Ecologia

Il Canale di Sicilia sopra una polveriera

18 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Trivelle SiciliaIl governo dà l'ok a un progetto di trivellazioni nel Canale di Sicilia che potrebbe decretare una vera e propria emergenza ambientale. Ancora una volta Eni ha vinto. L'associazione ambientalista Greenpeace presenterà ricorso e ha chiesto il sostegno e la collaborazione dell'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

«Vergognose le omissioni del decreto che ha sancito la "compatibilità ambientale" del nuovo progetto di trivellazioni nel Canale di Sicilia – ha detto Greenpeace - abbiamo già avviato la procedura per presentare un ricorso e chiediamo aiuto alle amministrazioni locali e alle associazioni di categoria per fermare questa follia».

Il Canale di Sicilia sopra una polveriera - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Renzi: «Non estraiamo in Basilicata per paura di quattro comitatini»

14 Luglio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Renzi VergognaQuali le differenze tra Renzi, Letta e Monti? Nessuna. Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque. Nel caso non lo fosse, invitiamo a leggere l'articolo sottostante, del Quotidiano della Basilicata. Renzi sta continuando le stesse nefaste politiche dei suoi predecessori, soprattutto in ambito ambientale, che si riducono a questo: Valorizzare l'ambiente italiano, unico al mondo, e potenziale fonte di reddito e di lavoro perpetuo? Ma di che? Vogliamo trivellare, trivellare, trivellare! E non ci fermeranno certo i cittadini!. Ecco le sue esatte parole:"È impossibile andare a parlare di energia e ambiente in Europa se nel frattempo non sfrutti l'energia e l'ambiente che hai in Sicilia e in Basilicata. Io mi vergogno di andare a parlare delle interconnessioni tra Francia e Spagna, dell'accordo Gazprom o di South Stream, quando potrei raddoppiare la percentuale del petrolio e del gas in Italia e dare lavoro a 40 mila persone e non lo si fa per paura delle reazioni di tre, quattro comitatini". Chiaro gente? Non vi azzardate a difendere il vostro territorio, siete solo comitatini, e vi spazzeremo via...

Il sosia di Mr. Bean sta continuando quello che Passera e Clini avevano predisposto, durante i governi precedenti. Clini chi? Quello arrestato per concussione? Si, lui. E Passera? Passera è banchiere...

Quelle di Renzi sono balle.

 

Renzi: «Non estraiamo in Basilicata per paura di quattro comitatini» - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Auto ad aria compressa in arrivo? Speriamo bene...

03 Luglio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

 

airpod-auto-aria-compressa 01Troppe volte abbiamo ricevuto annunci di macchine nuove ad aria compressa o ad altre tecnologie ecologiche e convenienti. se non erano provenienti dalle grandi case automobilistiche non le hanno fatte mai passare. Ora arriva questo annuncio... speriamo bene !!!!

L’auto ad aria compressa è in arrivo sul mercato e verrà prodotta in Sardegna

lug 02, 2014 by Dioni in Ecoliving

L’auto ad aria compressa è una realtà ed è stata inventata 10 anni fa, e solo ora l’azienda francese MDI è riuscita ad ottenere l’omologazione. Infatti gli inventori, i Négre padre e figlio, affermano di essere ostacolati e screditati dalle grandi compagni e non ricevere alcun tipo di finanziamento nè statale nè da altri investitori.

Ci sono vari modelli: la City Car percorre ad un massimo di 80 km/h 120 Km con un pieno di aria compressa che costa 4€ ed impiega 2 minuti per caricarsi, oppure potete ricaricarla a casa attaccando la spina dell’auto alla rete elettrica in 3 ore al costo di 1,5€! Nessun cambio olio e motore che dura fino a 2 milioni di km!

(continua a leggere in basso)

 

Auto ad aria compressa in arrivo? Speriamo bene... - 2.0 out of 5 based on 1 vote

Guarda cosa fa questo cigno

25 Giugno 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR CignoVi proponiamo alcuni video in cui cigni ed anatre hanno un comportamento straordinario: danno da mangiare ai pesci con cui condividono l'habitat.

Sebbene alcuni sostengano che gli uccelli in questione stiano semplicemente bagnando il cibo per deglutirlo meglio, la dinamica, guardando attentamente i filmati, sembra completamente diversa: gli uccelli sembrano decidere dove e a chi dare da mangiare. Infatti, se fossero importunati dai pesci, sia l'anatra che i cigni potrebbero difendersi in varie maniere. Insomma, sembra molto più una condivisione spontanea che un furto.

