monsanto e sviluppatore del primo seme di soia geneticamente modificato. Robert Fraley condividerà il premio con due colleghi biotecnologi, uno della società biotech Sygenta e l'altro dell'Institute of Plant Biotechnology Outreach.

Alimentazione, Nobel del cibo alle multinazionali OGM - 5.0 out of 5 based on 5 votes

I PADRONI DEL CIBO

16 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Padroni del ciboLA TERRA E' UNO STRANO POSTO. Se la guardate con gli occhi di Raj Patel. Le persone in sovrappeso sono un miliardo, mentre 800 milioni sono quelle che soffrono la fame. Ogni anno le multinazionali del cibo mettono sul mercato 15-20 mila nuovi prodotti alimentari, ma nei paesi in via di sviluppo è in corso un'epidemia di suicidi tra gli agricoltori che vanno in rovina per via dei mercati globali."Per ogni dollaro speso per promuovere alimenti naturali si spendono 500 dollari per pubblicizzare junk food", spiega Patel. Ma chi è Patel? E perché è diventato famoso?

Pagina 4 di 6