Ecologia

In difesa dell'Amiata, per tutte le battaglie ambientali

12 Novembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

amiata enelUn amico scrittore, che ha maturato una notevole saggezza, anni fa mi aveva fatto pervenire un breve, sintomatico testo di Elsa Morante su Mussolini e sul carattere degli italiani. Lo scritto è datato 1945. Nel porgermelo, l'amico Tommaso Boni Menato, osservava che non era Berlusconi, o Mussolini (oggi Renzi) il vero rebus dell'Italia, il problema eravamo noi italiani.

In difesa dell'Amiata, per tutte le battaglie ambientali - 5.0 out of 5 based on 2 votes

«L’era della chimica sta accelerando e scombinando l’evoluzione»: l’allarme di Emily Monosson, biochimica e tossicologa

29 Ottobre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

rischio chimico2Emily Monosson lo scrive nel suo ultimo libro, "Unnatural selection":«Dobbiamo comprendere quanto sia importante ridurre l'impatto della chimica sulla vita prima che sia troppo tardi». Pensiamo alla crescente antibiotico-resistenza, agli erbicidi e pesticidi che hanno creato piante e animali resistenti, agli organismi geneticamente modificati, agli insetti che mutano per sopravvivere alle sostanze chimiche tossiche. «È un'evoluzione velocissima che sta accadendo sotto i nostri occhi» dice Monosson.

Nel suo libro "Unnatural selection" la Monosson spiega gli innumerevoli modi in cui la chimica sta cambiando la vita e, cosa più importante, cosa possiamo fare per rallentare questo processo. Parte della sfida sta proprio nel comprendere che questa evoluzione sta accadendo sotto i nostri occhi. Monosson parla molto chiaramente (ringraziamo per l'intervista Lindsay Abrams di Salon.com e produttrice per The Atlantic's Health Channel).

«L’era della chimica sta accelerando e scombinando l’evoluzione»: l’allarme di Emily Monosson, biochimica e tossicologa - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Qual'è la multinazionale peggiore? Vota anche tu!

20 Ottobre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR MultinazionaleOgni anno l'associazione Corporate Accountability International (CAI), chiede al pubblico di votare per la multinazionale che ritiene essere il "peggio del peggio". La "vincitrice" viene ammessa alla "hall of shame", un' ideale "sala della vergogna". Dopodichè la CAI si occupa di diffondere l'informazione a vari gruppi di pressione, in modo da spingere queste compagnie a cambiare il loro modus operandi, oppure per spingere governi o autorità locali ad introdurre regolamentazioni per ridurre gli scempi. 

Nel mirino non c'è solo l'inquinamento ambientale. La distorsione del sistema politico (corruzione, ecc), l'abuso di diritti umani ed il danneggiamento della salute pubblica sono gli altri fattori che, secondo l'associazione, vanno presi in considerazione quando si deve giudicare la nefandezza di una società piuttosto che un'altra. Comunque il giudice finale restano i votanti.

 

Qual'è la multinazionale peggiore? Vota anche tu! - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Sdoganati gli aiuti di Stato per il nucleare

13 Ottobre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

nucleare impianto inghilterraLa Commissione Ue uscente consentirà al governo Britannico di fornire aiuti di Stato per la costruzione di un nuovo reattore nucleare a Hinkley, assicurando alla Edf un prezzo garantito per un periodo di 35 anni, superiore a quello attualmente corrente nel Regno Unito.

Sdoganati gli aiuti di Stato per il nucleare - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Dipartimento UE per la salute: due terzi dei membri hanno conflitti di interesse

29 Settembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

SancoSemmai ci fossero ancora dubbi in proposito, ecco una nuova ricerca che rivela enormi conflitti di interesse nelle commissioni scientifiche del Directorate General for Health and Consumer Affairs (DG Sanco), il dipartimento della Commissione Europea che dovrebbe tutelare gli interessi dei consumatori. Semmai ci fossero ancora dubbi in proposito, ecco una nuova ricerca che rivela enormi conflitti di interesse nelle commissioni scientifiche del Directorate General for Health and Consumer Affairs (DG Sanco), il dipartimento della Commissione Europea che dovrebbe tutelare gli interessi dei consumatori.

