Arte e Cultura

Un minuto di silenzio

27 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR 1minutoNegli anni 70,Marina Abramovic visse un’intensa storia d’amore con Ulay.

Per 5 anni vissero in un furgone realizzando opere di ogni tipo. Quando sentirono che la relazione non soddisfaceva più nessuno dei due, decisero di percorrere la Grande Muraglia cinese; uno da un lato ed uno dall’altro, cominciarono a camminare per incontrarsi, poi, nel mezzo, dare un ultimo grande abraccio e non vedersi mai più.

23 anni dopo, nel 2010, quando Marina era già un artista consacrata, al MoMa di New York dedicò una retrospettiva alla sua opera. In questa retrospettiva, Marina condivideva un minuto di silenzio con ogni estraneo che si sedesse dinanzi a lei.

Ulay arrivò senza che Marina lo sapesse e ...

Un minuto di silenzio - 4.0 out of 5 based on 5 votes

Sua maestà il cemento: Salerno come Barcellona

20 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Ciudad de la justiciaCapita di girovagare per le strade di Barcellona a bordo di una Vespa ben riadattata. Percorrere il circuito metropolitano battuto dal turismo di massa che cinge la città in pacifici ma chiassosi assedi. Infilare l'Avenida del Carrilet, un'arteria a tre corsie che conduce verso sud, al cuore di L'Hospitalet de Llobregat, conglomerato urbano oramai fagocitato dalla periferia della capitale catalana. Di colpo, dinanzi agli occhi si apre uno scenario che ci riporta in Italia.

Diciassette edifici che si stagliano in un'area di oltre duecento mila metri quadrati trasferiscono l'immaginario all'area dello scalo merci ferroviario di Salerno.

Sua maestà il cemento: Salerno come Barcellona - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Casus belli

15 Febbraio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

casus belliProponiamo un corto del regista greco Yorgos Zois, in concorso a Venezia 2010 e premiato dalla critica e in vari festival del mondo.

Il concetto espresso dalle stesse parole del regista è: "Se cade un uomo, cadiamo tutti".

Come non essere d'accordo?

Casus belli - 4.0 out of 5 based on 1 vote

L’uomo che cambiava il mondo piantando alberi.

14 Febbraio 2013 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR GionoQuesto bellissimo film d'animazione del 1987 di Frédérick Back tratto dal famoso romanzo di Jean Giono " L'uomo che piantava gli alberi" , rimane a decenni di distanza un capolavoro iniziatico che vale la pena riproporre e vedere con attenzione .

Il disegno poetico è leggero e sostiene il testo in modo mirabile. Non c'è differenza tra la lettura, il sogno, l'ideale, la realtà, la bellezza delle immagini evocate da un segno sottile, ed essenziale.

Elzeader Bouffier è il protagonista della storia. E' incredibile come l'uomo e l'ambiente siano indissolubilmente legati e cosa un solo uomo può fare con l'amore e l'impegno costante per sé e per il mondo che lo circonda.

Il film Insegna... "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre alla distruzione".

Lo straordinario mondo delle forme volanti

11 Febbraio 2013 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Che cosa è una foglia che si alza al vento, la danza di una lingua di fuoco nella notte, un'onda che s'infrange lunga sulla sabbia, e l'aria che densa di nuvole si compone in valli e montagne di altri mondi come specchio eterico della materia più densa.

É la natura. É la materia e la straordinaria bellezza della sua manifestazione, tra l'armonia e la disarmonia, tra l'esistenza visibile e le sue forme dinamiche nell'incontro con le forze del vento, della gravità, dell'energia sottile.

La natura danza provocando stupore.

Wurtzel2

 

 

Lo straordinario mondo delle forme volanti - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Coscienzeinrete a Ferus

30 Gennaio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

FerusA 30 anni dall'assassinio del magistrato Giangiacomo Ciaccio Montalto, il 25 Gennaio 2013 si è svolto presso il Palazzo di Giustizia di Trapani un evento  che ha affidato un messaggio di speranza alla voce ed al sentire della cultura, dell'arte e dell'impegno civile, nella convinzione che il bello, il giusto ed il buono della Sicilia sconfiggeranno la violenza, la sopraffazione e la devianza criminale che ne hanno insanguinato le strade.

