Nuovo Ordine Mondiale e visione spirituale del mondo

nuovo ordine mondiale e spiritualita1

di Piero Cammerinesi                                                   (corrispondente di Coscienzeinrete Magazine negli Stati Uniti)

 

 

"Si è alla vigilia di eventi che possono essere gravemente distruttivi per l'uomo o preludere a una rinascita nel segno dello Spirito".

Massimo Scaligero, Iniziazione e Tradizione



Houston, 8 maggio 2012.


Chi ritiene di percorrere un sentiero spirituale ha il dovere di non confinare tale attività solo nella parte più intima della propria individualità.

Al contrario, deve misurarsi costantemente con il mondo esteriore, deve imparare a interpretarne le dissonanze e gli enigmi mediante le conoscenze e le capacità acquisite grazie al lavoro interiore.

È l'uomo intero a percorrere un sentiero spirituale, non solo la sua testa. Il fatto che la testa sovente rifugga dal 'contaminare' la pura riflessione spirituale con la contraddittorietà spesso incomprensibile del mondo esteriore, con la presunzione di mantenere 'puri' determinati contenuti – non messi al vaglio della realtà esteriore – fa pensare alla pretesa dell'eremita di aver vinto le tentazioni della carne solo per il fatto di non essersi più allontanato dal proprio eremo.

Al contrario, misurare le proprie esperienze interiori e le proprie conoscenze con la poliedricità del mondo esteriore insegna a guardare alla totalità del mondo– e non solo alle verità 'protette' di cui ci siamo appropriati - come επιφανεια, manifestazione del divino.

Una di queste realtà – forse la più complessa perché a sua volta 'contaminata' da istanze personalistiche – è quella politica, che ci riesce difficile da osservare nel suo insieme e soprattutto da interpretare alla luce del sentiero spirituale, perpetuando in tal modo dentro di noi la nefasta separazione di scienza e religione.

Un argomento politico poco noto alle grandi masse ma particolarmente attuale per le nuove generazioni di utenti del web è quello del NWO o Nuovo Ordine Mondiale.

Il fatto che quest'argomento sia quasi esclusiva di autori o divulgatori spesso poco attendibili, ha fatto sì che esso, sin dall'inizio, venisse giudicato dai frequentatori del mainstream come una fantasia complottista. In tal modo si muovono le opinioni umane e non è peregrino ipotizzare che le stesse vengano indirizzate sapientemente da chi sa come conseguire i propri obiettivi attraverso la manipolazione delle masse.

La 'banalizzazione' di questo progetto e il suo venir praticamente monopolizzato da parte di correnti 'alternative', new age e 'complottiste' ne ha di fatto svuotato, agli occhi della pubblica opinione, le caratteristiche di estrema autenticità e di inquietante pericolosità.

nuovo ordine mondiale e spiritualita4Il NWO nasce dalla convinzione anglo-americana di aver dato vita, con la nascita degli USA, ad un Paese con un destino unico e provvidenziale.

Una luce tra le Nazioni, un modello di civiltà, libertà e democrazia, una speranza per tutti i popoli in difficoltà, come efficacemente simboleggiato dalla statua della libertà. Dopo la II guerra mondiale questa convinzione, nutrita all'interno dei circoli anglosassoni – occulti e non – è stata di fatto 'esportata' in tutto il mondo, diventando in qualche modo una verità assodata per tutti.

In fondo, come sosteneva Goebbels, una menzogna ripetuta all'infinito diventa verità...

L'american dream, la musica, l'abbigliamento, la politica, la cultura, tutto è espressione dell'eccezionalità nordamericana.

Gli Stati Uniti d'America rappresentano per i circoli che coltivano il NWO - e il New American Century - la civiltà che ha raccolto l'eredità dell'Impero Romano. E le similitudini - per singolare che ciò possa apparire – non mancano: basti pensare che il primo appezzamento di terreno su cui sorse Washington DC si chiamava Rome ed il proprietario era un certo signor Pope! Ma non è tutto; vi scorreva all'interno un fiumiciattolo, che si chiamava, guarda caso...Tiber!

L'eredità imperiale, cosmopolita, culturalmente e militarmente dominante della Roma imperiale viene dunque raccolta dal nuovo Stato, nato dagli ideali massonici della 'Terra promessa'; una 'New Rome' a partire dalla Gran Bretagna e dall'America, un Impero mondiale, un 'pensiero unico' ed uno stile di vita globale.