Dipartimento UE per la salute: due terzi dei membri hanno conflitti di interesse - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Scaroni: 3,6 miliardi di danni, condannato a tre anni, ma con 6,4 milioni di buona uscita

26 Settembre 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR ScaroniMiliardiSono state pubblicate le motivazioni della sentenza del tribunale di Rovigo sul processo "Enel-bis", che vedeva imputati i due ex AD di Enel, Franco Tatò, ed appunto, Paolo Scaroni, il quale, a detta dei giudici, "agì al fine di incrementare gli utili d'impresa a discapito della sicurezza e della salute dei cittadini", e dimostra una "non indifferente capacità a delinquere".

Entrambi gli imputati sono stati condannati a 3 anni di reclusione (solo?) per disastro ambientale causato dalle emissioni inquinanti della centrale termoelettrica di Porto Tolle tra il 1998 e il 2009. 

Scaroni: 3,6 miliardi di danni, condannato a tre anni, ma con 6,4 milioni di buona uscita - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Sentenza rivoluzionaria in Costarica: l’ok agli ogm vìola i diritti delle persone

23 Settembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

costarica attivisti ogmSugli ogm il Costarica compie un enorme passo in avanti, che tanti auspicano possa costituire esempio per molti altre nazioni. La Sala Costituzionale della Corte Suprema di Giustizia ha deciso e le modalità con cui vengono accordati i permessi per autorizzare gli ogm è incostituzionale e vìola i diritti della collettività dei cittadini.

Sentenza rivoluzionaria in Costarica: l’ok agli ogm vìola i diritti delle persone - 5.0 out of 5 based on 2 votes

I Rockefeller fanno finta di lasciare il petrolio

23 Settembre 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

RockefellerTitoloni sui giornali di tutto il mondo: I ROCKEFELLER LASCIANO IL PETROLIO PER INVESTIRE NELLE RINNOVABILI!

Si parla di un divestimento dal petrolio di 860 milioni di dollari, che verrà riversato in non meglio specificati "investimenti più puliti".

Dicono che lo fanno per dare un segnale alla Conferenza Mondiale sul Clima. In realtà lo fanno per continuare l'opera che iniziò con la fondazione del Club di Roma. Un opera non propriamente edificante. E poi che segnale sarebbe? Innanzitutto, loro continuano ad essere in pratica i proprietari di ExxonMobil (da noi si chiama Esso) , e poi 860 milioni non è che il "Rockefeller Brothers Fund", una piccola goccia nell'immenso oceano dei possedimenti di famiglia, ed anche una cifra irrisoria per il mercato mondiale del petrolio. Un po' come se uno solo di noi volesse mandare un segnale all'industria dolciaria (di cui è proprietario) comprando un pacco di patatine invece di uno di biscotti.

I Rockefeller fanno finta di lasciare il petrolio - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Il segreto di Mayak, peggio di Chernobyl e Fukushima

02 Settembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Mayak1Chernobyl e Fukushima non sono state le uniche catastrofi nucleari planetarie. Dietro gli Urali, nella regione di Chelyabinsk, una delle più inquinate di tutta la Russia, si sono infatti verificati tre gravissimi incidenti. La centrale di Mayak (che in russo significa "faro") nacque nel 1949 per produrre plutonio per armi nucleari, e dal 1949 al 1952 riversò circa 76 milioni di metri cubi di rifiuti liquidi altamente radioattivi – principalmente cesio e stronzio – nel Techa, fiume lungo il quale vivevano circa 124.000 persone, divise in villaggi dediti all'agricoltura e all'allevamento. Nel 1957, nell'impianto di Mayak esplose un serbatoio di rifiuti radioattivi e, oltre al cesio e allo stronzio, si aggiunse il ben più pericoloso plutonio; l'esplosione formò una nube radioattiva che coprì un'area di circa 23.000 chilometri quadrati, creando l'area della "East Ural Radioactive Trace" e sprigionando almeno il doppio dei radionuclidi dell'incidente di Chernobyl.