Si tratta del secondo evento Ferus quest'anno: il primo aveva già riscosso una grande partecipazione popolare  al Palazzo di Giustizia di Catania lo scorso 23 maggio, per il ventennale dalle stragi di Capaci e di Via D'Amelio, trasformando il tribunale in luogo ideale per l'espressione.

La vera Arte

18 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

aivanhov"Che gli artisti siano dei creatori, che producano delle opere, è
magnifico! Ma ciò non basta; devono anche preoccuparsi di ciò che
emana da loro stessi. La vera arte consiste nel fare della
propria esistenza e del proprio intero essere un'opera d'arte in
cui tutto sarà poesia, musica, luce, armonia di colori, di forme
e di movimenti.
L'arte dell'avvenire consisterà nel far capire all'essere umano
come egli possa ritrovare il suo volto originale, il volto della
Divinità... Saranno necessari molto tempo, molti sforzi e molto
lavoro per giungere a questo; ma non ci si deve lasciar fermare
dalla questione del tempo, perché se è vero che le creazioni che
l'uomo produce all'esterno non gli appartengono - deve infatti
abbandonarle al momento della morte - il lavoro che ha intrapreso
su se stesso dura invece per l'eternità."

Omraam Mikhaël Aïvanhov

E’ partita la nostra Onda per un’Arte che si riempia di Significato, di Bellezza e di Amore. Vuoi partecipare?

17 Gennaio 2013 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

malczewski3

Il Cenacolo di Castel Giorgio (16 febbraio) è stato un successo che ci riempie di speranza. Tanti artisti e persone interessate al tema sono confluiti da varie parti d’Italia, rispondendo all’appello di Coscienze in Rete per pensare insieme a come rivitalizzare l’Arte. Ed a quali iniziative di rete prendere in tal senso, lavorando insieme.

Si tratta di un tema molto difficile, perché l’Arte e tutte le forme pensiero che la circondano sono state letteralmente “decostruite” da alcuni secoli di materialismo e dall’opera di centrali di manipolazione della cultura e della coscienza. Ed è difficile per gli stessi artisti districarsi da questa vera e propria selva oscura nella quale ora si trovano i pensieri, i sentimenti e le azioni di chi all’Arte ha dedicato la propria vita.

Il Cenacolo ha lanciato un messaggio: ritroviamo il senso profondo e spirituale del perché l’Arte esiste sulla Terra, e del perché certe persone hanno i talenti per offrire la propria opera artistica al resto dell’umanità.

"One billion rising" 14 febbraio 2013

15 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

one billion risingInvadere le piazze in danzante affrancamento!

"One billion women violated is an atrocity. One billion women - and men - dancing is a revolution."

"Un miliardo di donne abusate è un'atrocità. Un miliardo di donne - e uomini - che ballano è una rivoluzione."

 

 

L'esperienza di Loredana

15 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Ieri ho partecipato, con grande soddisfazione aggiungo, al Cenacolo sull’Arte, a Castel Giorgio, presso La Locanda della Quercia Calante.
Un incontro stimolante, dall’obiettivo esaltante: “lanciare un movimento che restituisca all’Arte il suo ruolo fondamentale, in tutte le sue manifestazioni, come propulsore della evoluzione delle coscienze umane”.
I contributi di Fausto Carotenuto, Bruno Di Loreto, Rita Riboni e l’arteterapeuta Ale Hesselink, nonché quelli di molti organizzatori di centri per l’arte, di artisti, di insegnanti, hanno contribuito a elevare le coscienze dei partecipanti verso la necessità di recuperare l’obiettivo dell’arte, che è quello, appunto, di evoluzione della coscienza umana.
Cenacolo cir1

Cambiare i paradigmi dell'educazione

11 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Un bellissimo cartoon che mostra le basi, lo scopo e le fallacità fondamentali di tutti i principali sistemi educativi del pianeta.

Viva la creatività!

CIR EinsteinRobinson

LA SCUOLA UCCIDE LA CREATIVITA'

09 Gennaio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Vi proponiamo un bellissimo video in cui il professor Ken Robinson, con l'aiuto di abbondanti dosi di humour inglese, descrive come tutti i sistemi accademici del mondo tendano ad uccidere la creatività delle persone. Dalla prima elementare all'università.

Un'esposizione di fatti che dave far riflettere ognuno di noi, e che può far cambiare le relazioni con i nostri figli.

CIR KEN ROBINSON

LA SCUOLA UCCIDE LA CREATIVITA' - 4.5 out of 5 based on 2 votes

Eppur si muove!