Nessuno sembra sapere con certezza il perchè di questo comportamento.

Voi cosa ne pensate? 

Guarda cosa fa questo cigno - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ritiro di stile di vita naturale, con nuotate e comunicazione con i delfini.

22 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Delfini3Articolo Promozionale - Egitto 18/25 ottobre 2014 Ritiro di stile di vita naturale, con nuotate e comunicazione con i delfini.

Corso in ritiro naturale di una settimana, con sistemazione semplice in eco resort sulla spiaggia del sud dell'egitto. Programma giornaliero per approfondire la nostra sensitività spirituale, migliorare la qualità della nostra vita e escursioni giornaliere per nuotare con i delfini liberi in mare.

Una rilassante settimana in riva al mare con escursioni in barca giornaliere per l'incontro in acqua con i delfini in mare aperto, cetacei dalle straordinarie capacità comunicative, armoniosa organizzazione sociale e dalla spiccata gioia di vivere..

 

 

Biomasse? Una brutta faccenda…

12 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

BiomasseDopo il rapporto choc di Nomisma , secondo cui le biomasse risultano più inquinanti del gasolio, oltre che del gpl e del metano, restano pochi dubbi sulle contraddizioni che questa scelta di politica energetica si porta dietro. Anche le commissioni europee lo hanno ammesso: le biomasse di origine alimentare favoriscono la deforestazione, quindi ora vorrebbero indirizzare gli incentivi verso le biomasse di origine non alimentare (in sostanza i rifiuti e qui si potrebbe aprire un altro capitolo). Eppure si continuano a prevedere incentivi e si ha quasi la sensazione che la crisi del settore agricolo europeo possa trovare nelle agroenergie un nuovo sbocco produttivo. Finanziamenti pubblici in questo senso sono previsti anche dalla nuova Politica Agricola Comunitari(PAC) 2014-2020 per colture da "energia" quali: mais, barbietola, che possono essere trasformate in alcool, e colza, girasole, soia che possono essere trasformate in olio combustibile.

E' bene analizzare con senso critico la questione.

 

Una nuova Batteria Metallo-Aria fino a 3000km di autonomia per ricarica.

10 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

phinergy-aluminum-air-battery-2


La compagnia israeliana Phinergy dichiara di aver prodotto una batteria in grado di alimentare una Citroen C1 con una autonomia fino a 3000km. La batteria in questione ha un peso di appena 100kg, un quinto del peso della batteria che alimenta la Tesla Model S.

 

 

Una nuova Batteria Metallo-Aria fino a 3000km di autonomia per ricarica. - 2.5 out of 5 based on 2 votes

Geotermia sull'Alfina, preoccupano gli strani rapporti politici

07 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Geotermia Abrignani2A volte ritornano o magari si muovono nelle stanze della politca dove hanno molti amici. Questo è la storia di Ignazio Abrigiani, onorevole di FI, che i cittadini dei comitati contrari al geotermico sull'Alfina vogliono svelare. Una storia ricostruita dalle "Associazioni e comitati di cittadini di Orvieto, Tuscia e lago di Bolsena", per mettere in luce alcuni strani rapporti che esisterebbero dietro ai procedimenti istituzionali che seguono il progetto per la realizzazione dell'impianto della mega centrale geotermica a Castel Giorgio.

"Negli atti del recente caso Scajola - mettono in evidenza Associazioni e comitati di cittadini di Orvieto, Tuscia e lago di Bolsena" - spunta il nome dell'onorevole Ignazio Abrignani di FI, l'ex capo della segreteria di Scajola, che, secondo le carte dell'inchiesta, si sarebbe attivato per procurare uno stipendio a Chiara Rizzo, moglie del latitante Matacena, all'interno dell'Osservatorio parlamentare sul turismo di cui è presidente. Lui ad una intervista di La Repubblica del 30 maggio dichiara che pagava di tasca sua il "contrattino "di circa 1.000 euro al mese al mese, solo per fare un favore a Scajola - di cui si dichiara amico "sia nella buona che nella cattiva sorte".