"A tale fine nacque una nuova nazione, gli Stati Uniti d'America, il primo 'Stato mondiale', costituito da immigranti provenienti da ogni parte del mondo invece che da una sola comunità etnica; una nuova Atlantide com'era intesa dall'occultista britannico dell'era elisabettiana John Dee, consigliere della Regina Vergine e da Francis Bacon, Cancelliere di Guglielmo I e sostenuta dall'élite scientifico-sacerdotale". (1)

Francis Bacon vagheggiava una 'Nuova Atlantide' in cui l'America del Nord sarebbe stata guidata da un élite di scienziati-filosofi – il che nel linguaggio odierno comprenderebbe uomini d'affari, avvocati, docenti universitari etc. – interamente rivolta al materialismo ed al profitto. Un Novus Ordo Seclorum destinato a dominare il mondo in opposizione al vecchio ordine rappresentato dall'Oriente, con la sua oligarchia di sacerdoti-politici. Lo stesso Alexis de Tocqueville così si espresse, negli anni '30 del XIX secolo sull'emergente potenza americana: "Sto mettendo a fuoco le nuove caratteristiche in cui il dispotismo può presentarsi nel mondo. La prima cosa che colpisce è la visione di una quantità innumerevole di persone – tutte simili e identiche – che si affannano a procurarsi i piaceri più meschini e insignificanti con i quali riempire le proprie esistenze. Ciascuno di loro, vivendo separatamente è estraneo al destino degli altri; i suoi figli e i suoi amici più stretti rappresentano per lui l'intera umanità. Quanto al resto dei suoi concittadini, sono accanto a lui ma lui non li vede; li tocca ma non li sente; lui esiste in se stesso e solo per se stesso; se gli resta la sua famiglia non può dire in nessun caso di aver perso il proprio Paese.

Al di sopra di questa popolazione umana si trova un immenso potere tutorio che si arroga il diritto di assicurare loro le gratificazioni e di controllarne il destino. Questo potere è assoluto, capillare, regolare, previdente e delicato. Potrebbe assomigliare all'autorità di un genitore se - come nel caso di un genitore - l'obiettivo fosse quello di preparare i giovani alla maturità ma, al contrario, esso cerca di mantenerli in una fanciullezza perpetua; è ben contento che il popolo sia felice a patto che esso non pensi a nulla se non a essere felice". (2)

Potremmo addirittura far risalire il germe del NWO all'XI secolo, allorché i Normanni conquistarono la Gran Bretagna e la Sicilia, ponendo nel popolo anglosassone il principio del materialismo destinato a gettare le basi del 'Nuovo Mondo'.

Le società segrete britanniche e successivamente anglo-americane hanno costantemente lavorato per porre il mondo intero sotto il giogo del materialismo. Da quest'autoinvestitura - e dal conseguente obiettivo di una dominazione mondiale anglo-americana - alla propensione a considerare lecita la propria missione di 'esportatori' di civiltà e democrazia il passo è breve ed è passato attraverso la creazione della Società delle Nazioni prima e delle Nazioni Unite poi.

Tutte le 'creature' di questa civiltà sono state ideate per assolvere al loro compito, vale a dire quello di asservire il mondo intero ai propri interessi. In fondo il principale obiettivo di qualsiasi Impero è quello di mantenersi tale. Il liberismo economico sregolato, il consumismo fine a sé stesso, la globalizzazione, l'onnipotere dei media sono tutte istanze che portano allo svilimento dell'uomo che – ridotto a consumatore - viene privato della sua dimensione spiritualmente libera.

Nonostante il mondo americano faccia un uso sfrenato della parola libertà, le sue azioni hanno regolarmente tradito tale ideale, inizialmente all'esterno dei propri confini ed oggi anche all'interno.

nuovo ordine mondiale e spiritualita3"Cos'è la libertà per un americano? Quello che gli serve a render la vita più comoda possibile. Chiama libertà quello che deve intrecciarsi con l'ordine sociale in modo che ciascuno possa procedere nel migliore dei modi nel mondo esteriore. Libertà per gli americani è un prodotto utilitaristico". (3)

Il compito che il NWO si è assunto è stato sin dall'inizio – una volta eliminata l'influenza spiritualmente equilibrante dell'Europa centrale con due guerre mondiali - quello di dominare il mondo raccogliendo il testimone della civiltà romana e dedicandosi all' 'educazione' dello spirito russo. I programmi dell'Ovest anglo-americano – come rileva Rudolf Steiner nel primo Memorandum del 1917 – sono "illusori e fittizi", parlano di libertà ma rendono impossibile la vera libertà al resto del mondo trasmettendo l'impressione che solo loro siano in grado di fare qualcosa per la salvezza del genere umano. (4)

"La metà di questo secolo [il XX] sarà un momento molto significativo. (...) Infatti questo dominio del materialismo porta al tempo stesso in sé ilgerme della distruzione. La distruzione che è iniziata non si fermerà. (...) E la responsabilità di tutto ciò ricadrà su quella parte cui spetterà il dominio mondiale". (5)

Dalla metà del secolo XX, finito il secondo conflitto mondiale, chi non si assoggetta al progetto del NWO ha, infatti, due sole prospettive: vivere nel terrore o venir distrutto.

