Ecologia

Fukushima, Brasile.

01 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

brazilian fukushimaFrancamente preferirei senza dubbio alcuno non scrivere questo articolo. Ma ritengo importante dare aggiornamenti su questa catastrofe senza precedenti di cui ho già dato segnalazione.

La verità è che il mondo sta facendo finta di niente e tutti stanno cercando di insabbiare, finché possibile, la realtà della situazione. Il fatto è che il Brasile ha rapporti commerciali importanti con molti paesi e, come già dimostrato molte volte, nessuno osa alzare la voce con il suo governo. Oggi Dilma Rousseff parteciperà alla conferenza sul clima, accolta in uno dei super hotel dove ama di solito farsi ospitare con il suo nutrito staff. Purtroppo non ha perso occasione di denunciare la sua malafede o, perlomeno, la sua scarsa capacità di empatia con il suo popolo, alla faccia di quelli che si ostinano a sostenerla. Visto che si è limitata a "sorvolare" l'area del disastro, senza prendersi la briga (anche solo per ragioni professionali e di immagine) di scendere a terra per condividere con tutti l'immane tragedia e, come sostiene il giornalista brasiliano Wagner Barcelar di Governador Valadares, sentire il puzzo di pesce morto dovuto alla strage di animali quasi totale che ha colpito il Rio Doce. L'aria è irrespirabile.

Fukushima, Brasile. - 4.8 out of 5 based on 4 votes

L'ambiente nei TG: fanalino di coda

25 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Ambiente tgA leggere i risultati del 2° Rapporto Eco-Media sull'Informazione ambientale in Italia c'è da sperare che la Conferenza sul Clima COP21 che si aprirà tra pochi giorni a Parigi serva da occasione per una decisa inversione di tendenza. Perchè i risultati dell'analisi realizzata dall'Osservatorio Eco Media, think tank istituito da Pentapolis Onlus in collaborazione con l'Università Lumsa e in collaborazione con l'Osservatorio di Pavia, sono tutt'altro che positivi. Appuntamento il 27 novembre alla LUMSA, via di Porta Castello 44, Roma.

L'ambiente nei TG: fanalino di coda - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Una buona notizia: il Ministero blocca l'Air Gun nel mare della Sardegna!

18 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sardegna no airgunSe ci si unisce, si studia, si portano i giusti argomenti, si può vincere anche contro i colossi petroliferi. Questo hanno fatto i cittadini sardi, ed il Ministero dell'Ambiente ne ha dovuto prendere atto. Lo scorso giugno avevamo pubblicato un articolo sui disastrosi effetti delle ricerche geosismiche con la tecnica dell' Air Gun nei mari della Sardegna. (NDR)

Giovedi scorso un decreto del dicastero dell'Ambiente ha respinto la richiesta presentata dalla Schlumberger Italiana. «La ricerca di idrocarburi avrebbe impatti negativi sull'area protetta del Santuario dei mammiferi». 

 

Una buona notizia: il Ministero blocca l'Air Gun nel mare della Sardegna! - 4.5 out of 5 based on 8 votes

LIFE BREAK, LA SETTIMANA DELL'ETICA E DELLA SALUTE

18 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

E' in corso a Bari fino al 22 novembre "Life break", la settimana dedicata ai temi dell'etica e della salute. «Alla ribalta l'importanza delle scelte individuali che a piccoli passi cambiano il mondo» spiegano gli organizzatori.
Life break

Così la batteria domestica di Tesla potrebbe cambiarci la vita

17 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Il CEO della Tesla Motors, Elon Musk

Appesa al muro di casa, Powerwall raccoglie energia solare e la conserva per erogarla quando ne abbiamo bisogno. Potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione energetica.

Tesla powerwall

Così la batteria domestica di Tesla potrebbe cambiarci la vita - 4.5 out of 5 based on 73 votes

Geotermia: dati falsi negli studi e conflitto d'interessi.

16 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Geotermia taroccaGrande preoccupazione di cittadinanza, comitati e sindaci del territorio orvietano e viterbese: nuove e gravi notizie emergono in relazione al progetto di impianto geotermico pilota di Castel Giorgio. Diffida alla presidente Marini.