 

 

Geotermia sull'Alfina, preoccupano gli strani rapporti politici - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Attenzione a non scivolare sull’olio assassino

06 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

OlioDiPalmaSono sempre più numerose le grandi aziende che si fregiano di produrre olio di palma in modo sostenibile, dalla Procter & Gamble alla PepsiCo. C'è un gran fermento per cercare di far accettare un prodotto che finora non ha avuto che colpe nel disastro ambientale dei paesi in via di sviluppo. Green-washing? Viene da chiederselo. Intanto si appena conclusa a Jakarta la quinta edizione della fiera dell'olio di palma, la International Conference Exhibition on Palm Oil 2014. Se questo da una parte ci fa comprendere la portata colossale di questa commodity, dall'altra ci induce ad aumentare il nostro senso di responsabilità come consumatori.

Attenzione a non scivolare sull’olio assassino - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il disastro dietro l'angolo.

04 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR VeneziaLo scorso Marzo il TAR ha sospeso l'applicazione della legge Clini-Passera varata a seguito del disastro della Concordia, quindi i grandi transatlantici possono e potranno continuare a passare indisturbati a pochi metri da piazza San Marco.
Proponiamo un articolo di Greenreport nel quale si elencano i rischi per Venezia e la Laguna derivanti dal passaggio di questi mastodonti del mare.

Il grido d'allarme è stato lanciato in tutti i modi e da tutto il mondo. Al Comitato No Grandi navi – Laguna Bene comune, che si oppone al transito delle maxi navi da crociera nella laguna di Venezia e nel Canale della Giudecca, non mancano certo consensi e sostenitori eccellenti. Dallo storico Salvatore Settis a un grande fotografo come Gianni Berengo Gardin, alla past-president di Venice in peril, Anna Somers Cocks, che in un suo recente intervento ribalta il titolo del libro di Thomas Mann, La Morte a Venezia, in La prossima morte di Venezia? 

Il disastro dietro l'angolo. - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il Tonno e la sua estinzione.

02 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

TonnoUna ricerca pubblicata di recente sul Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) ha confermato che le popolazioni di tonno, sono quasi tutte in calo e quindi in pericolo . Come molti sanno, il Tonno rosso è presente nella lista rossa IUCN (animali in via d'estinzione) e addirittura in alcune zone del pianeta come in Brasile non si avvistano più esemplari da almeno 20 anni. A Carloforte la situazione non è certo delle migliori infatti i tonni pescati negli ultimi anni sono di piccole dimensioni, cosa che farebbe accapponare la pelle a qualsiasi vecchio tonnarotto e nonostante ciò con l'avallo di leggi ad hoc e dei politici non solo locali (Gabriella Carlucci gli scorsi anni ha fatto la sua passerella durante il Girotonno) , si continua a pescare e a osannare quello che è a tutti gli effetti lo sterminio della specie.

Il Tonno e la sua estinzione. - 4.5 out of 5 based on 4 votes

Manifestazione di protesta per i macachi all'Università di Modena

22 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

MacachiPubblichiamo le informazioni relative a questo evento che abbiamo trovato sulla pagina facebook dell evento stesso. (Link in fondo all'articolo)

Presso lo stabulario dell'Università di Modena alcuni macachi sono detenuti dopo avere per lungo tempo subito degli esperimenti cruenti e invasivi sul cervello. Adesso rischiano la soppressione perché l'Università non sa più cosa farne. Ci riuniamo per chiedere al Rettore dell'Università di cedere i macachi a un centro di recupero che li possa ospitare e garantire loro una qualità di vita dignitosa nel tempo che resta loro da vivere.

Ho deciso di organizzare questa manifestazione informale di liberi cittadini che perseguono un comune ideale di rispetto della Vita in ogni sua manifestazione, al di fuori di associazioni, loghi, etichette e bandiere, ma per un valore che va al di sopra di tutto il resto. Ci si incontra direttamente davanti allo stabulario; la scelta del sabato, anche se purtroppo l'Università è chiusa, è per agevolare chi lavora infrasettimanalmente. L'orario di inizio (ore 15.00) non è vincolante, ognuno è libero di partecipare per il tempo che gli è possibile. Si possono portare striscioni e cartelli per dare maggiore visibilità alla manifestazione. 

Il supermercato del futuro? A Berlino, provano a farlo oggi.

12 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Niente confezioni e pacchi di plastica, ingombranti e difficili da smaltire, niente sprechi, nessuna concessione al marketing.

A Berlino, due giovani imprenditrici stanno cercando i finanziamenti necessari per aprire il primo supermercato che ha scelto di dire "no" al packaging.

