Economia

Lo scandalo dell’acciaio giapponese “farlocco” usato nelle auto di tutto il mondo In evidenza

14 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Scandalo acciaioPrima lo scandalo che ha portato al richiamo di milioni di auto, per gli airbag difettosi della Takata, ora quello dell’acciaio falsificato. Ancora una volta un caso tutto giapponese ma che ha pesanti riflessi sull’industria dell’auto in tutto il mondo. Protagonista la Kobe Steel, gigante della produzione e fornitore di 200 aziende mondiali e, nel settore automobilistico, di General MotorsFord, Honda, Mazda, Mitsubishi, Nissan, Subaru e Toyota.Il big dell’acciaio ha da poco rivelato che per almeno un anno ha spedito prodotti che non soddisfano effettivamente le specifiche di resistenza e durata concordate con i propri clienti.Una rivelazione choc, ma non del tutto inattesa dopo che lo scorso anno era emerso un caso analogo presso una sua controllata. Da quel momento sono stati scoperte decine di migliaia di tonnellate di prodotti in alluminio e rame, spediti tra il 1° settembre 2016 e il 31 agosto 2017 che “non rispettavano” i contratti di consumo, come ha ammesso la società.

di Riccardo Quintili

LA POLONIA RIDUCE L’ETA’ PENSIONABILE SFIDANDO LA UE In evidenza

09 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Zloty euroVi proponiamo quest’articolo di Voci dall’estero che potete leggere anche qui, sull situazione in Polonia, dove il governo, fuori dall’euro, riesce a fare un surplus di bilancio, abbassa le età pensionabili e fa crescere l’economia del 3,9%,  giocando anche molto abilmente sulla sua qualifica di paese della UE in grado di svalutare. Macron ha tentato di impedire alle società di servizio polacche di offrire i propri servizi negli altri paesi ricevendone il veto. Dovremmo imparare dal fatto che c’è vita e ricchezza fuori dall’Euro.

Come riporta Reuters, pare che nel mondo sia possibile essere un’economia più piccola di quella italiana, permettersi una propria moneta, crescere a ritmi del 3,9 per cento, fare politiche demografiche attive e addirittura abbassare l’età della pensione. Fortunatamente ci pensano gli austeri banchieri a ricordare a tutti il più grande pericolo per l’umanità, ossia che gli stipendi dei lavoratori crescano troppo velocemente. E che è proprio un peccato che certi governi tengano addirittura fede alle proprie promesse elettorali.

Di Marcin Goettig

LA POLONIA RIDUCE L’ETA’ PENSIONABILE SFIDANDO LA UE - 5.0 out of 5 based on 2 votes

IL MISSILE DI KIM FA VOLARE IL BITCOIN

31 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

BitcoinSarà anche cripto, ma sempre più investitori considerano il bitcoin una valuta rifugio. Ieri, nel giorno in cui la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico che ha sorvolato l’isola giapponese di Hokkaido per poi cadere nell’Oceano Pacifico, la criptovaluta ha registrato il nuovo record di tutti i tempi a 4.703 dollari (mentre l’oro ha toccato un massimo di giornata a 1.331 dollari l’oncia). L’impennata si è verificata in contemporanea con l’apertura al ribasso di Wall Street e il rialzo rispetto al record precedente, segnato lo scorso 18 agosto, è stato del 4%.

È interessante notare che i più forti acquisti di bitcoin sono arrivati dal Giappone e dalla Corea del Sud, i due Paesi più direttamente minacciati dai missili del presidente nordcoreano Kim Jong-un. Della corsa a un rifugio sicuro hanno beneficiato anche le altre critpovalute, come l’ethereum, tanto che la loro capitalizzazione complessiva ha raggiunto il nuovo record di 162 miliardi di dollari. Un balzo impressionante dall’8 di agosto, quando la capitalizzazione era di poco inferiore ai 90 miliardi.

