Arte e Cultura

A scuola nella natura, rivoluzione pedagogica

24 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

AgrinidiLa rivoluzione pedagogica consentita dal contesto naturale e dalla vita all'aria aperta con gli animali offre l'opportunità di rendere i bambini di nuovo in armonia con se stessi e col mondo. Questa consapevolezza si sta diffondendo e si diffondono dunque le esperienze degli agrinidi e degli asili e scuole nel bosco, di cui si parla nel libro "Agrinidi, agriasili e asili nel bosco. Nuovi percorsi educativi nella natura".

A scuola nella natura, rivoluzione pedagogica - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Guardarsi negli occhi per restare umani: a Berlino il flash mob che ha commosso il mondo

21 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

eyecontactCome ritrovare quel senso di empatia, quella connessione profonda tra gli esseri umani, segno di una condivisione intima di emozioni e di pensieri, di desideri e di sogni, in un mondo sempre più frenetico e sempre più distaccato in cui la tecnologia ha preso il sopravvento e i rapporti umani si sono quasi congelati? A Berlino ritorna un evento per ristabilire quel legame tra le persone che da tempo sembra svanito nel vortice forsennato della globalizzazione e della tecnologia. Si tratta di una proposta molto particolare, chiamata World's Biggest Eye Contact Experiment, il più grande esperimento di contatto visivo al mondo, programmato per sabato 29 ottobre 2016.

di Alessandra Giacopini

Guardarsi negli occhi per restare umani: a Berlino il flash mob che ha commosso il mondo - 4.3 out of 5 based on 4 votes

Il 15-18 oggi. 3 - L'isola dei morti

21 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

1518 3Continua il nostro viaggio fatto dei racconti magici di Claudio Tomaello e Stefano Bonato, ambientati nei luoghi della Grande Guerra. Questa volta siamo in riva al Piave, a Moriago della Battaglia, in una località chiamata "L'isola dei Morti": il nome deriva dal fatto che durante la battaglia del solstizio (giugno 1918), in quel tratto di fiume, c'erano talmente tanti cadaveri che ci si poteva camminare sopra.
Lo spunto per questa storia è la biografia di un soldato ungherese che lì ha combattuto ed una domanda: cos'è il coraggio? Dove lo si può trovare?

Il 15-18 oggi. 3 - L'isola dei morti - 5.0 out of 5 based on 1 vote

IL 15-18, OGGI. 2 - Altipiano della Bainsizza

14 Ottobre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

cadorna5

Prosegue il nostro viaggio con Claudio Tomaello e Stefano Bonato. Oggi la storia che ci narrano prende spunto dalla carneficina sull'altipiano della Bainsizza. Per trasformare la tragedia in amore per la vita, in conoscenza, in magia.

Per vedere la pima puntata, clicca QUI.

 

 

IL 15-18, OGGI. 1 - REDIPUGLIA

07 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

1518 1Un percorso lungo il fronte della Grande Guerra, attraverso brevi storie che portano un soffio di nuova Vita laddove essa era stata pietrificata dal dolore.

Non battaglie ma incontri, non morte ma vita, non passato ma presente.
Questa, in poche parole, è la serie di brevi racconti "IL '15 – '18, OGGI", che è nata durante le visite di Claudio Tomaello e Stefano Bonato a località profondamente segnate dal Grande Conflitto.

5 video per 5 settimane per 5 luoghi: da oggi inizia il nostro viaggio con Claudio e Stefano sul fronte della Guerra, da est a ovest.

 

 

IL 15-18, OGGI. 1 - REDIPUGLIA - 2.0 out of 5 based on 1 vote

La teoria svedese dell’amore: Un Credo per l’individualità che rende infelici

05 Ottobre 2016 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Teoria Svedese1La teoria svedese dell'amore (The Swedish Theory of Love) è un film documentario del 2015 diretto da Erik Gandini, oggi distribuito nei cinema e trasmesso dalla Rai nel luglio del 2016. 

Il documentario di cui parliamo, da non perdere, ci mostra lo status della società svedese, oggi all'apice di un diktat progressista. Racconta come, a partire dai primi anni settanta le politiche socialiste svedesi inaugurarono un modus operandi concreto per lo stato e i cittadini. L'imperativo, al limite dell'autoritarismo, dichiarava che tutti gli individui di una collettività evoluta dovevano rendersi indipendenti gli uni dagli altri. Ciò avrebbe permesso alla gente di abbandonare gli antiquati schemi di rapporti tra le persone che nella dipendenza economica delle relazioni di coppia e in quelle familiari, non potevano essere libere di decidere per sé e sviluppare la propria autonomia e individualità.

La teoria svedese dell’amore: Un Credo per l’individualità che rende infelici - 4.3 out of 5 based on 12 votes

PRIME CONSIDERAZIONI E ANALISI DELLA SEQUENZA SISMICA UMBRO LAZIALE: CORRELAZIONI CON I PRECEDENTI TERREMOTI

25 Agosto 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

AmatriceSalve a tutti, il presente editoriale riferisce in merito alla sequenza sismica tuttora in atto nel centro Italia, nel settore di Appennino collocato nell'area di confine di ben quattro regioni, ovvero Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo.

