Politica

La legge che dice la verità su Israele

19 Luglio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Israeli Apartheid

Il parlamento israeliano, la Knesset, ha approvato una delle leggi più importanti della sua storia, oltre che quella più conforme alla realtà. La legge sullo stato-nazione (che definisce Israele come la patria storica del popolo ebraico, incoraggia la creazione di comunità riservate agli ebrei, declassa l’arabo da lingua ufficiale a lingua a statuto speciale) mette fine al generico nazionalismo di Israele e presenta il sionismo per quello che è. La legge mette fine anche alla farsa di uno stato israeliano “ebraico e democratico”, una combinazione che non è mai esistita e non sarebbe mai potuta esistere per l’intrinseca contraddizione tra questi due valori, impossibili da conciliare se non con l’inganno.

di , Haaretz, Israele

La legge che dice la verità su Israele - 3.0 out of 5 based on 4 votes

Il Ministero della verità (versione Pedante)

16 Luglio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

fakenews TastoNella mattinata di mercoledì 6 giugno ho avuto il piacere di partecipare ai lavori del convegno Propaganda in the EU organizzato da Marco Zanni nelle sale del Parlamento Europeo a Bruxelles, dove ho presentato il personaggio e i lavori de Il Pedante (qui le slide). Nel corso dell'evento è stato denunciato con forza il fenomeno della «lotta alle fake news» con cui si mira, anche nel nostro Paese (leggasi l'inquietante DDL Gambaro, n. 2688), a limitare la libertà di espressione sulla rete internet adducendo la «falsità» e l'«odio» di alcuni suoi contenuti. A modesta integrazione di quanto è già stato detto in quella sede, mi piace sviluppare qui una riflessione pedante sul tema.

di Il Pedante

Ma questa ministra Trenta per chi lavora? Ricorda la storia dei Trenta Denari…

08 Luglio 2018 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

trentaCerto noi speriamo che questa Signora lavori, e bene, per noi tutti. Ma una vicenda di questi giorni fa sorgere seri e fondati dubbi.

Il Ministro della Difesa pentastellato Trenta ha dichiarato delle cose veramente “oscene” in America sulla conferma degli F-35 e sull'aumento enorme delle spese militari, ed è stata poi costretta a fare una parziale frenata in Italia. Ma a ben guardare solo parziale, ed anche debolissima.

Ricordiamo che la Trenta viene dai corsi e dall'insegnamento in una strana università, la Link University… un vero incrocio di influenze gesuite ed atlantiste, presieduta dal vecchio democristiano Enzo Scotti… , ed ha poi fatto una bella carriera tra Difesa ed affari connessi alla Difesa. “Strana” come pentastellata…

In una intervista alla rivista militare USA Defense News (clicca per il link), la ministra Trenta aveva affermato: “ E’ un programma (quello degli F-35) che abbiamo ereditato ed abbiamo molti problemi da risolvere; ecco perché valuteremo il programma considerando i benefici tecnologici per l’interesse nazionale… Quello che vorrei fare è alleggerire il carico dato che abbiamo altri impegni di spesa (militari) in Europa. Cercheremo di allungare i tempi delle consegne invece di tagliare gli ordini. Il che ridurrà gli effetti negativi e le penalità”.

Certo una bella virata di 180 gradi rispetto ai proclami di anni dei M5S sul taglio netto degli F-35, per usare quei soldi in spese sociali per i cittadini. I soldi, se si risparmieranno, ma non è detto, finiranno ancora in spese militari.

 

(continua a leggere in basso)

 

Ma questa ministra Trenta per chi lavora? Ricorda la storia dei Trenta Denari… - 4.3 out of 5 based on 6 votes

Copyright, la partita non è finita. Quattro punti irrinunciabili perché la prossima proposta sia seria

06 Luglio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Il Parlamento europeo – 278 favorevoli, 318 contrari e 31 astenuti – ha detto no all’approvazione della proposta di direttiva sul copyright, rinviando il testo alla discussione in aula a settembre. La foto del tabellone del voto elettronico postata via Twitter da Julia Reda – l’eurodeputato del Partito Pirata tedesco, animatrice della protesta contro la proposta di direttiva europea sul diritto d’autore nel mercato unico digitale – ha fatto il giro di mezza Europa nello spazio di una manciata di minuti.

di Guido Scorza

parlamento europeo 1200x545 c 990x450

Copyright, la partita non è finita. Quattro punti irrinunciabili perché la prossima proposta sia seria - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Grecia: l’operazione è riuscita, il paziente è morto

06 Luglio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Grecia Paziente Morto

di  Roberto Pecchioli

Suonano a distesa le campane euro entusiaste: la Grecia è fuori della crisi che la attanaglia da dieci anni, la Troika (BCE, Fondo Monetario, Commissione Europea) che l’ha commissariata si ritira. Paolo Gentiloni, già primo ministro italiano, ha ringraziato commosso il suo omologo Tsipras, l’ex beniamino della sinistra fattosi massacratore del popolo greco.