Ma è davvero un rifugio sicuro il bitcoin?

di Marcello Bussi

IL MISSILE DI KIM FA VOLARE IL BITCOIN - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Due anni dopo, ecco che cosa resta del miracolo di Expo

16 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Sono passati due anni dal 1 maggio 2015, quando si sono aperti i cancelli di Expo. Sulla narrazione dell’esposizione universale sono stati costruiti il mito della rinascita di Milano e il successo politico del suo commissario, Giuseppe Sala, poi diventato sindaco di Milano. Ora è possibile un bilancio meno ideologico e trionfale e più pacato. Tentiamo di farlo sulla base dei numeri oggi a disposizione.
expo smantellamento

Due anni dopo, ecco che cosa resta del miracolo di Expo - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Terremoto in casa Lidl: Commissariati 214 supermercati per rapporti con Cosa nostra

15 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Lidl mafiaTerremoto in casa di una delle maggiori catene di distrubizione alimentare presenti in Italia: Lidl è finita sotto amministrazione giudiziaria, in quattro delle dieci direzioni italiane, in seguito a un’indagine della Direzione distrettale antimafia di Milano, secondo cui all’interno del gruppo vi erano persone che curavano anche interessi della cosche mafiose. Secondo il procuratore aggiunto Ilda Boccassimo e il pm Paolo Storari, si sarebbero “favoriti gli interessi” del clan dei Laudani di Catania. 

di Leonardo Masnata

Terremoto in casa Lidl: Commissariati 214 supermercati per rapporti con Cosa nostra - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina e venduto come italiano

13 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Pomodori cinesi2Il bambino ha l’aria concentrata. Vestito con una tuta lacera, le mani protette da un paio di guanti, scava un foro nel terreno. Ci infila la piantina. Copre il foro. Si sposta di circa 30 centimetri e ripete la stessa operazione. Dice di avere dodici anni, ma ne dimostra anche meno. Intorno a lui, un’altra ventina di persone, donne, uomini, qualche altro ragazzo più grande. Tutti fanno gli stessi gesti, veloci e ripetitivi: afferrano le minuscole piante da cassette di plastica e le collocano a terra, a una distanza fissa l’una dall’altra. Finita una cassa, ne attaccano un’altra. E poi un’altra ancora, seguendo le linee dell’aratura.Seduto su una panca di legno ai bordi del campo, il proprietario li osserva pigramente, mentre un caposquadra annota su un taccuino lo spazio che ha coperto ognuno di loro. La sera li pagherà in contanti, a cottimo: 0,17 yuan (2 centesimi di euro) al metro. A fine giornata, i più svelti riusciranno a mettere in tasca una settantina di yuan, più o meno dieci euro.Siamo nello Xinjiang, estremo ovest della Cina, a tremila chilometri da Pechino. Questa regione sconfinata, grande cinque volte e mezzo l’Italia, è tappezzata di terreni dove si coltiva uno degli ortaggi più consumati al mondo: il pomodoro. Una produzione destinata non al consumo interno, ma all’esportazione: i frutti delle piantine immesse nel terreno da questi braccianti a giornata di ogni età saranno trasbordati in una fabbrica, per essere lavorati e mandati in giro per il pianeta sotto forma di triplo concentrato. Dopo opportuna rilavorazione, finiranno nel ketchup della Heinz, nei barattoli che si vendono a due soldi nei mercati africani. O in concentrati e sughi pronti prodotti da marchi italiani.Perché il principale importatore di questo prodotto è proprio il nostro paese: nel 2016, secondo i dati dell’agenzia delle dogane, sono arrivati in Italia 92mila tonnellate di triplo concentrato made in China. Una cifra che segna un aumento del 40 per cento rispetto all’anno precedente.Intere famiglie nei campi

di Stefano Liberti

Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina e venduto come italiano - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Parigi e la novità ‘Lulu dans ma rue’, il portierato di quartiere per risolvere problemi quotidiani

11 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

lulu rue conciergerie proximite L 99qd0yInventarsi un lavoro come il “portierato di quartiere”: un’idea geniale al tempo della crisi arriva da Parigi. L’edicola si trova nel cuore della capitale francese, a due passi dalla place de Vosges e di fronte alla chiesa di Saint Paul, nel Marais, e non vende giornali, ma soluzioni di problemi.