Sugli scaffali di Original Unverpackt, questo il nome del negozio che verrà, 600 prodotti (accuratamente selezionati) saranno venduti esclusivamente sfusi, senza confezioni vistose e inquinanti, con un occhio di riguardo per i prodotti vegani.

Dalla marmellata alla farina, dal sapone liquido alle caramelle, tutto si potrà comprare al grammo, all'etto, o al chilo. Per acquistare i prodotti, i clienti potranno servirsi delle confezioni che già utilizzano nella vita quotidiana, oppure degli appositi contenitori riutilizzabili messi a disposizione dal supermercato.
original unverpackt

 

Il supermercato del futuro? A Berlino, provano a farlo oggi. - 5.0 out of 5 based on 5 votes

"Eden" tossico per le api: pesticidi nelle piante ornamentali

05 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Eden TossicoIl 79 per cento delle piante ornamentali analizzate sono risultate contaminate da pesticidi killer delle api. Alcuni campioni addirittura da sostanze illegali in Europa. Questi i risultati di un nuovo rapporto di Greenpeace International "Eden tossico: i loro veleni nel tuo giardino", che evidenzia l'ampio uso di pesticidi dannosi per le api nel settore della florovivaistica. Le piante analizzate sono state acquistate in negozi di giardinaggio, supermercati e centri del fai da te in dieci Paesi europei per un totale di oltre 35 varietà di piante molto diffuse come viola, campanula e lavanda, note per attirare le api.

Marche: ancora Bombe d’acqua, troppi lutti, poche azioni

05 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Bombe AcquaSono davvero addolorato ed arrabbiato. Ancora una volta una bomba d'acqua ed ancora lutti.
Stavolta nelle Marche, altra regione fragile di questo nostro Paese, dove la gran parte del territorio è a rischio idrogeologico.
Eppure, mi duole ripeterlo, nel settembre 2007 alla conferenza nazionale sui cambiamenti climatici predisponemmo un elenco di cose da fare per il piano di adattamento a questo clima già cambiato. I validi tecnici che avevano collaborato alla preparazione della conferenza avevano messo in guardia sull'aumento dei fenomeni climatici estremi, usando proprio questo termine: "bombe d'acqua", che pochi conoscevano. Infatti, ignoranti e malfattori ci derisero, anzi strumentalizzarono alcuni dati per nascondere i temi veri e infangare la credibilità della conferenza.

L' "affaruni" delle bonifiche

30 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sicilia Tossica2L'Europa e la sua discarica di rifiuti tossici nel Terzo Mondo italiano. Sicilia: il "sistema", gli intrighi internazionali, il genocidio delle popolazioni autoctone, l'affaruni delle bonifiche.

(segue a "Sicilia, come trasformare una regione in discarica di rifiuti tossici europei", pubblicato in data 4 Aprile)

di Pietro Villari
archeologo e naturalista

Lo smaltimento dei rifiuti di natura altamente inquinante costituisce una questione complessa e di assillante cadenza periodica comune a tutti i Paesi industrializzati, notoriamente in gran parte risolto spostandolo in un altrove geografico con prepotenza e arroganza, tramite lo stoccaggio illegale perpetuato da decenni in Paesi privi di difese, ove la classe dirigente è stata scelta tra i personaggi più corrotti: il cosiddetto Terzo Mondo.

 

L' "affaruni" delle bonifiche - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Salvi 130 orsi: la fattoria della bile diventa una riserva

18 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Dopo aver passato la loro vita in gabbia, con un catetere arrugginito infilato nella cistifellea, 130 orsi di una fattoria della bile cinese verranno affidati alle cure di Animals Asia, l'organizzazione internazionale dedita alla tutela dei diritti animali nel continente asiatico, che convertirà questa struttura della provincia cinese di Nanning in una riserva naturale nel giro di due anni.
Orsi

Salvi 130 orsi: la fattoria della bile diventa una riserva - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Estrarre l'acqua dall'aria!

12 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

 

In alcune parti d'Etiopia , trovare acqua potabile è un viaggio di sei ore.

La gente della regione spende 40 miliardi ore all'anno cercando di trovare e raccogliere l'acqua, secondo il gruppo Water Project . E anche quando la trovano , l'acqua spesso non è sicura, raccolta da stagni o laghi brulicanti di batteri infettivi , contaminati da rifiuti di origine animale o da altre sostanze nocive.
Warka

 

Estrarre l'acqua dall'aria! - 3.8 out of 5 based on 4 votes