La propaganda di Amnesty International contro Assad

amnesty 800x495Un nuovo rapporto di Amnesty International afferma che il governo siriano avrebbe impiccato tra i 5.000 e 13.000 prigionieri in una prigione militare in Siria. La prova di tale affermazione è fragile, basata sul sentito dire di persone anonime al di fuori della Siria. I numeri stessi sono estrapolazioni che nessuno scienziato o giudice accetterebbe mai. Il report è stato scritto in stile fiction dal primo all'ultimo paragrafo.

Ma il rapporto di Amnesty non è ancora abbastanza propagandistico per i media anti-siriani. Inevitabilmente solo il numero più alto citato da Amnesty viene è menzionato. Per alcuni addirittura non è ancora sufficiente. L'agenzia di stampa Associated Press, ripresa poi da molti altri media, scrive così: "Almeno 13 mila impiccagioni nelle prigioni siriane dal 2011 ad oggi".

BEIRUT (AP) – Le autorità siriane hanno ucciso almeno 13.000 persone dall'inizio della rivolta del 2011 attraverso impiccagioni di massa in una prigione a nord di Damasco nota ai detenuti come "il macello", ha affermato Amnesty International in una nota.

Non si capisce in che modo il titolo sia diventato "almeno 13 mila", citando un rapporto già di per sé discutibile, e un numero appartenente, in realtà, ad una gamma molto più vasta.

Questo è il link al report.

Prima di tutto esaminiamo alcuni dettagli del "sommario":

Dal dicembre 2015 al dicembre 2016, Amnesty International ha studiato la sequenza e la scala delle violazioni effettuate presso il carcere militare di Saydnaya. Nel corso di quest'indagine, l'organizzazione ha intervistato 31 uomini arrestati presso la struttura, quattro funzionari della prigione o guardie che in precedenza hanno lavorato a Saydnaya, tre ex giudici siriani, tre medici che hanno lavorato all'ospedale militare di Tishreen quattro avvocati siriani, 17 internazionali ed esperti nazionali in materia di detenzione in Siria e 22 familiari di persone che erano o sono tuttora detenuti a Saydnaya.

Questo rapporto presente numerose criticità.

1. I testimoni sono, perlopiù, esponenti dell'opposizione ed "ex" funzionari che non vivono in Siria. Alcuni sarebbero stati intervistati in Siria a distanza ma non è chiaro se essi vivano nelle aree controllate dai ribelli o meno.
Le interviste fatte di persona, nella maggioranza dei casi, sono state fatte in Turchia (da dove transitavano le armi per i "ribelli", ndr). Le altre sono state condotte per telefono o attraverso altri mezzi a distanza: gli intervistati si trovavano in Siria, in Libano, Giordania, i paesi europei o Stati Uniti.

E' noto che la rivolta siriana è stata finanziata attraverso diversi miliardi di dollari l'anno da parte dei governi statali stranieri. Comprese sofisticate operazioni di propaganda. Questi testimoni, tutti, sembrano avere interesse nel condannare il governo siriano. Non vi è neppure il tentativo di formulare una visione diversa. Amnesty ha trovato queste persone contattando le ONG internazionali, finanziate dall'opposizione.

Tra questi gruppi troviamo: Urnammu for Justice and Human Rights, the Syrian Network for Human Rights, e il Syrian Institute for Justice and Accountability.

2. I numeri che Amnesty fornisce sono dati in una gamma molto ampia. Nessuno è documentato in liste o cose simili. Essi si basano esclusivamente sul sentito dire e stime approssimative di due testimoni:

Le persone che hanno lavorato presso le autorità carcerarie a Saydnaya hanno raccontato ad Amnesty International che le esecuzioni extragiudiziali legate alla crisi in Siria sono iniziate nel settembre 2011. Da quel momento, la frequenza con la quale sono stati effettuate è aumentata. Per i primi quattro mesi, si stima che le esecuzioni fossero tra le sette e le venti ogni 10-15 giorni. Per i seguenti 11 mesi, un numero che oscilla tra le 20 e le 50 persone sono state giustiziate una volta alla settimana, di solito il lunedì sera.

Per i successivi sei mesi, gruppi tra le 20 e 50 persone sono state giustiziate una o due volte alla settimana, di solito il lunedì o mercoledì sera. Le testimonianze fornite dai detenuti suggeriscono che le esecuzioni sono state effettuate in una simile – o addirittura superiore – frequenza almeno fino a dicembre 2015. Supponendo che il tasso di mortalità è rimasto lo stesso del periodo precedente, Amnesty International stima che tra le 5.000 e le 13.000 persone siano state vittime di esecuzioni extragiudiziali a Saydnaya tra settembre 2011 e dicembre 2015.