Il terrore dei comunisti durante la guerra fredda prima, il terrore dei cinesi e dei coreani poi, degli arabi oggi. Angosce create ad arte e diffuse capillarmente nelle popolazioni mondiali per impoverire il tessuto animico e per inibire possibili reazioni. Come previsto da Orwell nel suo 1984 la pratica dell'odio e della paura rende le masse manipolabili.

Oppure la distruzione: la distruzione dell'Afghanistan, dell'Iraq, della Libia, di tutti gli Stati sovrani che non si sono piegati al loro disegno di predominio mondiale.

Lo stesso progetto europeo è stato sostenuto e promosso instancabilmente dagli USA con la finalità evidente di portare l'intera Europa sotto l'ala protettrice dell'aquila americana e della NATO e alleata all'Orso russo - nel frattempo addomesticato con il consumismo - per contrastare quella che sarà la vera sfida del XXI secolo, come la Germania lo fu nel XX: la Cina.

Facile intravedere dietro questo disegno strategico "la costruzione di un nuovo Impero Romano globale bastato sull'unione euro-americana, che servirà in modo esemplare da veicolo all'incarnazione di Ahriman, lo Spirito che si prefigge di dominare il mondo intero per trasformarlo nella sua 'mente collettiva'. La massoneria ha portato proprio a questo: la creazione di un Impero Romano globale di materialismo". (6)

Ora è il turno della Siria e prossimamente lo sarà dell'Iran. Il progetto di demonizzazione dell'Islam – a parole naturalmente tale demonizzazione viene puntualmente negata – ed il mito del Clash of Civilizations (scontro di civiltà) di Samuel Huntington sono stati abilmente messi in atto da decenni ed oggi iniziano a dare i loro risultati, con maggioranze silenziose qui negli USA pronte ad appoggiare altre guerre di espansione, una volta chiamate 'guerre giuste' ed oggi divenute, quasi per magia, 'guerre umanitarie'.

Il concetto di guerra umanitaria o di terroristi - che quando combattono dalla propria parte sono patrioti e quando sono dalla parte avversa diventano terroristi - sono il risultato di una profonda 'contaminazione' del linguaggio che è stato piegato alle esigenze dell'Impero, il quale non può rischiare di vedere le proprie scelte inficiate da un eventuale mettersi di traverso di un'opinione pubblica che chiami le cose con il loro nome, che con il termine guerra intenda morte, distruzione, fame, ingiustizia. Allora se la chiamiamo guerra umanitaria mettiamo in primo piano il bene che si pretende di perseguire, così che il termine guerra evocherà al massimo un riferimento ai collateral damage, ai danni collaterali.

Oggi la "guerra globale al terrorismo viene presentata come 'scontro di civiltà', una lotta tra valori e religioni in competizione, mentre in realtà si tratta di una pura e semplice guerra di conquista, determinata da obiettivi strategici ed economici". (7)

Che poi sono l'assicurare – sotto la direzione della Banca Mondiale e dell'IMF, il Fondo Monetario Internazionale – agli USA ed ai loro alleati il controllo delle fonti di energia, la privatizzazione delle aziende di proprietà statale ed il trasferimento delle risorse economiche dei Paesi aggrediti nelle mani del capitale straniero.

Ora però – con le recenti vicende di Siria e Iran - per la prima volta negli ultimi decenni questa incontrastata espansione sembra venir ostacolata dall'opposizione combinata di Russia e Cina. Allora ai proclami di guerra si sostituisce il subdolo alimentare la guerra civile interna con la speranza che un altro regime sgradito – o non più gradito - all'Impero venga rovesciato da improbabili 'primavere arabe', come è già accaduto nel caso di Tunisia, Egitto e Libia.

Tutta l'attenzione continua comunque a essere sistematicamente indirizzata verso l'esterno, mentre all'interno degli USA sono in continuo aumento le misure antidemocratiche e le limitazioni delle libertà individuali, con la militarizzazione della polizia, i poteri praticamente illimitati attribuiti da Obama alla Homeland Security, con il rinnovo quadriennale, nel 2011, del Patriot Act che sancisce la legalità di arresti, torture e finanche di uccisioni di cittadini americani se richiesto dalla 'sicurezza nazionale' nonché di controllo – meglio dire spionaggio – pressoché assoluto sull'intera popolazione.

Tutto ciò fa pensare che qualcosa stia vigorosamente spingendo le élite dominanti ad accelerare la realizzazione del progetto del NWO attraverso sempre più manifesti processi di controllo e di mistificazione degli eventi a livello mondiale.

Probabilmente questo è dovuto a due ordini di fattori.