Secondo una perizia predisposta da una autorevole scienziata dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)- e già inviata da parte di sindaci ed associazioni alla Conferenza di servizi presso il Ministero dello Sviluppo Economico-parte dei dati sensibili utilizzati nel progetto di impianto geotermico di Castel Giorgio sarebbero inattendibili.

Alla lunga lista di irregolarità, illegalità e conflitti di interesse, che hanno accompagnato questa vicenda e che già dovrebbero essere più che sufficienti a respingere il progetto e dichiarare nulle le procedure fin qui seguite, si aggiunge nelle ultime ore questa perizia, richiesta da sindaci e comitati, che parla di vera e propria "truffa" all'interno della documentazione scientifica a supporto del progetto.

Geotermia: dati falsi negli studi e conflitto d'interessi. - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Vittoria dei movimenti ecologisti: Obama boccia l’oleodotto Keystone XL

09 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

KeystoneUn'altra notizia bellissima per chiunque lotti per la giustizia ambientale, in qualsiasi parte del pianeta.

Il Keystone Pipeline è stato finalmente bocciato dall'amministrazione Obama. L'oleodotto della nostra discordia, 1179 miglia che avrebbero dovuto trasportare 830 mila barili di petrolio derivante dal bitume delle tar sands del Canada ogni santo giorno da Calgary fino a Houston non s'avrà da fare.

Perché? Perché costruirlo, ed estrarre il petrolio che dovrà trasportare, peggiorerà i cambiamenti climatici. Questo è il verdetto finale del presidente Obama. E' una vittoria storica, per la portata del progetto, per la persistenza dei petrolieri, per le proteste che si sono susseguite nel corso degli anni e perché è arrivato addirittura il veto presidenziale.

Vittoria dei movimenti ecologisti: Obama boccia l’oleodotto Keystone XL - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Il peperone di Sygenta, un altro passo verso la schiavitù alimentare

03 Novembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Peperoni Syngenta
L'ufficio brevetti dell'Unione Europea ha concesso alla multinazionale Sygenta il brevetto su un peperone senza semi. Voi direte: è ogm, si sa che questo accade! Invece no: questo peperone non è modificato geneticamente. E' un peperone e basta, ma diventa proprietà di Sygenta. La situazione è già sfuggita di mano...

Il peperone di Sygenta, un altro passo verso la schiavitù alimentare - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Le “oasi” galleggianti che ripuliscono il canale

21 Ottobre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

canale fitodepurazioneUn esperimento, avviato a New York ma che potrebbe benissimo essere proposto anche sui nostri canali e sui nostri fiumi: strutture galleggianti dove far crescere piante che sono in grado di ripulire le acque inquinate.

Le “oasi” galleggianti che ripuliscono il canale - 4.7 out of 5 based on 3 votes

L’ufficio europeo dei brevetti dà il via libera agli animali transgenici

08 Ottobre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Brevetto animaliDall'Ufficio Europeo competente arriva la conferma per due brevetti sugli animali transgenici del gruppo Intrexon. L'associazione Testbiotech farà ricorso

L’ufficio europeo dei brevetti dà il via libera agli animali transgenici - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Ucciso dopo avere denunciato la devastazione causata dalle piantagioni di olio di palma

07 Ottobre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

rigoberto lima chocEra riuscito a far accogliere da una corte guatemalteca la sua denuncia contro le devastazioni provocate dalle società che gestiscono le piantagioni di olio di palma. Qualche giorno dopo è stato ucciso.

Ucciso dopo avere denunciato la devastazione causata dalle piantagioni di olio di palma - 4.8 out of 5 based on 6 votes

Chi uccide i fiumi toscani?

28 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

bonificatoscana1E' un vero e proprio allarme fiumi e in questo momento la situazione in Toscana è drammatica. Interventi disastrosi distruggono ecosistemi e mettono a rischio la sicurezza idraulica del territorio. E purtroppo la Toscana non è l'unica Regione dove tali scempi si stanno moltiplicando...