Grecia: l’operazione è riuscita, il paziente è morto - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Parla Foa: “Legge sul copyright Ue? Neanche i gattini potremo pubblicare. Due i rischi”

29 Giugno 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

E’ scontro sulla nuova legge europea sul diritto d’autore che, a detta degli operatori della rete, introdurrebbe pesanti limitazioni alla libera circolazione delle notizie sul web. Due gli articoli incriminati,  l’11 e il 13. L’articolo 11 (cosiddetta link tax) costringerà chiunque utilizzi snippet di contenuti giornalistici online ad ottenere una licenza dall’editore. L’articolo 13 obbliga invece le piattaforme digitali a filtrare i contenuti pubblicati dagli utenti. In Italia sul video blog dell’esperto di comunicazione Claudio Messora  ByoBlu. è stata lanciata una petizione ai parlamentari europei affinché blocchino il testo di legge licenziato dalla Commissione giuridica del Parlamento Ue, evidenziando i rischi che l’entrata in vigore della legge produrrebbe sulla libera informazione. In tanti hanno risposto all’appello di Messora, ad iniziare dal giornalista e scrittore Marcello Foa intervistato da Lo Speciale.

Foà

LA DANZA MACABRA DEI VACCINI CONTINUA ANCHE CON LA NUOVA MINISTRA DELLA SALUTE

23 Giugno 2018 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

MINISTRESALUTEAppena si siedono sulla poltrona di Ministro della Salute lo spirito di Big Pharma si impossessa di loro… e dicono le stesse cose.

Colpite da possessione vaccinistica.

La Ministra Lorenzin ripeteva a sfinimento il mantra “Lo dice la Scienza…”. Ed ora la Ministra Grillo, dopo le esternazioni di Salvini critiche nei confronti dei dieci vaccini e della loro salubrità, replica prontamente tornando sul mantra lorenziniano dicendo : “La Scienza non la fa la Politica…”

Certo avrebbero ragione tutte e due, se la Scienza delle istituzioni scientifiche nazionali e mondiali fosse vera Scienza. Il problema è che è abbondantemente nelle mani della Industria farmaceutica e di forze anticoscienza. Perché in tema di vaccini deve avere ragione Burioni e non Miedico o Montanari? Sono scienziati anche questi ultimi.

E allora un Salvini alla ricerca di voti ha facile gioco nel dire la cosa giusta – vox clamantis in deserto – perché tanto il Ministero della Salute non ce l’ha lui… e poi ci sono gli alleati di cui tenere conto…

Un ministro della Salute veramente nuovo ed interessato alla salute dei cittadini dovrebbe avere il coraggio di istituire un gruppo di studio indipendente che conduca una indagine seria per arrivare a conclusioni certe.

E invece il massimo che vuole fare questa ministra ed anche Di Maio è rivedere – vedremo come – il tema dell’obbligatorietà. Certo una gran cosa se ci riescono, rispetto al nazista decreto Lorenzin.

Ma il tema centrale non cambierebbe: milioni di bambini, figli di genitori che non si informano a sufficienza, rimarrebbero esposti a prodotti che molti scienziati definiscono tossici e che continueranno a venire inoculati da un sistema compiacente verso Big Pharma e verso i poteri anticoscienza.

LA DANZA MACABRA DEI VACCINI CONTINUA ANCHE CON LA NUOVA MINISTRA DELLA SALUTE - 4.9 out of 5 based on 10 votes

Steve Bannon: "la capitale è il centro del mondo" - cosa significa?

04 Giugno 2018 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Steve BannonIn questi giorni si parla molto di Steve Bannon e del suo ruolo nelle negoziazioni che hanno portato alla formazione del governo Lega-5Stelle. Il super-consulente di Trump, nonchè ex membro del CDA di Cambridge Analytica, poi apparentemente caduto in disgrazia, non solo ha proclamato che l'accordo Lega-M5S è nato su suo suggerimento, ma ha spiegato chiaramente i perchè. Ovviamente, a chi ha orecchie per intendere.

