Ecologia

Difendere il territorio per salvare la psiche

06 Maggio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

cantieretavTrasformare radicalmente il territorio ha riflessi di non poco conto su chi vi abita.

Un tempo il territorio veniva sì modificato adeguandolo alle esigenze di chi vi abitava, ma il cambiamento avveniva lentamente e si prendeva coscienza di esso, passo dopo passo.

Oggi il territorio viene spesso, anzi quasi sempre modificato con tempi veloci e per esigenze o presunte tali di altri che lì non vi abitano, ed i residenti subiscono solo le conseguenze negative della trasformazione, sia durante la realizzazione dell'opera, sia durante la sua vita.

E per conseguenze negative si deve sì pensare alle conseguenze sull'ambiente e sulla salute in senso stretto (pensiamo ad opere che durano anni con escavazioni ed asportazioni di smarino, oppure ad un inceneritore), ma anche agli effetti sulla salute mentale. Quanto incide sulla psiche vedere un territorio completamente diverso e modificato in peggio rispetto a quello che si era abituati a vedere fin da piccoli?

 

Difendere il territorio per salvare la psiche - 3.5 out of 5 based on 2 votes

Insetti robot, da Harvard le “mosche” che aiuteranno ambiente e persone

04 Maggio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR robotSono arrivati anche gli insetti robot. Quali le meravigliose applicazioni di cotanta tecnologia? I benpensanti parlano di "monitoraggio ambientale" e "ricerca e salvataggio". Bello. Bellissimo. Però a me vengono in mente almeno un paio di applicazioni che non mi fanno stare molto tranquillo. La prima, e più ovvia è appunto il "monitoraggio ambientale": infatti quando leggiamo una frase del genere tendiamo per lo più ad escludere noi stessi dall'ambiente. Quindi "monitoraggio ambientale" significa anche (probabilmente soprattutto) monitoraggio degli uomini sugli uomini, o meglio, monitoraggio dei padroni delle macchine su tutti gli altri. Un po' meno bello, no?

Un altra cosa che mi viene in mente è questa: avete presente la moria delle api? E le sementi OGM brevettate? Bene, ora immaginiamo di essere che so, la Monsanto, la Cargill, la Syngenta, o la Bayer, i colossi dell'agrochimica e degli OGM, e di ritrovarci in mano la tecnologia per: 1) Far fuori le api definitivamente o quasi, 2) Sostituirle con un prodotto che ne svolge la funzione, che potete comodamente vendere al contadino insieme alle sementi, ai diserbanti ed ai concimi. Fatto questo avremmo il completo controllo del ciclo alimentare. Vuoi mangiare? Ok, ma devi per forza comprare da me...

Fantascienza? Speriamo di si, ma credo dipenda soprattutto dalla coscienza globale delle persone. Occhi aperti!

Università in Olanda col ‘piano B’: “Se ci va male coltiviamo la terra”

02 Maggio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

GuarneriFederica ha vissuto in Spagna e Giappone prima di arrivare alla facoltà di mediazione linguistica e culturale a Leiden. Ma ha scoperto che vuole occuparsi di cibo e sprechi e così ha progettato gli 'ostelli' con l'orto sul tetto.
di Paola Guarnieri 

 

Università in Olanda col ‘piano B’: “Se ci va male coltiviamo la terra” - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ovunque ci sia un devastatore dell'ambiente, possiamo star sicuri che l'Italia è saldamente al suo fianco.

30 Aprile 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

neonicotinoidiLe api muoiono a milioni. Dipendiamo da loro per tutto il nostro cibo. Direi che la questione ha una certa importanza, no? Ecco, gli scienziati, addirittura quelli dell'EFSA (European Food and Safety Authority), sono sicuri che la moria è dovuta in massima parte all'uso di pesticidi che contengono agenti chimici chiamati neonicotinoidi. La settimana scorsa c'è stata una votazione al parlamento europeo, nella quale si proponeva la messa al bando di questi neonicotinoidi. Su 27 nazioni, 12 hanno detto no, 15 si. Indovinate noi, e per noi intendo lo stato Italia, non certo i suoi cittadini, da che parte siamo? Indovinato! Siamo dalla parte dei colossi dell'agrochimica! 

Ovunque ci sia un devastatore dell'ambiente, possiamo star sicuri che l'Italia è saldamente al suo fianco. - 4.5 out of 5 based on 8 votes

Trivelle e rigassificatori: zitti, si parte!

16 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR giocattoliRicevo segnalazioni allarmate di comitati che si costituiscono sui territori riguardo al proliferare di richieste di trivellazioni per giacimenti di petrolio e gas. Da dove viene questa frenesia per un ritorno ai fossili inaspettata e un po' "vintage"?