Chi uccide i fiumi toscani? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

I nostri mari, le nostre campagne minacciate dal petrolio

26 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

petrolio in italia1L'allarme dell'ex Ministro dell'Ambiente Pecoraro Scanio, promotore di una petizione su Change.org: "I nostri mari, le nostre campagne minacciate dal petrolio"

I nostri mari, le nostre campagne minacciate dal petrolio - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Geotermia: guarda guarda chi c'è dietro i finti ambientalisti pro-centrale

07 Settembre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Tana GeotermiaUn progetto inutile, che pagheranno tutti gli italiani perchè fatto per intascare incentivi, con enormi rischi per ambiente e residenti. Ma lo spacciano come verde, buono e bello. Siamo andati a vedere chi, e come. Il risultato? Grasse risate.

E' da tempo che riportiamo sull'importante battaglia che si sta svolgendo sul territorio dell'Alfina, tra Orvieto ed il lago di Bolsena. Una battaglia importante, perchè è li che stanno tentando di fare il primo progetto pilota, che darebbe poi il via ad almeno altre decine e decine di centrali sparse per tutta Italia.

La battaglia vede i cittadini dell'area interessata, e con essi i comuni, contrari in blocco alla centrale, contrapposti ad una misteriosa società con sede nel paradiso fiscale del Liechtenstein,  che si muove attraverso una misteriosa società austriaca, che opera attraverso una società italiana, la ITW LKW, che non ha mai fatto niente del genere prima, apparentemente aiutata da una potente lobby politico-affaristica che riesce a combinare strani magheggi in parlamento, pur di mandare avanti il progetto.

 

Geotermia: guarda guarda chi c'è dietro i finti ambientalisti pro-centrale - 4.3 out of 5 based on 6 votes

La serra galleggiante Made in Italy, che produce cibo senza usare acqua dolce.

03 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Jellyfish Barge 3Jellyfish Barge, la serra modulare galleggiante progettata dallo spin off dell'Ateneo PNAT, si è classificata seconda al premio UNECE Ideas for Change Award, ideato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Europa. La competizione, organizzata nell'ambito dell'iniziative per il 2015 Anno per lo Sviluppo Sostenibile, è rivolta alle start-up innovative con idee progettuali capaci di affrontare le attuali sfide economiche e sociali.
La votazione per stabilire i vincitori del premio, cui hanno partecipato 25 Paesi con 150 proposte, è avvenuta martedì 15 aprile a Ginevra, presso il Palais des Nations, ad opera dei delegati di 56 Paesi membri e di una giuria di esperti.
Il progetto della serra è stato sviluppato da PNAT, spin off nato all'interno dell'Incubatore Universitario Fiorentino, nell'ambito delle attività di ricerca del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV), diretto da Stefano Mancuso, associato di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree.

La serra galleggiante Made in Italy, che produce cibo senza usare acqua dolce. - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Parigi: un giorno senza auto

02 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Il 27 di questo mese a Parigi non circoleranno auto, camion, ecc. Nessun tipo di traffico motorizzato. La città apparterrà a pedoni e ciclisti. Per lo meno nei 4 Arrondissement centrali.
Parigisenzauto

Parigi: un giorno senza auto - 3.0 out of 5 based on 1 vote

Il leone e il dentista

31 Luglio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Ecologia

leoneLa storia è da qualche giorno sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 30 luglio 2015 - Walter Palmer, un dentista del Minnesota con il pallino per la caccia uccide, agli inizi di luglio, Cecil, un leone di 13 anni, simbolo dello Zimbabwe.

Lo attira all'esterno del Zimbabwe National Park con un'esca, e colpisce il leone con una freccia per poi finirlo con un'arma da fuoco.

 

Il leone e il dentista - 4.8 out of 5 based on 6 votes

Sardegna, terra avvelenata da salvare

28 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sardo ContaminatoLa Sardegna, insieme alla Campania, è la regione dove si registrano le aree contaminate più vaste (in totale 445 mila ettari in Sardegna e 345 mila ettari in Campania). Un sardo su tre vive in un sito contaminato (contro una media italiana di uno su sei). Per concentrare l'attenzione su queste problematiche oggi, 28 luglio, si terrà proprio nell'Oristanese il quinto workshop nazionale sulla salute globale.