Ecologia

54 INCENERITORI PER DECRETO DIVENTANO DI INTERESSE STRATEGICO…PER GLI AFFARI DI POCHI

27 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

inceneritoriinteressestrategico0Un impianto di compostaggio, che trasforma la parte umida del rifiuto in terriccio, per il Governo NON E' strategico.

Un inceneritore, che trasforma rifiuti potenzialmente riciclabili in ceneri pericolose e gas emessi in atmosfera con sostanze quali polveri, anidride carbonica, idrocarburi policiclici aromatici e molto altro, per il Governo E' un impianto strategico di interesse nazionale.

L'economia del riciclo contro l'economia dell'inquinamento.

Di Augusto De Sanctis

54 INCENERITORI PER DECRETO DIVENTANO DI INTERESSE STRATEGICO…PER GLI AFFARI DI POCHI - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Trivellazioni alle Tremiti: debiti e accuse di frode per la Petrolceltic. A chi diamo il nostro mare?

13 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Tremiti2Petroceltic, chi è costei? Se uno legge la lista delle ditte che vogliono, vorrebbero o hanno già trivellato l'Italia, ci si accorgerà che molte di queste hanno nomi sconosciuti, sono piccole, con pochi capitali sociali, e che pensano di venire in Italia a fare il salto di qualità perché abbiamo "regimi fiscali favorevoli". Lo dicono loro.

Fra queste la Petroceltic di Dublino, la ditta a cui il nostro governo ha deciso di affidare i mari attorno alle isole Tremiti con la concessione BR 274 EL.

A leggere i comunicati degli investitori emerge che questa Petroceltic è assolutamente piegata in due, da debiti, azionisti senza scrupoli, accuse di frode e corruzione, crollo dei prezzi del petrolio e non sanno più dove andare a parare. Hanno debiti per 200 milioni di dollari che non sono riusciti a ripagare. Basta solo dire che il 23 dicembre 2015, il giorno dopo la firma dei nostri decreti ministeriali, ha iniziato a cercare potenziali acquirenti. La liquidità finirà entro gennaio 2016. Cioè abbiamo dato il mare delle Tremiti a una ditta sul lastrico che sta quasi per fallire.

di Maria Rita D'Orsogna

Trivellazioni alle Tremiti: debiti e accuse di frode per la Petrolceltic. A chi diamo il nostro mare? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Trivelle, dopo Ombrina un altro favore ai petrolieri nelle Isole Tremiti

12 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Tremiti trivelleE' proprio uno strano governo questo, un governo in cui le cose non si fanno con intelligenza e per amore di nazione o di ambiente o di generazioni future. No, è un governo in cui si fanno le cose solo per zittire chi urla di più, per evitare di fare figuracce, per mettere toppe di qua e di là, con furbizie ed imbrogli.

In questi giorni, infatti, vengono prese decisioni diametralmente opposte, senza né capo né coda. Il giorno 1 gennaio 2016 con il nuovo anno e la nuova finanziaria (pardon, legge di Stabilità) viene re-introdotto il limite protettivo delle dodici miglia vietate alle trivelle lungo il perimetro nazionale.

di Maria Rita D'Orsogna

Trivelle, dopo Ombrina un altro favore ai petrolieri nelle Isole Tremiti - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Giethoorn, dove ci si muove solo a piedi, in canoa o in barca

08 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Una città dove non circolano automobili, dove i sentieri percorsi in lungo e largo da pedoni e biciclette costeggiano lunghi canali interrotti solo da ponti, al di là dei quali le canoe fanno capolino con a bordo adulti che vanno al lavoro, bambini che si recano a scuola o mamme con le buste della spesa.
giethoorn

Giethoorn, dove ci si muove solo a piedi, in canoa o in barca - 3.3 out of 5 based on 4 votes

California: disastro ambientale da metano

07 Gennaio 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR GAS SPILLE' in corso uno dei più grandi disastri ambientali nella storia degli Stati Uniti.