Questo è un lascito poco noto del governo Monti, che a ottobre aveva presentato una ricerca McKinsey con l'aspirazione di dar vita ad un dibattito pubblico per varare la nuova Strategia Energetica Nazionale (SEN). Dibattito? Al più qualche nota di scambio tra specialisti fino a dicembre, una revisione marginale del testo iniziale nel chiuso degli uffici (dove è finita l'annunciata Conferenza Nazionale sull'energia?) e, per concludere, un governo dimissionario e in carica solo per l'ordinaria amministrazione che si è arrogato il diritto di completare un atto strategico. Travalicando così le proprie competenze e senza coinvolgere il Parlamento (ormai sciolto) né nessuno degli interlocutori per dare trasparenza agli esiti della "consultazione".

 

 

 

Trivelle e rigassificatori: zitti, si parte! - 3.3 out of 5 based on 3 votes

Il Paese frana: perché non lo sistemiamo? Si può fare.

14 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

franaparmenseIn Italia gravissimo il dissesto idrogeologico Ovunque smottamenti e frane. Le ultime delle quali, impressionanti stanno mettendo in ginocchio alcuni paesini del parmense. Distruggendo Paesi, attività economiche e panorami.

Si può intervenire a risanare il dissesto a livello nazionale con una spesa di 40 miliardi di euro in 15 anni e con normative e controlli più stringenti sulla cementificazione dei suoli.

Ma i soldi "non ci sono", e le normative più stringenti sfavorirebbero i gruppi di cementificatori legati alla politica.

I soldi però si trovano per fare una inutile TAV in Val di Susa: oltre 20 miliardi di Euro. E se ne trovano anche per comprare i caccia F35 per fare guerre che proprio non dovremmo fare: ben 50 miliardi entro il 2050.

 

Il Paese frana: perché non lo sistemiamo? Si può fare. - 1.5 out of 5 based on 2 votes

Ora esco ad abbracciare un Albero!

12 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

abbracciarealbero"Entrando in una foresta, cercate di prendere coscienza che lì
sono presenti moltissime creature che vanno e vengono, occupate
in diverse attività, e che vi vedono. Cercate di mettervi in
relazione con quelle creature, anche rivolgendo loro la parola
per mostrare che ne apprezzate il lavoro.
Avvicinatevi a un albero, per esempio, e ditegli: "Come sei
bello! Come sei potente, resistente, solido! Ah, se potessi avere
anch'io la tua resistenza, la tua solidità! Ti incarico di dire a
tutti gli altri alberi della foresta che sono magnifici, che li
amo; salutali tutti da parte mia, trasmetti loro un mio bacio".
Abbracciate l'albero, e le entità che lo abitano trasmetteranno
allora il vostro amore a tutta la foresta. Così, mentre
continuate a passeggiare, le altre entità che hanno ricevuto il
vostro messaggio escono dagli alberi per guardarvi; sono
meravigliate e danzano al vostro passaggio. E quando tornate a
casa, siete felici: sentite di aver assaporato qualche cosa della
vera vita."

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Ora esco ad abbracciare un Albero! - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Ilva di Taranto: domenica il referendum

12 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Domenica a Taranto si terrà una consultazione referendaria che potrebbe ribaltare il destino eterodiretto degli impianti Ilva e dell'ambiente circostante.

Ilva

Ilva di Taranto: domenica il referendum - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Chiudi il becco, Vandana!

11 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Guardiamoli negli occhi questi soloni della finanza, questi che sovvenzionano la solita politica, soprattutto quando si imbelletta per sembrare nuova. Guardiamoli bene questi che, mentendo spudoratamente, dicono che la crisi è solo colpa di quei poveracci ignoranti che si sono visti offrire mutui vantaggiosissimi, senza dire che quei poveracci ora sono senza casa, mentre le banche hanno preso non solo le case, ma anche trilioni dagli stati. Queste sono le facce del mostro. Occhi attenti ma spenti, bugie dette come se fossero le più grandi verità mai rivelate all'uomo. Strane ombre alle loro spalle. Ricordiamocelo quando andiamo a votare. Guardiamo bene da chi prende i soldi, e che scuole ha fatto, il candidato che ci piace. (E.C.)

Vandana Shiva

Chiudi il becco, Vandana! - 4.3 out of 5 based on 9 votes

I 104 reattori nucleari USA: tutti hanno problemi di sicurezza.

10 Aprile 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Nucleare-simpsonSu Repubblica del 9 aprile è comparso un articolo molto interessante in cui si parla dell'ex presidente della commissione per la sicurezza sulle centrali atomiche degli Stati Uniti, che in un intervista al New York Times, parlando dei 104 reattori nucleari USA, dichiara: "Tutti hanno difetti che non possono essere risolti. Vanno sostituiti, bisogna spegnerli uno alla volta"

I 104 reattori nucleari USA: tutti hanno problemi di sicurezza. - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Rapporto sullo stato delle acque italiane: pesticidi ovunque.