Prima di tutto all'aumento esponenziale delle persone che – grazie ad Internet – riescono ad informarsi in tempo reale di quanto accade nel mondo, sfuggendo alle 'sirene' del mainstream, da anni ormai quasi completamente embedded. In secondo luogo al 'risveglio interiore' di molte persone che iniziano a prendere posizione – interiormente ed esteriormente – contro la realizzazione del progetto del NWO, che sta palesemente trascinando l'umanità su una china disastrosa.

Gli effetti della crisi economica del 2008 stanno infatti palesando le contraddizioni del liberismo assoluto - che ha di fatto deificato il 'Mercato' ponendolo al di sopra di ogni valore umano – mostrando il vero volto del progetto di un Nuovo Ordine Mondiale.

Rudolf Steiner affermò espressamente, nel lontano 1919, che "l'elemento anglo-americano potrà certamente conseguire il dominio mondiale ma senza la tripartizione della società tale dominio inonderà il mondo con la malattia e la morte della cultura" (8).

Vale a dire che senza la 'correzione' dell'idea della tripartizione dell'organismo sociale il modello anglosassone non porterà che degradazione alla cultura umana.

Quali sono dunque, alla luce di queste indicazioni, le conseguenze per l'umanità di questo modello in termini di sofferenza per la vita umana? Il capitalismo sfrenato, il consumismo, la globalizzazione, l'inquinamento, la diffusione capillare della droga, la volgarizzazione della cultura, sostituita dal culto delle immagini televisive, l'apparire a scapito dell'essere.

Il perpetuarsi di vastissime sacche di miseria e di degradazione e l'incessante ricorso alla guerra e alla sopraffazione di chi non segue gli stessi principi sociali o politici.

Come non riconoscere negli eventi di oggi le avvisaglie di quella 'terza prova' cui alludeva Massimo Scaligero come a una necessaria correzione al deragliamento della cultura occidentale: "Questa contraddizione giunta collettivamente al limite, ormai per la seconda volta, nell'attuale secolo, conoscerà la sua istanza risolutiva nei prossimi decenni quando si presenterà la terza prova: la quale è virtualmente cominciata e pesa ormai su ciascun essere umano, come segreta

nuovo ordine mondiale e spiritualita2angoscia, come segreta paura, come senso d'inutilità e senso di impotenza." (9)

Il senso di angoscia che pervade – ormai da decenni – le popolazioni umane è stato creato ad arte dalle élite dominanti per mantenere le persone in uno stato di continua soggezione, di paura di perdere quanto si è acquisito - quando non la vita stessa - sempre per colpa dell'altro: il bolscevico, il brigatista, il terrorista...

Quale via d'uscita?

L'unica possibile; quella della consapevolezza e della lucidità sempre maggiori di chi intraprende con serietà un percorso spirituale.

Quella di un'azione interiore e di una trasformazione progressiva di se stessi in accordo con la lucida comprensione dei segni dei tempi.

Senza trascurare la pervicace tenacia nell'indagare ogni aspetto della nostra vita – compresa la politica, la storia e l'economia - alla luce della conoscenza spirituale, che deve divenire il nostro fedele strumento di conoscenza sia del Mondo spirituale sia di quello fisico.

"L'ora presente – scrive Massimo Scaligero - è grave: non è una espressione retorica, questa. Chi conosce come realmente stiano le cose, sa che quei pochi che hanno una qualunque responsabilità interiore, non dovrebbero ormai perdere più un minuto di tempo, non dovrebbero più rimandare di un attimo la loro decisione per quei superamenti che in segreto essi veramente conoscono di quale natura debbano essere". (10)

(1) Terry Boardman, Rome and Freemasony. The greatest irony. http://www.monju.pwp.blueyonder.co.uk/NWO11.htm

(2) Alexis de Tocqueville, Democracy in America

(3) Rudolf Steiner, O.O.157 Destini umani e destini del popoli

(4) Rudolf Steiner, O.O.24 I Memorandum del 1917. Tilopa, 1991. Pag.33

(5) Rudolf Steiner, O.O.194 La missione di Michele - La manifestazione dei segreti dell'essere umano

(6) Terry Boardman, Rome and Freemasony. The greatest irony. http://www.monju.pwp.blueyonder.co.uk/NWO11.htm

(7) Michel Chossudovsky, Towards a World War III Scenario. https://store.globalresearch.ca/store/towards-a-world-war-iii-scenario-the-dangers-of-nuclear-war/

(8) Rudolf Steiner, O.O.194 La missione di Michele - La manifestazione dei segreti dell'essere umano

(9) Massimo Scaligero, Iniziazione e Tradizione, pag.42

(10) Ibidem

Ti è piaciuto questo articolo? Invialo ad un amico!

Vota questo articolo
(0 Voti)