In mezzo a vari "compresa tra x e y", "una volta o due volte alla settimana", e "ipotizzando" i numeri del titolo sono semplicemente estrapolati dalla nota 40.

Queste stime sono basate sui seguenti calcoli. Se tra i sette e i 20 prigionieri sono stati uccisi ogni 10-15 giorni da settembre a dicembre 2011, la cifra totale oscillerebbe tra le 56 e le 240 persone per quel periodo. Se un numero che varia dai 20 e i 50 sono stati uccisi ogni settimana tra gennaio e novembre 2012, la cifra totale sarebbe tra 880 e 2.200. Se tra le 20 e le 50 persone sono state uccise in 222 sessioni di esecuzione (presupponendo che le esecuzioni sono state effettuate due volte a settimana per due volte al mese e una volta alla settimana, una volta al mese) tra il dicembre 2012 e il dicembre 2015, la cifra totale sarebbe tra 4.400 e 11.100 esecuzioni. Questi calcoli producono una cifra minima di 5.336, arrotondati per difetto diventano 5.000: e 13.540, arrotondati per difetto, 13.000.

Non vogliamo entrare nei dettagli delle testimonianze su cui poggia il rapporto. Sembrano quantomeno esagerate e non verificabili. Un esempio:

Hamid, un ex ufficiale militare, al momento del suo arresto nel 2012 ha ricordato i suoni che sentiva di notte durante le esecuzioni:

"Ci fu un rumore di qualcosa, come se fosse stato stato tolto dalla – come un pezzo di legno, non sono sicuro – e poi è sentito il suono di uno strangolamento ... Se poggiavamo le orecchie sul pavimento, potevamo sentire il suono di una sorta di gorgoglio. Durava circa 10 minuti ... Stavamo dormendo sopra le persone morte per soffocamento. Questo era normale per me allora".

Un tribunale potrebbe accettare un "non ne sono sicuro" o "sorta di gorgoglio", o "un rumore come un gorgoglio" come prova che la doccia stesse funzionando da qualche parte. Ma come prova di esecuzioni capitali?

Di tutti i testimoni Amnesty dice di averne intervistati solo due, un ex funzionario della prigione e un ex giudice, che descrivono esecuzioni capitali reali (pagina 25). Dalla formulazione delle loro dichiarazioni non è chiaro se hanno assistito a qualsiasi impiccagione loro stessi o, semplicemente, ne parlano per sentito dire.

Come mai Amnesty ne cita così pochi? Vediamo cosa dice il rapporto a pagina 30:

Ex detenuti dall'edificio rosso di Saydnaya hanno fornito ad Amnesty International le credenziali con i nomi delle 59 persone che stavano per essere trasferiti in carceri civili in Siria. Le prove contenute in questo rapporto suggeriscono fortemente che, in realtà, questi individui sono stati vittime di esecuzioni extragiudiziali.

Una guardia carceraria e un ex funzionario della prigione di Saydnaya hanno fornito ad Amnesty International i nomi dei 36 detenuti vittime di esecuzioni extragiudiziali a Saydnaya dal 2011.

Quei 95, alcuni dei quali potrebbero essere stati "giustiziati" sono gli unici a cui Amnesty sostiene di poter dare un nome. Questo corrisponde al 1-2% dell'affermazione centrale del report, che parla di una cifra che oscilla tra le 5.000 a 13.000 esecuzioni. Tutti quei testimoni potrebbero fornire maggiori informazioni sulle persone presumibilmente uccise?

Amnesty riconosce che i suoi numeri sono falsi. Sotto il titolo "morti documentate", a pagina 40, aggiunge i nomi e i numeri aggiuntivi rispetto a quelli di cui sopra – ma questi non sono esecuzioni capitali:

il numero esatto di morti di Saydnaya è impossibile da specificare. Tuttavia, la rete siriana per i diritti umani ha verificato e condiviso con Amnesty International i nomi di 375 persone che sono morte a Saydnaya a seguito di torture e altri maltrattamenti tra il marzo 2011 e l'ottobre 2016. Di questi, 317 erano civili al momento del loro arresto, 39 erano membri dell'esercito siriano e 19 erano membri di gruppi armati non statali. Nel corso della ricerca per questo rapporto, Amnesty International ha ottenuto i nomi di 36 persone aggiuntive che sono morte in seguito a tortura e altri maltrattamenti presso Saydnaya. Questi nomi sono stati forniti ad Amnesty International da ex detenuti che hanno assistito alle morti nelle loro celle.