Si tratta di una rapido resoconto, integrato da una serie di analisi di carattere assolutamente amatoriale e divulgativo, dalle quali emergono comunque alcuni aspetti comunque molto interessanti ai fini della caratterizzazione dell'evento sismico.

di Ilario Larosa

PRIME CONSIDERAZIONI E ANALISI DELLA SEQUENZA SISMICA UMBRO LAZIALE: CORRELAZIONI CON I PRECEDENTI TERREMOTI - 4.6 out of 5 based on 7 votes

La sciacalla

25 Agosto 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

SciacalliPochi minuti dopo il tragico sisma nel reatino, le televisioni hanno cominciato a seguire gli avvenimenti, alcune con maggior tatto di altre. Alcuni giornalisti ed alcune redazioni nazionali non hanno resistito, inviando personaggi inadeguati a mettere le dita nelle piaghe del dolore delle persone che hanno perso familiari e amici, oltre ai loro beni materiali. Altre si sono distinte per aver cercato di rispettare, per quanto possibile, il dolore altrui e di non disturbare i lavori di salvataggio.

Però un episodio particolare, sfuggito ai più, ci ha mostrato il vero volto di molti addetti all'informazione. 

La sciacalla - 3.8 out of 5 based on 4 votes

L'asinobiblioteca

13 Luglio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Biblioburro1Il Biblioburro è una biblioteca itinerante che distribuisce libri sul dorso di due asini, Alfa e Beto, (in spagnolo burro significa asino). Quest'attività è stata creata a La Gloria, in Colombia, da Luis Soriano, soprannominato dai locali "el profesor".

Soriano rimase affascinato dalla lettura fin dalla più tenera età e si diplomò grazie a un professore di letteratura spagnola che faceva visita al villaggio un paio di volte al mese come insegnante di scuola elementare. L'idea gli venne osservando il potere che aveva avuto la lettura nella sua personale esperienza e nella trasformazione degli studenti. 

L'asinobiblioteca - 5.0 out of 5 based on 1 vote

iDIOTS: 4 minuti che fanno pensare

12 Luglio 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

People1Ci prendono in giro? Ci prendiamo in giro da soli? Un brevissimo corto animato fatto da Big Lazy Robot ci porta a riflettere sul nostro modo di vivere la tecnologia e l'economia. Da vedere.

iDIOTS: 4 minuti che fanno pensare - 5.0 out of 5 based on 3 votes

IL DECLINO ITALIANO: ULTIMI IN EUROPA PER SPESA IN CULTURA E ISTRUZIONE

06 Giugno 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR SomariLa poca lungimiranza della nostra classe politica e dirigente emerge con chiarezza nella gestione delle risorse destinate a due settori strategici come la scuola e la cultura, slogan, promesse e roboanti discorsi si perdono di fronte ai dati sconfortanti diffusi dall'Eurostat per la spesa pubblica in scuola e cultura.

di Francesco Giubilei

IL DECLINO ITALIANO: ULTIMI IN EUROPA PER SPESA IN CULTURA E ISTRUZIONE - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Viktor Ullman, l'artista che compose 24 opere nel campo di concentramento

27 Maggio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Ullman1Vedere la luce, e generare arte, nel buio e nel terrore di un lager, con una volontà assolutamente solare, è impresa ardua che solo rare ed altissime personalità possono riuscire a compiere. Il campo di concentramento di Theresienstadt, chiamato anche ghetto di Terezín, fu un luogo di deportazione della Repubblica Ceca famoso perché aveva la più alta concentrazione di artisti ebrei.

La spiritualità del musicista VIKTOR ULLMANN e il suo sacrificio nei Lager nazisti. 

di Marco Mazzeo

Viktor Ullman, l'artista che compose 24 opere nel campo di concentramento - 3.0 out of 5 based on 3 votes

Edward il pianista

10 Marzo 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Ed Hardy Piano Player screenshot SWNSEdward Hardy, veterano della seconda guerra mondiale e pianista, ha 95 anni. Tempo fa cominciò a mostrare i sintomi della demenza senile. Andò quindi a vivere in una casa di cura, lasciando a casa la moglie Betty, ma si sentiva solo. Gli mancava il suonare in una jazz band, attività che aveva svolto per oltre quarant'anni, ma ormai non aveva più con chi suonare. Però, con l'aiuto di uno degli assistenti della casa di cura, ha deciso di mettere un annuncio sul web in cui cercava compagni di "jam". Nessuno dei due immaginava che più di 80 musicisti provenienti da tutto il Regno Unito rispondesse, dicendo che sarebbero stati lieti di unirsi ad Hardy per suonare insieme nella sua casa di cura nel Somerset.