Il segreto di Mayak, peggio di Chernobyl e Fukushima - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Come ti sparo il salmone

19 Agosto 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Cannone SalmoneSebbene le dighe idroelettriche generino elettricità senza carbone o petrolio, agiscono da barriere per la fauna selvatica, in particolare per la migrazione dei salmoni. Quando i salmoni sono pronti per riprodursi, migrano dal mare, risalendo i fiumi, dove depongono le uova su letti di ghiaia. Nuotare contro corrente richiede la capacità di superare ostacoli come le rapide ed il salto dei dislivelli. Per superare quest'ultimi, spesso i pesci utilizzano delle pozze naturali che salgono progressivamente. Saltare da una pozza all'altra gli permette di superare dislivelli anche importanti. Purtroppo, alcune dighe create dall'uomo sono troppo alte e le pozze a scalare non sono una soluzione pratica.

Perchè è peccato mangiare gamberi anche di venerdì

18 Agosto 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Gamberetti4
"L'uomo non ha tessuto la trama della vita, in essa egli non è che un filo" disse più di un secolo fa il rappresentante di uno di quei popoli "sottosviluppati" e primitivi che la società di guerra e progresso ha sterminato, convertito, corrotto e perseguitato in tutta la sua storia: perché erano la testimonianza inoppugnabile di una diversa possibilità di vita e, di conseguenza, la testimonianza dei suoi errori e della sua follia. Questo filo che è l'uomo si è strappato volontariamente dalla trama della vita e ormai, ad ogni suo movimento contribuisce a distruggerla, a renderla sempre più fragile: una rete piena di buchi che non può che cedere e deteriorarsi alla minima pressione.

"Tutto quello che fa alla trama, lo fa a sé stesso".

 

 

Perchè è peccato mangiare gamberi anche di venerdì - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Moria api sui Pirenei: tutta colpa dei pesticidi

16 Agosto 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

ApeNeanche le montagne dei Pirenei sembrano risparmiare le api dagli stermini di massa causati dall'utilizzo di pesticidi. Il quotidiano transalpino Le Monde lancia l'ennesimo allarme su quella che è già un'emergenza continentale, perché in molte aree, lo spopolamento degli insetti impollinatori è sinonimo di raccolti più poveri e di aumento del prezzo della frutta.

Moria api sui Pirenei: tutta colpa dei pesticidi - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Fukushima, il nucleare e la depressione

02 Agosto 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Fukushima paure2Nella zona colpita dal disastro sono aumentati i casi di suicidio. Una ricerca della rivista Nature racconta il dramma delle famiglie evacuate. E intanto una sentenza contro la Tepco potrebbe aprire nuovi spiragli giudiziari.

Il terremoto dell'11 marzo 2011, e conseguente tsunami, provocò a Fukushima un disastro nucleare di enormi dimensioni: 20.000 tra morti e dispersi, migliaia gli edifici distrutti, 160.000 gli sfollati. Quello che si pensava dovesse essere un incidente limitato ad un'area di pochi chilometri si rivelò esserlo invece a livello mondiale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarò infatti che "le radiazioni provocate dal disastrato dell'impianto nucleare di Fukushima ed entrate nella catena alimentare sono più gravi di quanto finora si fosse pensato" e che l'effetto dell'incidente "è molto più grave di quanto chiunque avesse immaginato all'inizio, quando si pensava che si trattasse di un problema limitato a 20-30 chilometri".

Fukushima, il nucleare e la depressione - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Pets Domain, la catena australiana che ha smesso di vendere cani e gatti

29 Luglio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

animals australia1Pets Domain è una catena di negozi in cui si vendevano cuccioli di cani e gatti e tutto il necessario (ed anche il superfluo) per la cura degli animali, dal cibo alle copertine, guinzagli, ecc.

Non più. Hanno ora deciso di smettere di comprare cuccioli dai produttori per poi rivenderli. La loro nuova politica è quella di favorire l'adozione di cuccioli salvati dalle associazioni locali. Quindi ospiteranno nei loro negozi delle "giornate di adozione" in cui le associazioni, i canili, ecc. potranno esporre cani e gatti di tutte le età per darli in adozione ai clienti che cercano un compagno.

Pets Domain, la catena australiana che ha smesso di vendere cani e gatti - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Una domanda sulla Costa Concordia…

24 Luglio 2014 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

 costaconcordiaScusate, ma a voi interessa di seguire minuto per minuto su tutti i media quello che fa il relitto della Costa Concordia?

Cosa ci sarà di così straordinario in un progetto, nemmeno tanto incredibile, che consiste nell'ingabbiare in cassoni un relitto, portarlo a galleggiare e trainarlo da un posto all’altro? Certamente già i Romani sapevano fare cose simili senza il contorno di giornalisti plaudenti e falsamente entusiasti. 