Steve Bannon: "la capitale è il centro del mondo" - cosa significa? - 4.1 out of 5 based on 21 votes

IL "GOLPE STUPIDO" DI MATTARELLA E LA DANZA MACABRA

28 Maggio 2018 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Golpe StupidoL'uscita di Mattarella che blocca il governo di chi ha vinto le elezioni, viene motivata ufficialmente con l'intenzione di impedire i danni finanziari prodotti dai "populisti sovranisti", e di favorire gli interessi dei poteri finanziari ed europeisti dei quali lo stesso Presidente appare come un' evidente espressione.
Ma molti osservatori notano questa mattina giustamente che questa mossa ha una sola certa conseguenza: rafforza nell'opinione pubblica le posizioni proprio di quelli che sembrava voler bloccare. E potrebbe spingerli verso un successo elettorale ancora maggiore, scompigliando ed indebolendo ancora di più i partiti tradizionali filo-sistema.
È stupido il Presidente?   
Certamente no: è un uomo del sistema che fa bene gli interessi del sistema. Proprio per questo motivo lo hanno messo a fare il Presidente.
Ma allora che interesse ha il sistema trasnazionale oscuro e anticoscienza nell'ordinare una tale mossa apparentemente controproducente?
Vediamo...

IL "GOLPE STUPIDO" DI MATTARELLA E LA DANZA MACABRA - 4.4 out of 5 based on 63 votes

L'attacco all'acqua italiana

18 Maggio 2018 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Acqua Multinazionali1Ci hanno fatto fare il referendum. Abbiamo scelto l'acqua pubblica praticamente all'unanimità. Dopo sette anni la situazione è addirittura peggiorata, con due società straniere in procinto di accaparrarsi tutta l'acqua del centro-sud. Ne abbiamo parlato con l' Avv. Maurizio Montalto, presidente dell'Istituto Italiano Studi per le Politiche Ambientali, nonchè autore di "La rapina perfetta - L'attacco delle multinazionali alle fonti d'acqua italiane". 

L'attacco all'acqua italiana - 4.3 out of 5 based on 4 votes

La prossima guerra è già cominciata?

03 Maggio 2018 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Iran NetanyahuLa presentazione/show di Netanyahu, le bombe sui militari iraniani in Siria, quali sono gli sviluppi in medio oriente? Quali i fronti? Chi ha ragione? Che possiamo fare?

Buona visione!

La prossima guerra è già cominciata? - 4.6 out of 5 based on 5 votes

La UE crea una rete di censori. La libertà d’opinione è in pericolo!

01 Maggio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Censorship

E’ da un anno e mezzo che l’Unione europea e gli Stati Uniti preparano il terreno. E ora ci siamo: tra non molto avremo una rete di fact-checkers, naturalmente indipendenti, naturalmente rispettosi di un rigoroso codice etico e naturalmente dediti alla causa suprema: la lotta alle fake news ovvero del mostro che agita i sonni dell’establishment.

di Marcello Foà

La UE crea una rete di censori. La libertà d’opinione è in pericolo! - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Libia, sette anni di sventura Nato

27 Marzo 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

nato airstrikes libyaSette anni fa, il 19 marzo 2011, iniziava la guerra contro la Libia, diretta dagli Stati uniti prima tramite il Comando Africa, quindi tramite la Nato sotto comando Usa. In sette mesi, venivano effettuate circa 10.000 missioni di attacco aereo con decine di migliaia di bombe e missili.
A questa guerra partecipava l’Italia con cacciabombardieri e basi aeree, stracciando il Trattato di amicizia e cooperazione tra i due paesi.
Già prima dell’attacco aeronavale, erano stati finanziati e armati in Libia settori tribali e gruppi islamici ostili al governo, e infiltrate forze speciali, in particolare qatariane.

di Manlio Dinucci

Libia, sette anni di sventura Nato - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Il sostituto procuratore non arretra: "il governo spieghi perché i torturatori del G8 sono ai vertici della polizia"

22 Marzo 2018 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Zucca TorturatoriEnrico Zucca, sostituto procuratore di Genova, ha subito replicato alle critiche del Csm e della Polizia per un suo intervento a un convegno in cui ha fatto un parallelismo tra i torturatori di Giulio Regeni e le violenze compiute dalla polizia durante il G8 del 2001 a Genova: "i nostri torturatori sono ai vertici della polizia, come possiamo chiedere all'Egitto di consegnarci i loro torturatori?".
Il vicepresidente dell'organo di autogoverno della magistratura, Giovanni Legnini, e il capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno definito "inappropriate", "oltraggiose e infamanti" le parole pronunciate da Zucca mentre il procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio, ha avviato accertamenti preliminari sul pm e acquisirà tutti gli elementi conoscitivi sulle dichiarazioni del magistrato.

Il sostituto procuratore non arretra: "il governo spieghi perché i torturatori del G8 sono ai vertici della polizia" - 4.6 out of 5 based on 5 votes

Cambridge Analytica - La vicenda Facebook: tanto rumore per nulla?