Una quantità enorme di gas metano fuoriesce dal pozzo di un impianto di presso Aliso Canyon, in California, a un tasso allarmante di 50 TONNELLATE l'ora. Il gas, che puzza di uova marce per via dell'aggiunta di una sostanza chimica chiamata mercaptano, ha portato all'evacuazione DI 1.700 case, finora. Molti residenti hanno già intentato cause contro la società che possiede l'impianto, la Southern California Gas Company.

California: disastro ambientale da metano - 4.3 out of 5 based on 6 votes

Il Nobel Rubbia: I cambiamenti climatici non sono causati dall'uomo

04 Gennaio 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Rubbia temperaturaCarlo Rubbia, premio Nobel per la fisica nel 1984, esprime il suo parere sui cambiamenti climatici in una conferenza tenutasi in un'aula della Camera de Deputati.

La sua posizione è critica dell'orientamento che vede nelle attività umane la causa principale del cambiamento climatico. Anzi, sembra sostenere che il cambiamento climatico che tanto viene paventato (l'aumento della temperatura terrestre) in realtà non stia avvenendo, visto che la temperatura media del pianeta, negli ultimi quindici anni è addirittura scesa. 

Il Nobel Rubbia: I cambiamenti climatici non sono causati dall'uomo - 4.0 out of 5 based on 4 votes

La grande bugia sull'inquinamento

31 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Balasso bugiadi Natalino Balasso

Ancora una volta siamo di fronte alla grande bugia sull'inquinamento.
Città e Comuni invitano la gente a stare in casa, come in guerra, e fanno chiudere le pizzerie col forno a legna per via delle polveri sottili (davvero il problema sono i forni a legna?) per tacere il solito incompetente lassismo delle istituzioni rispetto ai veri grandi motori d'inquinamento presenti nel territorio. Eppure si sa da molto tempo qual è (qual'è) il problema: le grosse industrie, se escludiamo il complicato discorso sulle polveri sottili, le cause sono le industrie agroalimentari in primis. La scelta è: continuiamo con questo sistema industriale e a raccontarci la Grande Bugia dello sviluppo compatibile oppure capiamo che bisogna cambiare sistema, consumare meno, cambiare comportamenti, desiderare meno?

La grande bugia sull'inquinamento - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Il governo vota a favore delle bombe sismiche nei mari della Sardegna

30 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Bombe sismicheEscono dalla porta e rientrano dalla finestra. Solo il mese scorso avevamo esultato per la decisione del Ministero dell'Ambiente di non autorizzare le prospezioni con la tecnica dell'Air Gun che la ditta Schlumberger vuole effettuare ai margini del santuario dei cetacei a nord della Sardegna. Ma ecco che un mese dopo il governo vota quello che in pratica è un via libera, in barba alle norme costituzionali. (E.C.)

Il governo vota a favore delle bombe sismiche nei mari della Sardegna - 4.2 out of 5 based on 13 votes

La procura di Lecce salva gli ulivi e indaga commissario e scienziati dell’emergenza xylella

21 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

xylella processo

Non uno ma nove diversi ceppi di xylella. E non dal 2013, ma probabilmente da molti anni prima. Oppure, altra ipotesi, introdotti recentemente in più tranche. La Procura di Lecce rimescola le carte, indica altre verità rispetto a quelle indicate dal CNR e dall'Università di Bari, dalla Regione Puglia e dal Ministero delle politiche agricole e sequestra preventivamente (con facoltà d'uso per garantirne la cura e la raccolta delle olive da parte dei proprietari) gli ulivi che il Commissario per l'emergenza xylella, Giuseppe Silletti, avrebbe ripreso a sradicare già dal 16 dicembre. Se non glielo avessero impedito gli agricoltori e i cittadini, frapponendosi tra le ruspe e gli ulivi.

E lo indaga.