09 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR AcquatossicaIl 13,2% delle acque superficiali mostra livelli di tossicità per gli organismi acquatici superiori ai limiti. Ancora più evidente, rispetto al passato, lo stato di contaminazione delle acque italiane superficiali e sotterranee: nel 2010 sono stati rinvenuti residui nel 55,1% dei 1.297 punti di campionamento delle acque superficiali e nel 28,2% dei 2.324 punti di quelle sotterranee, per un totale di 166 tipologie di pesticidi 

Rapporto sullo stato delle acque italiane: pesticidi ovunque. - 2.5 out of 5 based on 2 votes

Vietato seppellire i morti a Tamburi

08 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Il sindaco Stefano blocca l'attività a San Brunone, area a ridosso dell'Ilva, per la concentrazione di sostanze inquinanti nella terra. In attesa che la società che gestisce il camposanto si doti delle attrezzature adatte, alle famiglie restano le celle frigorifere o "l'emigrazione" verso altri cimiteri.

ilva tamburi

L’EMILIA ROMAGNA E’ LA PRIMA REGIONE ITALIANA A VIETARE LA DETENZIONE A CATENA PER I CANI

28 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CanecatenaIl burrascoso iter del progetto di modifica della Legge N.5 del 2005 sul benessere animale in Emilia Romagna è giunto ieri all'epilogo sperato e caldeggiato da tutti coloro che combattono per il rispetto dei diritti animali: la nuova legge regionale vieta infatti, per la prima volta in Italia, la detenzione dei cani alla catena. Questa vergognosa forma di detenzione, purtroppo molto diffusa, provoca gravi danni fisici e psichici e rappresenta a tutti gli effetti un maltrattamento.

L’EMILIA ROMAGNA E’ LA PRIMA REGIONE ITALIANA A VIETARE LA DETENZIONE A CATENA PER I CANI - 3.3 out of 5 based on 3 votes

La bici nuova è di cartone riciclato e costa 15 Euro!

25 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

L'inventore israeliano Izhar Gafni ne è convinto: la sua bici in cartone riciclato rivoluzionerà il modo di concepire questo mezzo di trasporto. L'ultimo prototipo, dopo anni di studi e progressivi miglioramenti, è finalmente pronto per la produzione di massa che inizierà nei prossimi mesi.
Bici cartone

La bici nuova è di cartone riciclato e costa 15 Euro! - 4.6 out of 5 based on 7 votes

Brasile: deforestazione diminuita del 27% nel 2012

21 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Quando si parla di Brasile e di foresta amazzonica di solito non sono buone notizie quelle in arrivo. Stavolta invece si può azzardare un sorriso: per quanto gli alberi continuino a essere ferocemente buttati giù, nell'ultimo anno la deforestazione ha toccato il minimo storico, calando del 27% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

deforestation

 

Brasile: deforestazione diminuita del 27% nel 2012 - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Una bella notizia: in Italia la maggior BIODIVERSITÀ d'Europa nei parchi

20 Marzo 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Uno studio realizzato dal Ministero dell'Ambiente è stato condotto in materia di biodiversità animale. In particolare sono stati analizzati i parchi nazionali italiani, ed è stata fatta una scoperta molto positiva che sicuramente farà piacere agli animalisti (ma non solo), ovvero che all'interno dei parchi vi sono circa 56000 specie di animali diversi. Tale numero rappresenta un record in Europa, il piu' alto all'interno dell'Ue a livello nazionale.

Biodiversità-italia

Una bella notizia: in Italia la maggior BIODIVERSITÀ d'Europa nei parchi - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Strategia Energetica Nazionale: Il governo dimissionario fa l'ennesima porcheria.

16 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

SENSi toglie il sostegno pubblico alle rinnovabili per darlo alla costruzione dei rigassificatori e si riconferma anche l'avvio delle trivellazioni per petrolio e gas a mare e a terra, oltre ad incentivare il carbone. Greenpeace, Legambiente e WWF contestano il documento di Strategia Energetica Nazionale (SEN) deliberato ieri.

 

Strategia Energetica Nazionale: Il governo dimissionario fa l'ennesima porcheria. - 2.0 out of 5 based on 1 vote

Rese inferiori per le coltivazioni OGM. La conferma della scienza

15 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

ogm-aranciaA parere della Biotechnology Industry Organization e di numerosi sostenitori degli OGM, essi rappresenterebbero una vera e propria arma di salvezza per l'umanità, permettendo di aumentare le rese dei raccolti agricoli. Secondo un nuovo documento, finanziato da parte del US Department of Agriculture ed a cura dei ricercatori della University of Wisconsin, sostenere che le coltivazioni OGM permettano sempre e comunque una resa maggiore dei raccolti non rappresenti un'affermazione veritiera.

Rese inferiori per le coltivazioni OGM. La conferma della scienza - 4.0 out of 5 based on 1 vote