L’idea di creare un portierato di quartiere è venuta a Charles-Edouard Vincent, insegnante di economia sociale alla HEC, con trascorsi da docente in giro per il Mondo (ha insegnato anche alla Stanford University). Vincent ha pensato di installare un piccolo chiosco che fosse un punto di riferimento per i parigini in cerca di aiuto per i motivi più disparati. Il professore, in merito alla sua idea, ha dichiarato: “Lulu dans ma rue è un portierato di quartiere, grazie al quale abbiamo ridato umanità alla vita di tutti i giorni. Il nostro obiettivo è quello di aiutare i cittadini di Parigi a risolvere problemi quotidiani piccoli e grandi”. In meno di un anno, “Lulu dans ma rue” di problemi ne ha risolti più di 4000: ha montato tende, aiutato bambini a fare i compiti, preparato cene, riparato rubinetti, portato la spesa su per cinque piani senza ascensore.

Parigi e la novità ‘Lulu dans ma rue’, il portierato di quartiere per risolvere problemi quotidiani - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Aiuti di Stato all’economia: in Germania quasi il quadruplo rispetto all’Italia

31 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Aiuti di StatoLa spesa pubblica viene, da alcuni, considerata come un freno per l'economia, tanto che si chiede una riduzione dell'intervento dello Stato che lasci campo libero al settore privato. Inoltre, l'Italia viene indicata come uno dei paesi nei quali l'intervento dello Stato, con "la spesa pubblica improduttiva", in aiuto all'economia, sarebbe più pregnante che altrove. Siamo sicuri che sia realmente così?!

È stato recentemente pubblicato sul sito della Commissione Europea un report intitolato "State Aid Scoreboard 2016" (Quadro di valutazione degli aiuti di Stato nel 2016), che riporta gli aiuti concessi (nel 2015), alla propria economia, da parte dei singoli Stati membri dell'Unione Europea in percentuale del loro PIL. A parte il fatto che pubblicare nel 2017 un report relativo al 2016, con i dati del 2015, qualche dubbio sulla "produttività" della Commissione potrebbe alimentarlo, l'obiettivo sarebbe quello di valutare in quali Stati l'intervento pubblico sia maggiore, ed in quali settori si sia concentrato.

di Luca Pezzotta

 

Aiuti di Stato all’economia: in Germania quasi il quadruplo rispetto all’Italia - 4.7 out of 5 based on 3 votes

Lascia l'azienda ai dipendenti e rinuncia a 4 milioni di euro: "Devo tutto a loro, è il mio modo per sdebitarmi"

28 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Eric BelileAltro che Paperon de Paperoni, esistono anche milionari dal cuore d'oro e dal portafoglio meno gonfio a causa della generosità. È questo il caso di Éric Belile, il patron francese del colosso della cancelleria Générale de bureautique che, alla soglia del suo pensionamento, ha deciso di rinunciare a una buonuscita di 4 milioni di euro per donare l'attività a chi gli era stato davvero accanto in tutti quegli anni di lavoro: i dipendenti.

Lascia l'azienda ai dipendenti e rinuncia a 4 milioni di euro: "Devo tutto a loro, è il mio modo per sdebitarmi" - 5.0 out of 5 based on 6 votes

La guerra ai sindaci che limitano l'azzardo a colpi di perizie di parte.

28 Marzo 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Azzardo BegamoMolti sindaci hanno introdotto o cercato di introdurre regolamentazioni per arginare il fenomeno della ludopatia, ponendo limiti alla vendita di determinati giochi, al numero di slot o alla loro locazione. Ovviamente l'industria dell'azzardo non ci sta e combatte ovunque le ordinanze dei sindaci a colpi di carte bollate. I ricorsi ai vari TAR fin ora hanno dato esiti alternati: a volte vince il sindaco, a volte i biscazzieri. Evidentemente è tutto in mano alla sensibilità del giudice, anche perchè lo stato si comporta in modo schizofrenico: da una parte il ministero della salute definisce la ludopatia come fenomeno gravissimo, e dall'altra lo Stato intasca miliardi su miliardi dai biscazzieri, nonostante un livello di tassazione ridicolmente basso. Quindi la predisposizione del giudice e gli eventuali pareri espressi nelle perizie dei litiganti diventano fondamentali per l'esito dei ricorsi. 