22 Marzo 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Cambridge AnalyticaFacebook nasce come un gigantesco esperimento tecnologico, all'interno di un enorme programma per la raccolta d’informazioni e per il controllo della popolazione mondiale, che utilizza il web.
Un gigantesco "data base" mondiale, in cui i nostri dati personali, e le informazioni necessarie alla creazione dei singoli "profilings" di marketing commerciale, politico, sociale, psicologico, religioso, etc., non richiedono neanche, da parte del gestore, lo sforzo necessario all'acquisizione degli stessi: semplicemente perché sono i singoli utenti a fornirglieli. Con ciò che scrivono e che pubblicano, con le foto, con i commenti, con le esternazioni, con i " mi piace"...

di Fabio Petrucci

Cambridge Analytica - La vicenda Facebook: tanto rumore per nulla? - 4.2 out of 5 based on 5 votes

16 marzo 1978 – Aldo Moro viene rapito per toglierci sovranità e libertà

16 Marzo 2018 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

Moro40anniCosa possiamo fare noi ora per riprendercela.

Ormai sono passati 40 anni da quel rapimento, ed il quadro è chiaro: è molto più facile giudicare le cose del mondo dopo che il tempo ne ha mostrato il senso.

Come era l’Italia fino a quell’anno? In grande fermento, in grande crescita da tutti i punti di vista. Lati positivi e lati negativi, come il clientelismo, la presenza diffusa della malavita nelle regioni meridionali, un certo malaffare. Una classe imprenditoriale di successo, ed una politica effervescente, anche se ammalata di clientelismo e di corruzione. Un insieme di partiti e partitini, logge e loggette e ordini religiosi guidava un paese in modo caotico, ma tale da mantenerlo sostanzialmente libero e sovrano.

16 marzo 1978 – Aldo Moro viene rapito per toglierci sovranità e libertà - 4.2 out of 5 based on 19 votes

Votare? E se sì… cosa votare? Una prospettiva della coscienza.

27 Febbraio 2018 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

Indecisione

Bella domanda…

La prima considerazione da fare è che non abbiamo a disposizione delle opzioni valide da votare: le carte principali sono tutte truccate.

Il sistema partitico infatti- al di là di come si mostra nei media - non è libero, ma abbondantemente manipolato da grandi forze trasnazionali. E non da oggi, ma da secoli e secoli.

Due le grandi piramidi di potere in competizione tra loro fin dal tempo dei romani, e anche prima. Usate dalle forze anticoscienza per dominare gli individui e tentare di frenarne l’evoluzione libera verso la consapevolezza ed il Bene.

Una piramide concentra e sfrutta gli egoismi individuali, ed è la piramide – ora massonico conservatrice- opusdeista-pidusta-atlantista - che nel mondo alimenta e controlla la destra, le massonerie, gli ordini religiosi e i partiti conservatori. L’altra piramide, più difficile da individuare, basa il proprio potere sulla manipolazione dei buoni sentimenti delle persone, ed è quella piramide – ora “gesuito-massonica”- dalla quale derivano tutti i partiti di centro-sinistra, le massonerie che si presentano come “democratiche”, la sinistra vaticana, gli ambienti mondialisti, europeisti, l’alta finanza, il controllo della scienza e della cultura.

Nella Storia questi schieramenti anticoscienza sono emersi in varie forme, anche estreme, come dinamiche di scontro tra movimenti popolari e aristocratici, tra papato e impero, tra rivoluzionari e vecchi regimi, tra nazifascismo e potenze "massoniche", tra capitalismo e comunismo, tra destra e sinistra, ecc…

E’ il grande gioco del divide et impera, nel quale i veri interessi delle forze anticoscienza vengono comunque salvaguardati. Illudendoci che siamo noi a decidere qualcosa di forte e importante. Mentre in effetti decidiamo molto poco a livello di governo.

Votare? E se sì… cosa votare? Una prospettiva della coscienza. - 4.6 out of 5 based on 14 votes

Fanno uno scoop sugli illeciti nello smaltimento di rifiuti in Campania, ma la procura li indaga.

21 Febbraio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Fanpage.it scrive un’inchiesta su politica e affare rifiuti a Napoli che scatena la procura di Napoli. Sette gli indagati per ora:  il consigliere regionale e candidato alla Camera per Fratelli d’Italia Luciano Passariello, il suo fedelissimo Agostino Chiatto, il consigliere delegato della Sma Campania Lorenzo Di Domenico, il commercialista Carmine Damiano e gli imprenditori Nunzio Perrella, Rosario Esposito e Antonio Infantino. Tra loro c’è anche il secondogenito del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Fanpage

Fanno uno scoop sugli illeciti nello smaltimento di rifiuti in Campania, ma la procura li indaga. - 5.0 out of 5 based on 4 votes