09 Gennaio 2013 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

eppur si muove2

Arte e finanza, arte e comunicazione di massa, arte e pubblicitá, arte e star system, arte e atteggiamento egoico degli artisti, arte e vezzo estetico, arte e mercato dell'arte, arte e critica d'arte. C'è qualcosa che non quadra nel mondo dell'arte contemporanea!.

In un interessante articolo firmato da Marcello Carriero e pubblicato ieri su Exibart, ci sono spunti evidenti di una presa di coscienza diversa. Questo è molto positivo. 

Teatro Fratto_X

07 Gennaio 2013 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

antonio rezza fratto x 1352237156E' finita ieri dopo un mese di spettacoli con il teatro sempre stracolmo, l'esilarante, travolgente, zampillante presenza dell'attore performer Antonio Rezza con Fratto_X. Incredibile rullante sciabordio di intelligenza l'inguistica, di battute da morire dal ridere:" la spensieratezza va stroncata alla nascita dice Antonio bucando un palloncino che sta sull'antenna della macchinina telecomandata e da sola entra in scena e non la smette più di girare in tondo. Davvero geniale la scrittura di Flavia Mastrella e le sue sculture di teli elastici che diventano scenografie, oggetti e costumi case palazzi paesaggi.

Ai nostri figli - di Fiorella Mannoia

07 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Che cosa evoca oggi la parola rivoluzione? Che cos’é oggi rivoluzionario? Viviamo in una sorta di mondo alla rovescia, dove l’illecito é diventato normale, dove i politici fanno spettacolo e gli attori, i cantanti, i comici, si occupano di politica. Dove i diritti vengono scambiati per favori. Dove la cultura é giudicata superflua e dispendiosa, praticamente inutile. Dove chi dovrebbe dare il buon esempio si vanta delle sue malefatte e giudica stupido chi si ostina a credere nella legalitá, e lo discredita, lo calunnia, lo annienta. 

Mannoia

DESH - l'arte emotiva

03 Gennaio 2013 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Akram KhanAvvicinare i pubblico alle arti contemporanee non é facile, perché spesso l'arte usa un linguaggio autoreferenziale, e ciò che arriva al grande pubblico sono solo le opere concesse dal potere economico e diffuse dagli schermi televisivi nelle forme più fintamente positive e superficiali. L'arte che non dà risposte ma pone domande, quella emotiva, vicina all'intimo dell' artista te la devi trovare da solo, cercare nei teatri e nelle piccole gallerie, capire quello che vale e quello che usa la forma estetica come distrazione da se invece del suo opposto. Quell'arte che ti fa vivere attraverso L'intimo dell'artista gli archetipi e le modalitâ della tua anima facendo esperienza attraverso la sua esperienza e provando in modo tangibile la coincidenza tra il microcosmo e i macrocosmo.

 

L'altruismo è riconoscibile nel cervello

17 Dicembre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Scoperte le differenze in dimensione e attività di un'area cerebrale

La differenza tra Madre Teresa di Calcutta ed Ebenezer Scrooge è "scritta" nel cervello. Gli altruisti, infatti, hanno un'area particolare della materia grigia più grande e attiva rispetto agli altri. E si tratta proprio di un'area chiave per apprezzare le prospettive, i punti di vista e i bisogni altrui.

Lo rivela uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Zurigo e pubblicato su Neuron. Una ricerca che fornisce anche una spiegazione sul perché la tendenza ad essere altruisti rimanga stabile nel tempo.

Altruismo

L'altruismo è riconoscibile nel cervello - 4.0 out of 5 based on 1 vote

GLI INCANTESIMI DI HOLLYWOOD

12 Dicembre 2012 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Arte e Cultura

MuccinoHouston, 11 dicembre 2012 - Anche il nostro Gabriele Muccino si è finalmente risvegliato dal suo incantesimo americano e si è accorto di “che lacrime grondi e di che sangue” lo show business!

Nel corso di una recente intervista a New York con Curzio Maltese il nostro ha, infatti, dichiarato candidamente: “…ho capito che cos'è davvero Hollywood, un'industria spietata dove la gente racconta balle dalla mattina alla sera. Contano solo i grafici, i test, il marketing, il profitto”.

Beh, meglio tardi che mai!

di Piero Cammerinesi (corrispondente di Coscienzeinrete Magazine dagli USA)