La procura di Lecce salva gli ulivi e indaga commissario e scienziati dell’emergenza xylella - 4.0 out of 5 based on 4 votes

In Cina comprano aria in scatola dal Canada

17 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Canned airCi siamo, siamo all'apice dell'incredibile, della follia: si fanno affari con l'aria che respiriamo perché c''è chi non ne ha più da respirare. Una società canadese "imbottiglia" l'aria delle Rocky Mountains e la vende ai cinesi, schiacciati da un inquinamento pazzesco.

Vitality Air è il nome della società, fondata l'anno scorso nella cittadina di Edmonton e ha cominciato a vendere aria alla Cina due mesi fa. Il primo carico ha visto 500 "confezioni" di aria fresca vendute in 4 giorni, ha spiegato il co-fondatore della società, Moses Lam.

Poi sono diventate migliaia; ognuna costa 100 yuan (10 euro), 50 volte di più del costo in Cina della normale acqua minerale.

 

In Cina comprano aria in scatola dal Canada - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Inquinamento atmosferico. Italia e Pianura Padana le peggiori d’Europa

10 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Air pollution Europe1

Secondo il rapporto dell'Aea solo in Italia sono 84.400 le morti premature causate dall'inquinamento atmosferico. La più colpita è la Pianura Padana.
Particolato, ozono, biossido di azoto. La qualità dell'aria europea è ancora seriamente minacciata da questi inquinanti, in particolare nei grandi centri urbani. A renderlo noto l'ultimo rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente (Aea) Qualità dell'aria in Europa, relazione 2015, che studia l'esposizione della popolazione europea agli inquinanti atmosferici e fornisce un'istantanea sulla qualità dell'aria basata su dati provenienti da stazioni di monitoraggio ufficiali di tutta Europa.

Inquinamento atmosferico. Italia e Pianura Padana le peggiori d’Europa - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Italia: 14 miliardi di sussidi alle fonti fossili

09 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

fonti fossiliAlla Conferenza sul clima di Parigi serve proprio il miracolo, i negoziati dell CoP 21 sul clima sembra che vadano a rilento, e i vecchi schemi rischiano di ripetersi. La domanda centrale ruota sempre attorno al piano dell'approvvigionamento energetico. Secondo i dati raccolti da Legambiente sappiamo che nel 2015 i sussidi alle fonti fossili sono stati pari a 5300 miliardi di dollari (10 milioni di dollari al minuto) secondo l'ultimo studio del Fondo Monetario Internazionale. Tanto quanto il 6,5% del PIL mondiale e più della spesa sanitaria totale di tutti i governi del mondo. Rispetto al 2013 sono cresciuti del 10,4% (con l'Europa che supera la media generale) e il FMI prevede un ulteriore incremento dell'11,6% con ben 231 miliardi di dollari di sostegno alle fonti fossili, in un settore sempre più in difficoltà per la crescente competitività delle fonti rinnovabili.

 

Italia: 14 miliardi di sussidi alle fonti fossili - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Fukushima, Brasile.

01 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

brazilian fukushimaFrancamente preferirei senza dubbio alcuno non scrivere questo articolo. Ma ritengo importante dare aggiornamenti su questa catastrofe senza precedenti di cui ho già dato segnalazione.

La verità è che il mondo sta facendo finta di niente e tutti stanno cercando di insabbiare, finché possibile, la realtà della situazione. Il fatto è che il Brasile ha rapporti commerciali importanti con molti paesi e, come già dimostrato molte volte, nessuno osa alzare la voce con il suo governo. Oggi Dilma Rousseff parteciperà alla conferenza sul clima, accolta in uno dei super hotel dove ama di solito farsi ospitare con il suo nutrito staff. Purtroppo non ha perso occasione di denunciare la sua malafede o, perlomeno, la sua scarsa capacità di empatia con il suo popolo, alla faccia di quelli che si ostinano a sostenerla. Visto che si è limitata a "sorvolare" l'area del disastro, senza prendersi la briga (anche solo per ragioni professionali e di immagine) di scendere a terra per condividere con tutti l'immane tragedia e, come sostiene il giornalista brasiliano Wagner Barcelar di Governador Valadares, sentire il puzzo di pesce morto dovuto alla strage di animali quasi totale che ha colpito il Rio Doce. L'aria è irrespirabile.