Devono distrarci sostituendo i mondiali con qualcosa di eccitante da seguire in diretta con centinaia di giornalisti, di troupe televisive, di navi, barche e barchette… ?

Il fatto è che questa bufala, anche a voler esercitare la fantasia, non è nemmeno eccitante.

E’ proprio ridicola.

 

Una domanda sulla Costa Concordia… - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Il Canale di Sicilia sopra una polveriera

18 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Trivelle SiciliaIl governo dà l'ok a un progetto di trivellazioni nel Canale di Sicilia che potrebbe decretare una vera e propria emergenza ambientale. Ancora una volta Eni ha vinto. L'associazione ambientalista Greenpeace presenterà ricorso e ha chiesto il sostegno e la collaborazione dell'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

«Vergognose le omissioni del decreto che ha sancito la "compatibilità ambientale" del nuovo progetto di trivellazioni nel Canale di Sicilia – ha detto Greenpeace - abbiamo già avviato la procedura per presentare un ricorso e chiediamo aiuto alle amministrazioni locali e alle associazioni di categoria per fermare questa follia».

Il Canale di Sicilia sopra una polveriera - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Renzi: «Non estraiamo in Basilicata per paura di quattro comitatini»

14 Luglio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Renzi VergognaQuali le differenze tra Renzi, Letta e Monti? Nessuna. Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque. Nel caso non lo fosse, invitiamo a leggere l'articolo sottostante, del Quotidiano della Basilicata. Renzi sta continuando le stesse nefaste politiche dei suoi predecessori, soprattutto in ambito ambientale, che si riducono a questo: Valorizzare l'ambiente italiano, unico al mondo, e potenziale fonte di reddito e di lavoro perpetuo? Ma di che? Vogliamo trivellare, trivellare, trivellare! E non ci fermeranno certo i cittadini!. Ecco le sue esatte parole:"È impossibile andare a parlare di energia e ambiente in Europa se nel frattempo non sfrutti l'energia e l'ambiente che hai in Sicilia e in Basilicata. Io mi vergogno di andare a parlare delle interconnessioni tra Francia e Spagna, dell'accordo Gazprom o di South Stream, quando potrei raddoppiare la percentuale del petrolio e del gas in Italia e dare lavoro a 40 mila persone e non lo si fa per paura delle reazioni di tre, quattro comitatini". Chiaro gente? Non vi azzardate a difendere il vostro territorio, siete solo comitatini, e vi spazzeremo via...

Il sosia di Mr. Bean sta continuando quello che Passera e Clini avevano predisposto, durante i governi precedenti. Clini chi? Quello arrestato per concussione? Si, lui. E Passera? Passera è banchiere...

Quelle di Renzi sono balle.

 

Renzi: «Non estraiamo in Basilicata per paura di quattro comitatini» - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Auto ad aria compressa in arrivo? Speriamo bene...

03 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

 

airpod-auto-aria-compressa 01Troppe volte abbiamo ricevuto annunci di macchine nuove ad aria compressa o ad altre tecnologie ecologiche e convenienti. se non erano provenienti dalle grandi case automobilistiche non le hanno fatte mai passare. Ora arriva questo annuncio... speriamo bene !!!!

L’auto ad aria compressa è in arrivo sul mercato e verrà prodotta in Sardegna

lug 02, 2014 by Dioni in Ecoliving

L’auto ad aria compressa è una realtà ed è stata inventata 10 anni fa, e solo ora l’azienda francese MDI è riuscita ad ottenere l’omologazione. Infatti gli inventori, i Négre padre e figlio, affermano di essere ostacolati e screditati dalle grandi compagni e non ricevere alcun tipo di finanziamento nè statale nè da altri investitori.

Ci sono vari modelli: la City Car percorre ad un massimo di 80 km/h 120 Km con un pieno di aria compressa che costa 4€ ed impiega 2 minuti per caricarsi, oppure potete ricaricarla a casa attaccando la spina dell’auto alla rete elettrica in 3 ore al costo di 1,5€! Nessun cambio olio e motore che dura fino a 2 milioni di km!

(continua a leggere in basso)

 

Auto ad aria compressa in arrivo? Speriamo bene... - 2.0 out of 5 based on 1 vote