La guerra ai sindaci che limitano l'azzardo a colpi di perizie di parte. - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Pignoramento conto corrente: dal 1° luglio 2017 possibile senza alcun procedimento giudiziario.

21 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Fisco PignoramentiL'articolo esamina le nuove possibilità attribuite, con decorrenza dal 1° luglio, all'Agenzia delle Entrate Riscossione, il nuovo ente strumentale all'Agenzia delle Entrate che sostituirà Equitalia. Tale ente potrà accedere alle banche dati INPS e potrà pignorare i conti correnti in maniera diretta senza alcuna autorizzazione del giudice. Sono anche analizzati i mezzi di tutela del contribuente.

Si ampliano i poteri del Fisco in materia di controllo delle disponibilità liquide dei contribuenti. Difatti, dal 1° luglio 2017, l'Agenzia delle Entrate che incorporerà l'attuale Equitalia potrà consultare l'Anagrafe tributaria e procedere al pignoramento dei conti correnti direttamente senza attivare alcuna procedura di autorizzazione. Ed inoltre potrà consultare le banche dati dell'INPS per acquisire le informazioni relativi ai rapporti di lavoro per pignorare stipendi, indennità ecc. È questo in sintesi quello che si evince dalla lettura dell'articolo 3 del D. L 193/2016 convertito nella Legge n. 225/2016. Analizziamo nei termini la questione.

di Pasquale Chierchia

Pignoramento conto corrente: dal 1° luglio 2017 possibile senza alcun procedimento giudiziario. - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Ecco la casa solidale, affitti a bassi costi per chi fa la lavatrice agli altri o da baby sitter

14 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Un condominio vecchio stampo, in cui tutti si conoscono, si aiutano, condividono le difficoltà quotidiane ma anche i compleanni e le feste. In cui c'è chi accompagna i bimbi a scuola, chi fa la spesa per sé e per il vicino, chi mette a disposizione il proprio tempo per aiutare i più piccoli a fare i compiti. Un condominio nuovo, a consumo zero, che risponde alle normative 2020. Due realtà che sembrano lontane ma che si fonderanno in una sola: nel palazzo «La nova corte» che sta nascendo a Fossano, nel cuneese.

di Laura Serafini

Casa Solidale Fossano

Ecco la casa solidale, affitti a bassi costi per chi fa la lavatrice agli altri o da baby sitter - 4.5 out of 5 based on 2 votes

Anche in Trentino nasce la banca della terra

06 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Banca della terraLa giunta provinciale di Trento ha dato il via libera ai criteri di costituzione della Banca della Terra, ovvero dell'inventario dei terreni pubblici e privati incolti, che i proprietari mettono temporaneamente a disposizione di quanti ne facciano richiesta per rimetterli in produzione. Altre Regioni si erano già mosse in questa direzione negli anni scorsi.

Anche in Trentino nasce la banca della terra - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Ecco le banche che finanziano la violazione dei diritti umani e delle norme ambientali

01 Marzo 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Dirty ProfitsLa campagna "Non con i miei soldi" punta il dito contro le banche che continuano a finanziare la violazione dei diritti umani e delle norme ambientali. A stigmatizzare il fenomeno è anche il rapporto "Dirty profits" di Facing Finance. 

Per il quinto anno consecutivo Facing Finance ha pubblicato un report sulle violazioni delle norme e degli standard ambientali e sociali ad opera di multinazionali, evidenziando come troppo spesso le banche, così come i loro clienti, beneficiano dalla violazione dei diritti umani, dallo sfruttamento e dalla distruzione dell'ambiente e dalla corruzione associata a queste aziende. A stigmatizzare il fenomeno è anche la campagna "Non con i miei soldi", che da anni fa informazione critica sulla finanza italiana e internazionale.

«La dimensione delle transazioni finanziarie, secondo Facing Finance, supera i 52 miliardi di euro - spiega Claudia Vago di "Non con i miei soldi" - Il report "Dirty Profits" (Profitti sporchi) conferma, secondo il direttore di Facing Finance Thomas Küchenmeister, che l'autoregolamentazione di banche e aziende, fatta a porte chiuse, è largamente insufficiente e non permette di assicurare il rispetto dei diritti umani, dell'ambiente e degli standard anti corruzione.