3. La "Rete siriana per i diritti umani" (SNHR) del Regno Unito è probabilmente collegata ai servizi segreti esteri britannici, e presenta fonti di finanziamento alquanto dubbie. Si dice soltanto:

SNHR finanzia il suo lavoro e le attività attraverso sovvenzioni incondizionate e donazioni di privati e istituzioni.

Questa si che è vera trasparenza.(molto probabilmente si tratta di un'oprazione simile a questa, ndr)

SNHR è nota per affermazioni piuttosto ridicole circa le vittime causate da varie parti del conflitto. Non si sa cosa SNHR qualifichi come civili – includono anche le milizie armate? Da notare che nessuno dei civili legati alla SNHR è morto nel carcere sopra menzionato. Com'è possibile?

4. La relazione è piena di immagini satellitari di cimiteri ingranditi in Siria. Essa sostiene che queste espansioni sono un segno di fosse comuni di oppositori del governo. Tuttavia, non vi è lacuna evidenza di questo. Molte persone sono morte in Siria durante la guerra, di tutti gli schieramenti. L'allargamento, ad esempio, del Cimitero dei Martiri a sud di Damasco (p.29 / 30) non è certo un segno di uccisione di massa degli insorti anti-governativi. Sarebbero quelli onorati come martiri da parte del governo?

5. La relazione parla di "esecuzioni extragiudiziali", ma poi descrive le (militari) procedure giudiziarie. Si può discutere sulle leggi dello Stato siriano, ma i tribunali e le procedure che Amnesty descrive sembrano seguire le leggi siriane e processi legali. Sono in tal modo – per definizione – non extragiudiziali.

6. Nella riepilogo del rapporto di Amnesty si dice che "Le condanne a morte sono state approvate dal Gran Muftì di Siria e ...". Ma non ci sono prove rispetto ad una "approvazione" dal Gran Mufti nei dettagli della relazione.

Il giudizio viene inviato per posta militare al Gran Muftì di Siria, al Ministro della Difesa e al Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, incaricati di far firmare al presidente siriano Bashar al-Assad, che specifica la data di esecuzione.

E' assai improbabile che il governo siriano debba informare il Gran Muftì nei casi di procedimenti legali militari o criminali. Amnesty International può non amare questo fatto ma la Siria è uno Stato laico. Il Gran Muftì di Siria è un'autorità legale civile per alcuni seguaci della religione musulmana sunnita in Siria ma non ha alcun ruolo ufficiale giudiziario.

Viene citato anche in questo rapporto svizzero che paragona la libertà religiosa tra Svizzera, Stati Uniti e Siria:

In Siria un mufti è un esperto legale e religioso (faqih e 'alim), che ha il potere di dare raccomandazioni giuridicamente non vincolanti (cantare. Fatwa, pl. Fatawa) in materia di legge islamica.

Né nella costituzione siriana, né in alcuna legge siriana, si trovano riferimenti rispetto al Gran Mufti e a qualsiasi tribunale civile o militare. L'affermazione di Amnesty "approvato dal Gran Muftì della Siria" non viene confermata. E 'molto probabile che questo sia falso. Il Gran Mufti, lo sceicco Ahmad Badreddin Hassoun, è uno studioso moderato, riconosciuto e stimato. Egli dovrebbe citare in giudizio di Amnesty per questa calunnia.

L'attuale legge siriana prevede una pena di morte per alcuni reati gravi e violenti. Prima del 2011 le esecuzioni in Siria erano molto rare: la maggior parte di esse sono state commutate. Presumibilmente le leggi sono state modificate alla fine del 2011, dopo l'inizio della guerra, per contemplare la pena di morte come punizione possibile impedire ai terroristi di armarsi.

E 'molto probabile che l'esercito siriano o i tribunali militari abbiano condannato a morte"ribelli" nazionali e stranieri catturati e colpevoli di reati molto gravi. Si sta combattendo lo Stato islamico, al Qaeda e altri gruppi radicali ben noti per gli omicidi di massa e altre atrocità. E 'probabile che alcune di queste condanne a vengano applicate. Ma il governo siriano ha anche fornito l'amnistia a dieci migliaia di "ribelli" che hanno combattuto il governo, dopo che hanno deposto le armi.

Le affermazioni contenute nel rapporto di Amnesty si basano sui conti ipotetici e di parte dell'opposizione al di fuori del paese. I numeri del titolo – 5.000 a 13.000 – sono calcolati sulla base del ipotesi infondate. La stessa relazione afferma che solo 36 nomi delle persone presumibilmente morte sono note ad Amnesty, inferiore persino al numero di "testimoni" che Amnesty afferma di aver intervistato. L'elevato numero di esecuzioni annunciato, unitamente al bassissimo numero di nomi indicati, conferma che non è plausibile.

