Libertà di cura: cine-hall gremito per il convegno del 3 giugno

Liberta di cura firenzeUn cine-hall gremito (con circa 600 partecipanti) ha accolto i relatori del convegno di sabato 3 giugno a Firenze, “Libertà di cura: una scelta europea”, con momenti di vera e propria ovazione, applausi e gente in piedi. Circa duecento persone sono rimaste fuori perché i posti erano esauriti. Un grande successo dunque,  per l’iniziativa organizzata dall’associazione Assis con la mediapartnership di Terra Nuova, che testimonia una volta di più come i cittadini abbiano un grande bisogno di confronto, ragionevolezza, riflessioni lucide e centrate che richiamino il rispetto dei diritti fondamentali e dell’esercizio delle libertà fondamentali di cura, di scelta, di pensiero, di coscienza. Cittadini che non si sentono affatto sudditi, ma che vogliono partecipare democraticamente alle decisioni che hanno a che fare con la loro salute e con le scelte quotidiane di vita.

È emersa la contraddizione insita in una scienza che si erge a dogma indiscutibile, mentre il progresso delle scienza stessa e della medicina, arte che delle scienze fa uso, sono garantite proprio dal continuo confronto, dalla discussione, che fanno emergere falle ed errori per superarli, come ha spiegato la professore Roberta Lanfredini,  professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Firenze.  Il professor Ivan Cavicchi, docente di sociologia dell’organizzazione sanitaria alla facoltà di medicina di Tor Vergata, ha sottolineato come sia un errore e un grosso pericolo ritenere la scienza come valore assoluto di cui è depositaria soltanto un’oligarchia che si arrocca su posizioni estreme, che considera i cittadini non meritevoli di coinvolgimento e che rifiuta di calare la scienza stessa nella complessità sociale.

Liberta di cura firenze 1Il dottor Roberto Volpi, epidemiologo e statistico sanitario, ha chiarito molto bene e con diversi esempi come la raccolta e l’interpretazione dei dati sia spesso inadeguata, contraddittoria e manipolabile. L’avvocato Fausto Gianelli, dell’associazione nazionale Giuristi Democratici, ha sottolineato come l’attuale decreto vaccini del governo sia un esempio di compressione e violazioni di diritti costituzionali a scapito di altro e come presenti profili di incostituzionalità. Il professor Pier Giorgio Duca, presidente di Medicina Democratica, ha chiarito bene quanto pesino i conflitti di interesse su tante decisioni in materia di salute, dalle quali è bandita la partecipazione democratica. Esempi di cattiva comunicazione e di manipolazione di fonti e dati sui media maistream hanno caratterizzato l’importante contributo del professor Luca Poma, giornalista e portavoce della Campagna Giù le mani dai bambini, autore della novità editoriale "Salviamo Gian Burrasca"  .

È nata anche l’idea, lanciata a margine del convegno di dare vita a un Comitato Articolo 32, che raccolga adesioni trasversali sui temi dei diritti e delle libertà di cura e di autodeterminazione in materia di salute.

Fonte: http://www.terranuova.it/News/Salute-e-benessere/Liberta-di-cura-cine-hall-gremito-per-il-convegno-del-3-giugno

Ti è piaciuto questo articolo? Invialo ad un amico!

Vota questo articolo
(1 Vota)
Libertà di cura: cine-hall gremito per il convegno del 3 giugno - 5.0 out of 5 based on 1 vote