Ecco le banche che finanziano la violazione dei diritti umani e delle norme ambientali - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Le isole più felici del mondo

22 Febbraio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Vanuatu1Misurare la qualità della vita non è un compito semplice. Certamente la felicità non viene misurata dal PIL di una nazione. In molti, negli ultimi anni, hanno proposto misure alternative della ricchezza delle nazioni, metodi che tengono conto di fattori come la durata della vita, ma anche della felicità, e del prezzo che si paga in termini ecologici per avere determinati standard, ovvero, si cerca di misurare l'efficenza con cui trasformiamo una risorsa "scarsa" per definizione - il nostro pianeta - in qualità della vita. 

 

Le isole più felici del mondo - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Emorragia da derivati: L'intreccio Tesoro-Banche d'Affari

14 Febbraio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Siniscalco

Decine di miliardi all'anno di denaro pubblico a beneficio delle grandi banche d'affari. Una storia che pochi conoscono. Ecco i dettagli.

di Alberto Micalizzi

C'è un'emorragia finanziaria in corso che sta sottraendo decine di miliardi all'anno di denaro pubblico a beneficio delle grandi banche d'affari. L'esplosione del caso "derivati di Stato" è del Gennaio 2012, quando il Governo Monti eseguì un pagamento di 3,1 miliardi di euro a favore della Morgan Stanley che chiese l'estinzione anticipata di un derivato sottoscritto nel 2004 e più volte rinegoziato.
Sulla scorta di ciò, il 10 Febbraio 2015 Maria Cannata, oggi capo della direzione del debito pubblico del Tesoro, rilasciò alla Commissione Finanze della Camera dei Deputati un'audizione che fornisce particolari importanti sul sistema ricattatorio al quale il Tesoro è soggetto da parte di una ventina di banche d'affari tra le quali Goldman Sachs, Morgan Stanley, JP Morgan, Deutsche Bank, Nomura, UBS ed il gotha delle famigerate banche "troppo grandi per fallire".

Emorragia da derivati: L'intreccio Tesoro-Banche d'Affari - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Meningite, la Procura di Catania indaga per procurato allarme

13 Febbraio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Procurato AllarmeIl Codacons fa sapere che la Procura di Catania ha aperto un'inchiesta a seguito dell'esposto presentato dall'associazione stessa nei confronti del ministero della salute e dell'Istituto superiore di Sanità per il procurato allarme sui casi di meningite e la corsa ai vaccini.

«La Procura della Repubblica di Catania indaga a seguito dell'esposto sull'allarme meningite scoppiato in Italia» negli ultimi mesi, fa sapere il Codacons. L'associazione lo scorso 14 gennaio aveva presentato una denuncia in diverse Procure italiane chiedendo di indagare per procurato allarme e abuso di atti d'ufficio nei confronti di soggetti pubblici e privati, compreso Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità.

Meningite, la Procura di Catania indaga per procurato allarme - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Banche salvate con soldi pubblici, ma i manager si tengono bonus e paracadute d'oro...

11 Febbraio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Superbonus...e niente, non ce l'hanno fatta neanche stavolta. Non tanto a non inchinarsi alle banche, no. Non sono riusciti nemmeno a non spalmarsi per terra con le mani giunte a mo' di preghierina. Questo governo "di sinistra" è riuscito a fare quello che persino i repubblicani più accaniti alla George W. Bush non avevano osato: Io governo ti salvo la banca con i soldi di tutti gli italiani, tu manager che magari hai contribuito a far fallire la banca, ti becchi superbonus e paracadute d'oro. Una porcata epica. L'ennesima.

Gli americani almeno, quando salvarono le banche nel 2008 imposero dei limiti a bonus e paracadute, tra i quali quello che sarebbero potuti essere erogati solo DOPO che lo stato avesse recuperato le spese. 

 

 

Banche salvate con soldi pubblici, ma i manager si tengono bonus e paracadute d'oro... - 1.0 out of 5 based on 1 vote
Pagina 1 di 15