Fukushima, Brasile. - 4.8 out of 5 based on 4 votes

L'ambiente nei TG: fanalino di coda

25 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Ambiente tgA leggere i risultati del 2° Rapporto Eco-Media sull'Informazione ambientale in Italia c'è da sperare che la Conferenza sul Clima COP21 che si aprirà tra pochi giorni a Parigi serva da occasione per una decisa inversione di tendenza. Perchè i risultati dell'analisi realizzata dall'Osservatorio Eco Media, think tank istituito da Pentapolis Onlus in collaborazione con l'Università Lumsa e in collaborazione con l'Osservatorio di Pavia, sono tutt'altro che positivi. Appuntamento il 27 novembre alla LUMSA, via di Porta Castello 44, Roma.

L'ambiente nei TG: fanalino di coda - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Una buona notizia: il Ministero blocca l'Air Gun nel mare della Sardegna!

18 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sardegna no airgunSe ci si unisce, si studia, si portano i giusti argomenti, si può vincere anche contro i colossi petroliferi. Questo hanno fatto i cittadini sardi, ed il Ministero dell'Ambiente ne ha dovuto prendere atto. Lo scorso giugno avevamo pubblicato un articolo sui disastrosi effetti delle ricerche geosismiche con la tecnica dell' Air Gun nei mari della Sardegna. (NDR)

Giovedi scorso un decreto del dicastero dell'Ambiente ha respinto la richiesta presentata dalla Schlumberger Italiana. «La ricerca di idrocarburi avrebbe impatti negativi sull'area protetta del Santuario dei mammiferi». 

 

Una buona notizia: il Ministero blocca l'Air Gun nel mare della Sardegna! - 4.5 out of 5 based on 8 votes

LIFE BREAK, LA SETTIMANA DELL'ETICA E DELLA SALUTE

18 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

E' in corso a Bari fino al 22 novembre "Life break", la settimana dedicata ai temi dell'etica e della salute. «Alla ribalta l'importanza delle scelte individuali che a piccoli passi cambiano il mondo» spiegano gli organizzatori.
Life break

Così la batteria domestica di Tesla potrebbe cambiarci la vita

17 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Il CEO della Tesla Motors, Elon Musk

Appesa al muro di casa, Powerwall raccoglie energia solare e la conserva per erogarla quando ne abbiamo bisogno. Potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione energetica.

Tesla powerwall

Così la batteria domestica di Tesla potrebbe cambiarci la vita - 4.5 out of 5 based on 73 votes

Geotermia: dati falsi negli studi e conflitto d'interessi.

16 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Geotermia taroccaGrande preoccupazione di cittadinanza, comitati e sindaci del territorio orvietano e viterbese: nuove e gravi notizie emergono in relazione al progetto di impianto geotermico pilota di Castel Giorgio. Diffida alla presidente Marini.

Secondo una perizia predisposta da una autorevole scienziata dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)- e già inviata da parte di sindaci ed associazioni alla Conferenza di servizi presso il Ministero dello Sviluppo Economico-parte dei dati sensibili utilizzati nel progetto di impianto geotermico di Castel Giorgio sarebbero inattendibili.

Alla lunga lista di irregolarità, illegalità e conflitti di interesse, che hanno accompagnato questa vicenda e che già dovrebbero essere più che sufficienti a respingere il progetto e dichiarare nulle le procedure fin qui seguite, si aggiunge nelle ultime ore questa perizia, richiesta da sindaci e comitati, che parla di vera e propria "truffa" all'interno della documentazione scientifica a supporto del progetto.

Geotermia: dati falsi negli studi e conflitto d'interessi. - 5.0 out of 5 based on 1 vote