La relazione non soddisfa nemmeno il metro più basso della veridicità scientifica o giuridica. E' pura propaganda di parte.

(di Moon of Alabama. Traduzione a cura di Roberto Vivaldelli)

Fonte: http://www.oltrelalinea.news/2017/02/08/la-propaganda-di-amnesty-international-contro-assad/

 

La Siria denuncia il falso rapporto informativo di Amnesty International sulle esecuzionu capitali

Amnesty Siria1Il Ministero siriano della Giustizia ha qualificato come falso e senza fondamento il rapporto dell'organizzazione "Amnesty International" circa le presunte esecuzioni nella prigione di Sednaya, in una dichiarazione emessa a Damasco.
"Detto documento è totalmente falso, visto che le sentenze di pena di morte in Siria vengono emesse soltanto a seguito di un processo giudiziario che include vari gradi di giudizio, e questo rapporto ha soltanto la finalità di pregiudicare la reputazione del paese", ha indicato il comunicato del Ministero siriano.

Nel comunicato si è sottolineato che, coloro che si trovano dietro queste calunnie, cercano di ottenere quello che hanno fallito con l'appoggiare le bande terroriste, specialmente dopo delle continue vittorie dell'Esercito siriano.
Allo stesso modo, ha qualificato come sorprendente e censurabile la presunta esecuzione di giudici ed avvocati, perchè queste persone sono conosciute in numero e in nome non soltanto nel Ministero della Giustizia, ma anche nelle loro comunità, e sono indipendenti nel loro lavoro e rispettati e non interferiscono nella politica.

La dichiarazione ha precisato che il Ministero della Giustizia nega tutto il contenuto di questo rapporto e lo condanna energicamente perchè non si basa su prove corrette, ma su emozioni personali che cercano l'ottenimento di finalità politiche ben conosciute.

Amnesty Interntional è stata oggetto di numerose critiche per la sua opera ed informazioni del tutto parziali. Questa organizzazione, il cui finanziamentro procede da donazioni individuali, mai ha elaborato rapporti o documenti di denunce sul terrorismo o i massacri ai civili ,dopo le invasioni dell'Afghanistanm dell'Iraq o della Libia, fra le altre.

Nota: D'altra parte si sa chi sono gli sponsor di questa organizzazione :

A p.11 del Rapporto e Rendiconto Finanziario del 2011 di Amnesty International Limited è riportato: «I Direttori sono lieti di ringraziare per il loro supporto la John D. e Catherine T. MacArthur Foundation, l'Oak Foundation, l'Open Society Georgia Foundation (Gerge Soros), il Vanguard Charitable Endowment Programme, Mauro Tunes e l'American Jewish World Service. L'UK Department for International Development (Governance and Transparency Fund) ha prorogato il finanziamento per un progetto quadriennale a favore dell'educazione ai diritti umani in Africa.

Amnesty SiriaDunque è chiaro, Amnesty prende effettivamente del denaro, sia da governi che da finanziatori d'impresa; una di tali imprese è la nota Open Society, presieduta da George Soros, riconosciuto colpevole di crimini finanziari.
La leadership di Amnesty International – Anche la leadership di Amnesty ci dice qualcosa, in merito alla sua reale agenda. Suzanne Nossel, direttrice esecutiva di Amnesty International USA, per esempio, è stata designata direttamente dal Dipartimento di Stato americano; il che contraddice amaramente, ancora una volta, le dichiarazioni di Amnesty sulla sua "indipendenza" da governi e interessi delle corporations.

La Nossel ha continuato a promuovere la politica estera statunitense, ma semplicemente dietro un podio con un nuovo logo, quello di Amnesty International, affisso su di esso. Il sito web di Amnesty International menziona specificamente il ruolo della Nossel dietro le risoluzioni ONU appoggiate dal Dipartimento di Stato USA, riguardanti l'Iran, la Siria, la Libia, e la Costa D'Avorio. E' stato largamente documentato come questi temi girino attorno a un piano decennale, escogitato dalle grandi partecipazioni finanziarie, mirante a dividere, distruggere e saccheggiare le nazioni, viste come un ostacolo all'egemonia globale statunitense.

fonte: http://www.controinformazione.info/la-siria-denuncia-il-falso-rapporto-informativo-di-amnesty-international-sulle-esecuzionu-capitali/

Ti è piaciuto questo articolo? Invialo ad un amico!

Vota questo articolo
(2 Voti)
La propaganda di Amnesty International contro Assad - 4.5 out of 5 based on 2 votes