Berlusconi ormai finito sul serio. Vittima dello spread.

14 Luglio 2012
Pubblicato in Politica

Berlusconi finito1Ci hanno provato in tutti i modi a fare fuori politicamente Berlusconi: il caso Mills, i diritti Mediaset, lo scandalo Mondadori, il bunga bunga.... le vergini offerte al drago...

Niente da fare, reggeva sempre, in certi casi si rafforzava perfino... nel paese di Pulcinella.

Grecia, G20, spread giù e poi su, borse su e poi giù: perché questa altalena?

18 Giugno 2012
Pubblicato in Economia

altalenaI greci chinano la testa al commissariamento europeo, e allora le borse schizzano in su – perfino le asiatiche – e lo spread cala. Dopo poche ore inversione di tendenza brutale…

E subito il coretto dei giornali e di Monti & co. a dire che è naturale… perché certamente il risultato elettorale greco non basta.. Ci vuole ben di più. Il ben di più è sempre qualcosa in direzione del Superstato centrale europeo.

NOTE FLASH di oggi: crollo dei Partiti; “boom” della Borsa, decreti e vampiri; un po’ di respiro.

23 Maggio 2012
Pubblicato in Politica

asteriscoGrandi manovre dei poteri di manipolazione, ma anche attenzione dei vampiri a non uccidere le vittime. Ed il Cielo non sta a guardare...

Ma si aspetta che non porgiamo il collo.

La "democrazia" dello spread

18 Maggio 2012
Pubblicato in Economia

La democrazia dello spreadIn questo articolo Luca Bastianelli, pur rendendosene conto solo parzialmente, si addentra nel funzionamento di certi meccanismi che vengono usati contro la coscienza. Nell'articolo si addossano le colpe ad una politica marcia ed incapace di fare nulla. Noi sappiamo bene che in realtà il livello politico è una facciata, dove non sono in grado di fare nulla, proprio perchè mancano di reale peso. E sappiamo dove vogliono andare a parare con tutto questo teatrino. Ma la descrizione dei meccanismi, da parte di Luca, è ottima.

Quando lo spread non faceva paura

12 Maggio 2012
Pubblicato in Economia

Quando lo spread3Ci fu un tempo in cui nessuno si preoccupava per lo spread.
Eppure, a quei tempi, era più alto di quanto fosse all'apice della "crisi" che ci ha regalato il governo Monti.