Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane

cemento07/05/2015 - Quasi il 20% della fascia costiera italiana, pari a oltre 500 Kmq, l'equivalente dell'intera costa sarda, è perso ormai irrimediabilmente. È stato impermeabilizzato il 19,4% di suolo compreso tra 0-300 metri di distanza dalla costa e quasi e il 16% compreso tra i 300-1000 metri.

cemento1Sono stati spazzati via anche 34.000 ettari all'interno di aree protette, il 9% delle zone a pericolosità idraulica e il 5% delle rive di fiumi e laghi. Il cemento è davvero andato oltre invadendo persino il 2% delle zone considerate non consumabili (montagne, aree a pendenza elevata, zone umide).

A mappare lo stivale della 'copertura artificiale' è stato l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) che, grazie alla cartografia ad altissima risoluzione, nel suo Rapporto sul Consumo di Suolo 2015 - presentato ieri a Milano, nel corso del Convegno "Recuperiamo Terreno" collaterale all'EXPO2015 (Nota di CIR: una di quelle belle riunioni che servono a giustificare Expo, in cui si lanciano allarmi anti-cemento da uno dei più grandi scempi cementizi degli ultimi decenni, e che in tutta probabilità genererà tanta indignazione a parole e nessun fatto) - utilizza nuovi dati, aggiorna i precedenti e completa il quadro nazionale con quelli di regioni, province e comuni, senza trascurare coste, suolo, lungo laghi e fiumi e aree a pericolosità idraulica.

I numeri del consumo di suolo
L'Italia del 2014 perde ancora terreno, anche se più lentamente: le stime portano al 7% la percentuale di suolo direttamente impermeabilizzato (il 158% in più rispetto agli anni '50) e oltre il 50% il territorio che, anche se non direttamente coinvolto, ne subisce gli impatti devastanti.

Rallenta la velocità di consumo, tra il 2008 e il 2013, e viaggia ad una media di 6 - 7 m2 al secondo. Le nuove stime confermano la perdita prevalente di aree agricole coltivate (60%), urbane (22%) e di terre naturali vegetali e non (19%). Stiamo cementificando anche alcuni tra i terreni più produttivi al mondo, come la Pianura Padana, dove il consumo è salito al 12%. Ancora, in un solo anno, oltre 100.000 persone hanno perso la possibilità di alimentarsi con prodotti di qualità italiani.

cemento2Sono le periferie e le aree a bassa densità le zone in cui il consumo è cresciuto più velocemente. Le città continuano ad espandersi disordinatamente (sprawl urbano) esponendole sempre di più al rischio idrogeologico. Esistono province, come Catanzaro, dove oltre il 90% del tessuto urbano è a bassa densità. (Nota CIR: guardacaso Catanzaro è stata completamente sommersa 2 anni fa, per non parlare della Liguria..)

Nella classifica delle regioni "più consumate", si confermano al primo posto Lombardia e Veneto (intorno al 10%), mentre alla Liguria vanno le maglie nere della copertura di territorio entro i 300 metri dalla costa (40%), della percentuale di suolo consumato entro i 150 metri dai corpi idrici e quella delle aree a pericolosità idraulica, ormai impermeabilizzate (il 30%). Tra le zone a rischio idraulico è invece l'Emilia Romagna, con oltre 100.000 ettari, a detenere il primato in termini di superfici.

Monza e Brianza, ai vertici delle province più cementificate, raggiunge il 35%, mentre i comuni delle province di Napoli, Caserta, Milano e Torino oltrepassano il 50%, raggiungendo anche il 60%. Il record assoluto, con l'85% di suolo sigillato, va al piccolo comune di Casavatore nel napoletano.

Tutti i numeri dell'"Italia artificiale" sono disponibili su www.consumosuolo.isprambiente.it.

fonte: http://www.edilportale.com/news/2015/05/ambiente/ispra-il-cemento-ha-cancellato-il-20-delle-coste-italiane_45567_52.html

Vota questo articolo
(2 Voti)
Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane - 5.0 out of 5 based on 2 votes