 

Edward il pianista - 3.8 out of 5 based on 4 votes

Cosa trasforma un'opera in un'opera d'arte?

26 Febbraio 2016 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Arte Paola6Cosa rende un'opera, un'opera d'arte?

Già, bella domanda!

Prendiamo spunto da un articolo apparso su Wired di Massimiliano Zane all'inizio di febbraio 2016.

L'articolo commenta una vicenda imbarazzante e interessante allo stesso tempo.
Le statue dei Musei Capitolini vengono coperte in occasione della visita a Roma del presidente iraniano Hassan Rouhani. La stampa nazionale e internazionale si scatena e con il passare dei giorni il dibattito si sposta su questioni estetiche e artistico - filosofiche.

La cosa interessante è che un'amante dell'arte contemporanea, Alda Fendi, trova "eccezionale" questo gesto e vuole comprare le casse che hanno coperto le statue perchè per lei sono come una magnifica istallazione, un'opera d'arte.

Cosa trasforma un'opera in un'opera d'arte? - 3.5 out of 5 based on 10 votes

La forza dei sogni

16 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Tomaello piramide"Questo racconto è per te, che hai le ali in cielo, i piedi in terra, e non smetti di sognare." - Claudio Tomaello

La forza dei sogni - 4.4 out of 5 based on 5 votes

La meravigliosa lezione di Ezio Bosso

11 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

eziobosso2Coscienzeinrete Magazine vuole rendere omaggio alle stupende parole ed alla musica meravigliosa di Ezio Bosso, che ieri ha illuminato la coscienza di molti, dal palco di San Remo. (Guarda il video qui sotto)

Ciò che pensiamo in proposito può essere riassunto perfettamente da queste due frasi:

"Persino il festival di San Remo non viene abbandonato dal Cielo" - Fausto Carotenuto

"Siamo abituati a non provare nulla davanti ad un'opera d'arte, o al massimo disgusto. Poi qualcuno... ti ricorda che la missione dell'artista è quella di comunicare la propria anima per farla vibrare con gli altri. Se la sua anima vola altissima, si può chiamare artista altrimenti è solo deleteria finzione, e ci becchiamo le bassezze dell'anima di un'altro, vibrando con le sue schifezze. Ezio Bosso, ha dato una immensa lezione di come l'arte può/deve essere nutrimento meraviglioso, aprire allo stupore." - Paola Lo Sciuto

 

La meravigliosa lezione di Ezio Bosso - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Cosa racconta Blackstar? Border Nights intervista Fausto ed Enrico Carotenuto

14 Gennaio 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Stella neraIn seguito all'articolo in cui abbiamo esposto una prima analisi esoterica dei messaggi "nascosti" veicolati da Blackstar, il video di Bowie, molti ci hanno chiesto di descrivere meglio alcuni meccanismi che possono risultare poco chiari ai non addetti.

Anche gli amici della trasmissione Border Nights ce lo hanno chiesto, in un'intervista di Stefania Nicoletti andata in onda lo scorso martedi sera. Intervista che potete ascoltare usando il player qui sotto.

Nella chiacchierata con Stefania, parliamo del motivo che ci ha spinto a pubblicare l'articolo, del meccanismo di trasmissione degli archetipi attraverso la risonanza, del significato profondo della simbologia veicolata dal video, della figura di Lazzaro, e proponiamo un piccolo esperimento pratico perchè ognuno possa fare la propria esperienza.

Buon ascolto!

 

 

Cosa racconta Blackstar? Border Nights intervista Fausto ed Enrico Carotenuto - 4.4 out of 5 based on 10 votes

LA MORTE DI DAVID BOWIE: COMPASSIONE, INQUIETUDINE E CONSAPEVOLEZZA

11 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Blackstar0Compassione per un essere umano che fino all’ultimo ha lavorato con il suo talento per diffondere messaggi e modelli che lui riteneva utile diffondere.

di Fausto ed Enrico Carotenuto

Compassione per un essere umano che ha oscillato molto tra la luce ed il buio, e che forse non sapendolo, si è fatto portatore di un modello e di un messaggio, soprattutto in questo ultimissimo scorcio di vita, letteralmente devastante. Un peccato, per un talento che invece a sprazzi è stato anche un portatore di messaggi evolutivi, forse altrettanto inconsapevolmente.

Proprio di questi giorni, incredibilmente, il lancio di Blackstar, il suo ultimo album, accompagnato dai video di Blackstar e di Lazarus.

Da settimane stavamo studiando questi video, queste musiche e questi testi, ed eravamo molto inquieti per il messaggio fin troppo “scoperto” che il lancio di questi giorni avrebbe portato nel mondo. E' ora improrogabile un approfondimento di questo tema...

LA MORTE DI DAVID BOWIE: COMPASSIONE, INQUIETUDINE E CONSAPEVOLEZZA - 4.2 out of 5 based on 36 votes